HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

INFORTUNIO: PER LE SANZIONI 231 VA VERIFICATO IL MOGC

3 minuti, Redazione , 30/10/2019

Infortunio: per le sanzioni 231 va verificato il MOGC

La sanzione d.lgs. 231/01 verso la società non va di pari passo con la condanna penale dell'imprenditore in caso di infortunio sul lavoro. E non basta la verifica del POS

Con la sentenza 43656/2019 della Quinta sezione penale del 28 ottobre 2019 ,  i giudici di Cassazione hanno stabilito che le sanzioni previste dal d. lgs 231 2001 per  responsabilità amministrativa dell'impresa in un caso di infortunio sul lavoro possono essere applicate  solo dopo la verifica del Mogc (Modello di organizzazione, gestione e controllo, previsto dallo stesso decreto)  anche nel caso l’imprenditore sia stato  condannato penalmente. 

La sanzione 231 infatti  scatta se l'impresa ottiene un  risparmio di spesa o un vantaggio dall’inosservanza delle norme sulla sicurezza sul lavoro . Questo aspetto puo essere chiarito solo dalla espressa valutazione del MOGC, aspetto del tutto trascurato dalla Corte di Appello.

Nel caso  in questione, (un operaio dipendente di una srl che forniva un servizio in subappalto  aveva perso la vita nell'utilizzo di una palificatrice) è emerso infatti che i giudici di merito non avevano preso in considerazione il documento aziendale , regolarmente predisposto .

La Cassazione  pur confermando le responsabilità individuali dell'imprenditore e del capo cantiere, non riscontra la responsabilità amministrativa dell'ente secondo il d.lgs 231/01 , e afferma che:

" la sentenza impugnata, al di là di un generico richiamo ad una maggiore velocità nell'esecuzione dei lavori , non indica puntualmente quale "interesse" o "vantaggio" sia stato ravvisato nell'agire dell'ente, non misurandosi con la circostanza che risulta essere stato stipulato un contratto di "nolo a caldo", rispetto al quale si ignorano le pattuizioni retributive intercorse tra le ditte; ma, soprattutto, risulta del tutto omessa nelle sentenze di merito la valutazione sul contenuto e sulla idoneità del modello organizzativo, tema che pure la difesa aveva seriamente posto con l'atto di appello  e con la memoria successiva (18 ottobre 2017), rinvenendosi soltanto considerazioni circa il P.O.S.  che è cosa diversa. In altre parole, i giudici di merito hanno svolto l'equazione "responsabilità penale della persona fisica datore di lavoro / preposto = responsabilità amministrativa dell'ente", trascurando l'articolata disciplina posta dal d. Igs. n. 231 del 2001.  "

La sentenza  afferma quindi il principio di diritto , a cui richiama il giudice del rinvio, per cui :

"In tema di responsabilità degli enti derivante da reati colposi di evento in violazione della normativa antinfortunistica compete al giudice di merito, investito da specifica deduzione, accertare preliminarmente l'esistenza di un modello organizzativo e di gestione ex art. 6 del d. Igs. n. 231 del 2001; poi, nell'evenienza che il modello esista, che lo stesso sia conforme alle norme; infine, che esso sia stato efficacemente attuato o meno nell'ottica prevenzionale, prima della commissione del fatto" .

Si ricorda che il Sistema di Responsabilità Amministrativa dell’Ente è stato istituito con il Decreto Legislativo 231/2001  e  prevede che qualora un soggetto, dipendente o collaboratore, operante in una società, commetta uno dei reati presupposto, previsti dal D.lgs. 231/2001, a vantaggio della società stessa, questa potrà essere condannata e subire una delle sanzioni previste dallo stesso D.lgs. 231/2001. Tale responsabilità si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto. Per esserne esonerata , la società deve dimostrare di aver adottato ed  attuato, precedentemente all'evento,  un efficace modello di organizzazione, gestione e controllo idoneo a prevenire il rischio dei reati seguenti : 

  • Reati societari,
  • Indebita percezione di erogazioni da parte dello Stato, o altro Ente Pubblico o Comunità Europea,
  • Concussione, Corruzione,
  • Frode informatica in danno dello Stato o di un Ente pubblico e trattamento illecito di dati,
  • Impiego di lavoratori stranieri irregolari,
  • Omicidio colposo e lesioni gravi o gravissime commessi in violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell’igiene e della salute sul lavoro,
  • Reati ambientali,
  • Autoriciclaggio.
     

Per approfondire sul tema  vedi il Commento a sentenza "Responsabilità per infortunio- Cass 29646/2018"

Allegato

Cassazione 43656 2019 MOCG 231

Tag: SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 02/02/2023 Bonus 200 euro: per i collaboratori riesame d'ufficio

Nuove istruzioni INPS per le domande respinte del bonus 200 euro per collaboratori assegnisti, occasionali e stagionali. Tabella di riepilogo dei requisiti. Scadenza 28 febbraio 23

Bonus 200 euro: per i  collaboratori riesame d'ufficio

Nuove istruzioni INPS per le domande respinte del bonus 200 euro per collaboratori assegnisti, occasionali e stagionali. Tabella di riepilogo dei requisiti. Scadenza 28 febbraio 23

Sicurezza industrie chimiche: linee guida INAIL 2023

Pubblicate in un volume INAIL gratuito le Linee di indirizzo aggiornate per la salute e sicurezza sul lavoro nell'industria chimica: standard UNI ISO 45001 e modello 231

Opzione donna 2023:  domande al via

Aggiornata la piattaforma per le domande per la pensione anticipata Opzione Donna con la proroga e i nuovi requisiti restrittivi della legge di bilancio 2023

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.