HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

INDENNITÀ CESSAZIONE AGENZIA: COME SI VALUTA L'EQUITÀ?

2 minuti, Redazione , 28/11/2018

Indennità cessazione agenzia: come si valuta l'equità?

Ordinanza Cassazione n. 25740 -2018: l'attribuzione dell'indennità per cessazione del rapporto di Agenzia va valutata in rapporto alla permanenza dei vantaggi per l'azienda

La Cassazione torna sul calcolo dell'indennità di cessazione del rapporto  di agenzia nella ordinanza n. 25740  del 15 ottobre 2018  riaffermando il principio per cui il giudice di merito è chiamato a verificare se l'indennità di cessazione del rapporto, nella misura calcolata sulla base dei criteri dettati dalla  contrattazione collettiva, possa considerarsi "equa", nel senso di compensativa anche del particolare merito dell'agente  sui vantaggi che permangono all'azienda dopo la cessazione del rapporto. 

La pronuncia  aveva ad oggetto la richiesta di pagamento dell’indennità in caso di cessazione del rapporto, relativamente allo svolgimento di un incarico di promozione e collocamento di prodotti finanziari e anche per lo svolgimento dell'attività di manager di un team di agenti.
Sia in primo che in secondo grado i Giudici avevano respinto la domanda di parte  perche   l’agente non aveva dimostrato che, pur a fronte della cessazione del rapporto di lavoro, la preponente aveva continuato a lucrare un vantaggio economico, sulla “scia” dell’attività da lui svolta in precedenza.
La Corte di appello ha inoltre stabilito che in relazione allo svolgimento dell’attività di team manager non  si puo ritenere legittima l’indennità regolamentata dall’art. 1751 c.c.
A seguito della pronuncia del Giudice del gravame il lavoratore ha proposto ricorso per cassazione 
La Corte ha rigettato il ricorso affermando che la Corte di appello, nell'interpretare l'art. 1751 cod. civ., ha ritenuto evidente che il legislatore ha subordinato l'attribuzione dell'indennità "non solo all'incremento della clientela o, in alternativa, allo sviluppo sensibile degli affari con i clienti già esistenti ma piuttosto al fatto he questi tragga ancora sostanziali vantaggi da quei rapporti che, dunque, debbono permanere, per un arco ragionevole di tempo"; ha quindi precisato, anche con il richiamo a precedenti di legittimità (Cass. n. 15203/2010; Cass. n. 23996/2008), come "una volta acquisiti questi elementi" si pone  altresì il quesito se la fruizione dell'indennità sia equa" (cfr. sentenza, p. 3, primo capoverso): e cioè ha dato una lettura cumulativa (e non alternativa) dei requisiti 

Secondo gli Ermellini inoltre  la Corte territoriale ha fatto corretta applicazione dell'art. 1751 cod. civ., escludendo dall'ambito di applicabilità della norma l'attività di reclutamento e coordinamento degli agenti.

La cassazione ha pronunciato il seguente principio di diritto: "L'art. 1751 c.c., comma 6, nel testo sostituito dal D.Lgs. 10 settembre 1991, n. 303, art. 4 si interpreta nel senso che il giudice deve sempre applicare la normativa che assicuri all'agente, alla luce delle vicende del rapporto concluso, il risultato migliore, siccome la prevista inderogabilità a svantaggio dell'agente comporta che l'importo determinato dal giudice ai sensi della normativa legale deve prevalere su quello, inferiore, spettante in applicazione di regole pattizie, individuali o collettive".

Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO AGENTI E RAPPRESENTANTI AGENTI E RAPPRESENTANTI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

EMERGENZA CORONAVIRUS · 17/09/2021 Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro dal 15 ottobre: la bozza del decreto

Dal 15 ottobre Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro pubblici e privati, dove si applica e sanzioni: ecco la bozza del testo del decreto presentato al Consiglio dei Ministri

Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro dal 15 ottobre: la bozza del decreto

Dal 15 ottobre Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro pubblici e privati, dove si applica e sanzioni: ecco la bozza del testo del decreto presentato al Consiglio dei Ministri

Concorsi  Agenzia Entrate  2021: tutte le novità

Requisiti, date prove, sedi lavoro stipendi: tutto quello che serve sapere sui concorsi per 2320 funzionari amministrativi e 100 informatici per l'Agenzia. Scadenza domande 30.9.21

Distacco e smart working in Italia: non applicabile la retribuzione convenzionale

L'Agenzia conferma il suo orientamento con la risposta a interpello 590 2021 : per la retribuzione convenzionale servono i 183 giorni di effettivo lavoro all'estero

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.