pensione amianto

Rassegna stampa Pubblicato il 19/11/2018

Benefici previdenziali esposizione all'amianto 2019-2020

Con il Messaggio 4253 del 15 Novembre 2018 l'NPS comunica l'estensione per gli anni 2019 e 2020 dei benefici previdenziali per l'esposizione all'amianto

Con il Messaggio 4253 del 15 Novembre 2018, INPS offre  chiarimenti  sui benefici previdenziali derivanti dall'esposizione all'amianto previsti per i lavoratori delle imprese che hanno svolto attività di bonifica, affetti da patologia asbesto-correlata  per  esposizione all’amianto, riconosciuti anche per gli anni 2019 e 2020.

 La  maggiorazione dell’anzianità assicurativa e contributiva, di cui all’articolo 1, comma 117, della legge n. 190 del 2014, trova applicazione anche per i trattamenti pensionistici aventi decorrenza nel corso degli anni 2019 e 2020.

Inoltre, il beneficio dell’accompagnamento alla quiescenza, di cui all’articolo 1, comma 276, della legge n. 208 del 2015, è riconosciuto fino all’anno 2020.
Per accedere al beneficio, gli interessati devono presentare, entro e non oltre il 30 novembre 2018, apposita domanda telematica, tramite i  canali posti a disposizione dall’Istituto:

  • Web attraverso il servizio online dedicato, se in possesso di un codice PIN rilasciato dall’INPS, di una identità SPID o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS) per l’accesso ai servizi telematizzati dell’Istituto;
  • Contact Center multicanale, chiamando da telefono fisso il numero verde gratuito 803 164 o da telefono cellulare il numero 06 164164, a pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico, se in possesso di un codice PIN;
  • Patronati e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi, anche se non in possesso di un codice PIN.

Per le istruzioni applicative del citato comma 276 si rinvia ai messaggi n. 2769/2016 e n. 3329/2016.

Scarica il Testo Unico della Sicurezza aggiornato .

Ti puo interessare l'e-book   "CASI REALI SICUREZZA SUL LAVORO" di R. Staiano , con esempi di ricorso e fac-simili 

Fonte: Inps





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)