enti di formazione

Rassegna stampa Pubblicato il 11/10/2018

Anpal: per l'alternanza scuola-lavoro nuove alleanze

I progetti ANPAL per migliorare le esperienze di alternanza scuola-lavoro: alleanza con Confetra e con Camera di commercio italo-germanica per la formazione dei tutor specializzati

L’Agenzia nazionale per il lavoro, ANPAL, ha siglato lo scorso 8 ottobre   un accordo  con Confetra  per una collaborazione per  l’alternanza scuola-lavoro. Confetra è la confederazione  nazionale delle associazioni di  imprese del trasporto e della logistica . Il protocollo di intesa è rivolto  migliorare i percorsi di transizione dall’istruzione al lavoro, a partire dalla diffusione di modelli efficaci di alternanza scuola-lavoro.

Nell'accordo sono indicati i seguenti obiettivi  e attività: 

  •     diffusione della cultura dell’alternanza e di altri strumenti della transizione (come tirocini e apprendistato)
  •     valorizzazione e adozione di modelli e buone pratiche
  •     organizzazione di eventi di sensibilizzazione
  •     diffusione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro tra gli associati
  •     incontri periodici per verificare lo stato d’attuazione del protocollo

L’accordo con Confetra fa parte di un quadro più generale che già comprende  sinergie strette con le stesse finalità ,   con altri soggetti ed enti dei diversi settori produttivi professionali e del terziario  come Federterme, Amesci, Unsic, Federdistribuzione, Manageritalia, Confprofessioni, Fondazione Consulenti per il Lavoro e Federturismo.

L'agenzia sta inoltre portando avanti  il progetto di  formazione di nuovi tutor previsti  per una migliore organizzazione e controllo delle attività lavorative degli studenti  Il primo corso  partira a Bologna, il prossimo 16 ottobre. Coinvolgerà  10 tutor didattici e 5 tutor aziendali. Dopo l'Emilia Romagna sarà la volta di Veneto, Lazio, Puglia, Marche, Piemonte, Campania e Sicilia per un totale di 10 appuntamenti da realizzare entro il 2018.

Il progetto, che  continuerà nel 2019  con altri 15 corsi nelle diverse regioni del paese, si chiama progetto Qualit, ed è nato dalla cooperazione italo-tedesca  con  Bmbf, Go-Vet Bibb  Camera di Commercio Italo-Germanica Ministero dell'Istruzione e Università, Ministero del Lavoro e delle politiche sociali.  L'obiettivo  è qualificare meglio ruoli e funzioni del tutor – sia aziendale che scolastico/ formativo – come raccordo fondamentale  tra apprendimento in aula e apprendimento sul luogo di lavoro.

Sul sistema duale,  nel quale la Germania ha infatti una storia di esperienze positive , sono state messe in campo recentemente notevoli risorse  riformando il quadro normativo con l'obiettivo di adeguare  modernizzare i sistemi di istruzione e formazione professionale, ridurre il divario tra competenze richieste dal mercato del lavoro e quelle in uscita dai percorsi di istruzione e formazione.

Sull'inserimento nel mondo del lavoro ti possono interessare :

Contratto di apprendistato 2018  (Scheda informativa)

Guida alle agevolazioni all'assunzione 2018 (e book)

Fonte: ANPAL





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)