IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 13/07/2016

La correzione di Unico dopo la presentazione segue due vie

Tempo di lettura: 1 minuto

Dichiarazione Correttiva a favore o a sfavore: una recente sentenza della Cassazione a Sezione Unite torna sulla possibilità di rettificare la dichiarazione dei redditi dopo la presentazione

Commenta Stampa

La sentenza n. 13378 del 30/06/2016 della Cassazione si è pronunciata sulla possibilità di correggere la dichiarazione dopo la presentazione. La sentenza stabilisce che:

  • In caso di errori od omissioni nella dichiarazione dei redditi, la dichiarazione integrativa può essere presentata non oltre i termini previsti per l’accertamento (art. 43 Dpr600) se diretta ad evitare un danno della P.A. (art. 2, c. 8 d.P.R. 322/1998) mentre, se intesa a correggere  errori od omissioni in danno del contribuente, incontra il termine per la presentazione della dichiarazione per il periodo d’imposta successivo, con compensazione del credito eventualmente risultante.

Al contribuente resta sempre la possibilità di richiedere  il rimborso entro quarantotto mesi dal versamento e, in ogni caso, sempre opporsi, in sede contenziosa, alla maggiore pretesa tributaria dell’Amministrazione finanziaria.

La sentenza in linea con quanto stabilito dall’Agenzia delle Entrate  perde l’occasione per affermare il principio che la correzione della dichiarazione deve essere possibile allo stesso modo sia che sia a favore che a sfavore.

Ricordiamo che la possibilità di correggere la dichiarazione ricorrendo a una integrativa in aumento o in diminuzione è possibile solo se la dichiarazione originaria è stata validamente presentata, cioè entro il termine massimo di 90 giorni dalla scadenza.

Ti potrebbe interessare l'e-book Ravvedimento operoso 2016

e il foglio di calcolo per deteerminare le sanzioni Ravvedimento operoso 2016 - Foglio di calcolo

 

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 AGOSTINO CASTELLUZZO AGOSTINO CASTELLUZZO - 13/07/2016
se viene presentato regolarmente, e nei termini un 730 congiunto, e dopo due mesi, uno dei due coniugi e precisamente l'intestatario, viene a mancare per morte improvvisa, il coniuge in vita può richiedere la correzione del 730 per avere diritto al rimborso irpef ma anche per pagare le imposte locali regionali e comunali ?
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Credito di imposta nuovi investimenti (excel)
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 49,90 € + IVA fino al 2021-04-15
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Flat Tax - Regime forfetario (excel)
In PROMOZIONE a 39,90 € + IVA invece di 49,90 € + IVA fino al 2021-04-30

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE