HOME

/

FISCO

/

CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021

/

GIUSTIZIA TRIBUTARIA: NEL 2015 AUMENTANO LE LITI CON IL FISCO

Giustizia tributaria: nel 2015 aumentano le liti con il Fisco

Le controversie tributarie sono cresciute del 6% nel 2015 e le Commissioni hanno trattato cause per 34 miliardi di euro

Verranno presentati oggi a Roma all’apertura dell’anno giudiziario i dati sul contenzioso. Nel 2015 il contenzioso tributario è tornato a crescere del 6%, nonostante la maggiore onerosità del ricorso al giudice per via del contributo unificato o gli sforzi ripetuti del Governo di potenziare «gli istituti di deflazione preprocessuali, come il riordinato e ampliato interpello, e quelli processuali, come la possibilità di conciliazione anche in appello e l’obbligo del ricorso-reclamo e della conseguente mediazione tributaria fino al non certo bagatellare importo di 20mila euro». Le commissioni tributarie nel 2015 hanno trattato cause per quasi 34 miliardi di euro, di cui circa 22 miliardi in Provinciale e altri 12 in Regionale. A fornire questi dati è Mario Cavallaro, presidente del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria (Cpgt) l’organo di autogoverno dei giudici tributari.

Tag: CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021 CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Enzo - 07/03/2016

Bravo, bravissimo (avvocato civilista?)! Riconduciamo tutto al rito ordinario civilistico così: 1) incrementiamo l'onere del contributo unificato (che è già di una mostruosa entità); 2)) le parti non potranno più difendersi da sole nel limite oggi loro consentito; 3) per la difesa bisognerà rivolgersi necessariamente ad un avvocato tagliando fuori tributaristi, commercialisti, ragionieri abilitati e quant'altri oggi sono legittimati a difendere i contribuenti; 4) affoghiamo definitivamente la giustizia civile che dovrebbe emettere ben altre sentenze che non quelle di natura tributaria sulla quale, salvo creazione di sezione specializzate (e torniamo così alle Comm. Trib.), i giudici non sono in genere preparati e, sovente, sono vertenze di scarso importo; In conclusione, il fatto gioverebbe solo ai signori avvocati (cicero pro domo suo?).

NICOLA - 23/02/2016

RIVOLUZIONE X LIBERTA'

vincenzo pace - 19/02/2016

non ci si vuol convincere che, finché resiste il sistema di contenzioso tributario attuale, il peso delle controversie è destinato a crescere con oneri che si ripercuotono anche sulle Sezioni della Cassazione. I Giudici ordinari che fanno a gara per essere nominati giudici tributari, non possono più opporre l'argomento del carico che si ripercuoterebbe sulla giustizia ordinaria, con risultati certamente migliorativi delle decisioni. Riconduciamo tutto al giudizio ordinario ! ne guadagnerà semplificazione ecc

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IMPRESE E LAVORO NEL MONDO · 29/11/2021 Con la cancellazione della società si estinguono le sanzioni amministrative tributarie

La Corte di Cassazione ribadisce il principio dell’intrasmissibilità ai soci e ai liquidatori delle sanzioni tributarie riferite a una società cancellata dal Registro delle imprese

Con la cancellazione della società si estinguono le sanzioni amministrative tributarie

La Corte di Cassazione ribadisce il principio dell’intrasmissibilità ai soci e ai liquidatori delle sanzioni tributarie riferite a una società cancellata dal Registro delle imprese

Aiuti de minimis e anomalie IRAP 2019: comunicazioni in arrivo

Modello IRAP 2019: al via le comunicazioni per la promozione dell’adempimento spontaneo nei confronti dei beneficiari di aiuti in regime generale “de minimis”.

Accertamento previdenziale legittimo solo se è definitivo quello fiscale

L’accertamento di un maggior reddito può generare una pretesa sia fiscale che previdenziale, una subordinata all’altra, ma indipendenti in sede di contenzioso.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.