Rassegna stampa Pubblicato il 25/06/2015

Banche e assicurazioni: cambia la deducibilità delle perdite su crediti

Il decreto legge sulla Giustizia civile cambia ancora la deducibilità delle perdite su crediti per banche e assicurazioni

Per banche e assicurazioni, svalutazioni e perdite su crediti verso la clientela iscritti in bilancio e perdite realizzate mediante cessione a titolo oneroso diventano «deducibili integralmente nell’esercizio in cui sono rilevate in bilancio».E' quanto stabilisce il decreto approvato martedì dal Consiglio dei ministri (e in attesa della pubblicazione sulla «Gazzetta Ufficiale») già per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2015. Inizialmente, per le svalutazioni e le perdite su crediti la deducibilità ai fini Ires e Irap è limitata al 75%, mentre il restante 25% potrà essere dedotto in varie percentuali fino al periodo d’imposta in corso al 2025 (ad esempio, per il 5% dell’ammontare residuo nel 2016, per l’8% nel 2017, per il 10% nel 2018 e così via). La norma è stata prevista per venire incontro alle banche, considerata la difficile gestione dei crediti divenuti inesigibili, e alle assicurazioni, i cui bilanci in questi anni di crisi sono andati progressivamente appesantendosi con il deterioramento dei finanziamenti erogati alla clientela privata.

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti per Determinazione del Reddito, Delega fiscale , Assicurazioni

prodotto_fiscoetasse

SCARICALO A

19,00 €

prodotto_fiscoetasse
15,49 € + IVA

IN PROMOZIONE A

7,75 € + IVA

fino al 15/09/2019

prodotto_fiscoetasse
28,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

23,80 € + IVA

fino al 04/09/2019


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)