IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 05/11/2013

Irap professionisti e piccole imprese, si allontana la cancellazione

Il Disegno di Legge di Stabilità 2014 cancella i fondi previsti per l'eliminazione dell'Irap per professionisti e piccole imprese prive di "autonoma organizzazione"

Commenta Stampa

I professionisti e le piccole imprese protestano contro la cancellazione, ad opera del Ddl Stabilità 2014, dei 682 milioni di euro previsti inizialmente dalla Legge n. 228/2012 per sostenere l'eliminazione dell'Irap per le piccole imprese ed i professionisti privi di organizzazione. Su tali soggetti, la giurisprudenza si è molte volte espressa a favore della non applicazione dell'imposta nel caso in cui essi siano privi di "autonoma organizzazione". Il Ministero dell'Economia, del resto, non ha mai emanato il decreto che avrebbe dovuto definire il valore minimo dei beni strumentali al di sotto del quale non vi è "autonoma organizzazione".

Ti potrebbe interessare il Mini Master Revisori Legali 2020 

Per l'aggiornamento professionale abbiamo preparato:  Abbonamento Circolare del Giorno 

e l'Abbonamento Circolare Settimanale dello Studio  da inviare ai clienti dello Studio

Fonte: Il Sole 24 Ore


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 miky miky - 05/11/2013
Ecco l'ennesima beffa degli avvoltoi che stanno al governo. Non solo non aboliscono tasse ingiuste e giustificate solo dal bisogno famelico di denaro del nostro Stato, ma non forniscono neppure i chiarimenti utili a dirimere chi effettivamente la dovrebbe pagare. Migliaia di liberi professionisti, nell'incertezza della norma, per non incorrere nel calvario del contenzioso, per non subire decisioni dettate dall'umore del funzionario di turno, per non dover sborsare somme iperboliche in caso di esito negativo, PAGANO ! (si comprano un pò di tranquillità) Ma è giusto che i cittadini paghino tasse in più senza avere la certezza della norma ? Ma che società è mai questa!!! Una società, uno STATO che ai cittadini ha innalzato l'età della pensione fino alle soglie della senilità, mentre mantiene impunemente regole vantaggiose per i suoi accoliti (abbiamo scoperto ieri che tutti i dipendenti ministeriali vanno in pensione a 52 anni, con anni di lavoro che contano il doppio, con la pensione calcolata secondo il metodo retributivo e AGGANCIATA AGLI AUMENTI CONTATTUALI DEL SETTORE DI APPARTENENZA. MA NON SI VERGOGNANO ??? MA COSA DOBBIAMO SUBIRE ANCORA NOI CITTADINI PER DIRE: B A S T A ???
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Guazza Guazza - 20/11/2013
D'accordo al 1000000%. Il problema è che in Italia c'è davvero TROPPA gente che vive sulle spalle altrui. BASTAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Detrazioni fiscali su immobili (Excel)
In PROMOZIONE a 79,90 € + IVA invece di 99,00 € + IVA fino al 2060-12-31
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-05-31
Pacchetto Dichiarativi 2021
In PROMOZIONE a 219,90 € + IVA invece di 389,30 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE