IN PRIMO PIANO:

Normativa Pubblicato il 29/12/2010

Operazioni intracomunitarie ed elenco Vies

Tempo di lettura: 3 minuti

Per le operazioni intracomunitarie scatta l’obbligo di dichiarazione di volontà per i soggetti che intendono effettuare operazioni intracomunitarie, i quali verranno inseriti nell’archivio dei soggetti autorizzati alle operazioni intracomunitarie (cosiddetto elenco VIES)

Forma Giuridica: Normativa - Provvedimento
Numero del 29/12/2010
Fonte: Agenzia delle Entrate
Commenta Stampa

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato due Provvedimenti del 29/12/2010 con i quali sono state definite le modalità di diniego o revoca dell’autorizzazione per effettuare operazioni intracomunitarie e i criteri di inclusione delle partite Iva nell’archivio informatico dei soggetti autorizzati a porre in essere operazioni intracomunitarie.
Si ricorda che il D.L. n. 78/10 ha introdotto l’obbligo di dichiarazione di volontà per i soggetti che intendono effettuare operazioni intracomunitarie, al fine di contrastare le frodi Iva internazionali.

Con un Comunicato stampa del 29/12/2010 l’Agenzia delle Entrate ha precisato quanto segue:

Al via il countdown per il debutto dell’operatore intracomunitario autorizzato – Dunque, da oggi, chi inizia una professione, o un’attività di impresa, nel territorio dello Stato, deve indicare nel modello di inizio attività ai fini Iva la volontà di porre in essere operazioni intracomunitarie. I contribuenti già titolari di partita Iva, invece, possono scegliere alternativamente di svolgere le operazioni in questione, oppure, di rinunciarvi presentando un’apposita istanza ad un ufficio dell’Agenzia delle Entrate. Questi ultimi adempienti sono richiesti anche ai soggetti non residenti che devono, tuttavia, presentare le stesse istanze al Centro Operativo di Pescara.

Dati e profili degli operatori al test del monitoraggio - Entro 30 giorni dal ricevimento della dichiarazione di volontà a porre in essere operazioni intracomunitarie, l’Agenzia delle Entrate verificherà che i dati forniti siano completi ed esatti provvedendo, di seguito, ad effettuare una valutazione preliminare degli stessi dati e del rischio. In caso di esito negativo, entro lo stesso arco temporale l’ufficio finanziario competente per le attività di controllo ai fini Iva emana un provvedimento di diniego.
Infine, nei confronti dei soggetti inclusi nell’archivio informatico dei soggetti autorizzati sono effettuati controlli più approfonditi entro sei mesi dalla ricezione della dichiarazione di volontà.

Operazioni intracomunitarie a misura di volontà - Il dl. N. 78 del maggio 2010 ha infatti introdotto significative novità relativamente ai dati da fornire con la dichiarazione di inizio attività ai fini IVA e alle successive variazioni e, in particolare, è stato introdotto l’obbligo di dichiarazione di volontà per i soggetti che intendono effettuare operazioni intracomunitarie, con l’obiettivo di regolare in sede di identificazione ai fini IVA, in linea con le sollecitazioni espresse dalla Commissione europea in materia di contrasto alle frodi, la facoltà di effettuare operazioni intracomunitarie attraverso un regime di autorizzazione a cura degli uffici dell’Agenzia delle entrate.

In linea con l’Europa - Il Regolamento (UE) del 7 ottobre 2010, n. 904/2010, ha ulteriormente rafforzato l’azione di contrasto al fenomeno delle frodi IVA, prevedendo che gli Stati membri adottino le misure necessarie per garantire che i dati forniti dai contribuenti per registrarsi ai fini dell’IVA siano completi e esatti. In particolare, il regolamento prevede che gli Stati membri attuino procedure di verifica in base ai risultati della loro valutazione del rischio.

Monitoraggio e banca dati step by step – Nel dettaglio, sui dati relativi ai contribuenti che intendono effettuare operazioni intracomunitarie, quindi, vengono attivate specifiche procedure di verifica in base ai risultati della valutazione del rischio, secondo i criteri individuati dal direttore dell’Agenzia, che sono effettuate, in linea di massima, prima della inclusione nell’archivio dei soggetti autorizzati alle operazioni intracomunitarie o, qualora prima della inclusione sia possibile effettuare solo verifiche preliminari, entro sei mesi dalla stessa. I predetti criteri di valutazione del rischio potranno comunque essere elemento utile di segnalazione anche per l’avvio dell’attività ordinaria di controllo.

Stop alle frodi Iva - Le novità normative sono finalizzate a garantire un monitoraggio continuo dei soggetti che hanno espresso la volontà di porre in essere operazioni intracomunitarie e che sono stati conseguentemente inseriti nell’archivio dei soggetti autorizzati alle operazioni intracomunitarie (cosiddetto VIES), nonché a perseguire l’affidabilità dei dati nello stesso contenuti. E in tal senso è indirizzata l’azione di controllo dell’Agenzia, finalizzata ad attuare una continua azione preventiva di contrasto alle frodi IVA.

Ti potrebbero interessare:

  • il nostro pacchetto eBook Iva estero (Pacchetto eBook 2020) contenente 2 ebook in pdf sulle operazioni intra ed extra UE, sulle modalità di operare nelle diverse operazioni e casi pratici.
  • e Obblighi connessi agli scambi intra UE beni e servizi, utile guida operativa alla gestione degli adempimenti connessi agli scambi intracomunitari di beni e servizi, rivolta a chi intende approfondire la materia o semplicemente avvicinarsi allo studio delle operazioni intracomunitarie.



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Marco Marco - 19/10/2015
Salve a tutti, vi spiego il mio problema: Devo comprare del vino in Francia e mi sto adoperando con la dogana per farmi creare un codice accisa per non pagare l iva francese, la dogana mi dice che per fare ciò devo farmi dare i codici nomenclatura dalle varie cantine, le cantine alla mia richiesta mi dicono che i codici non servono e che mi fattureranno l iva francese, io non ci sto capendo niente se qualcuno può darmi una mano lo ringrazio
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 59,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-20
Sospensioni fiscali - Calcolo rate (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2020-10-01
Usura Extra 2020 - Calcolo usura con perizia automatica
In PROMOZIONE a 53,20 € + IVA invece di 61,48 € + IVA fino al 2021-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE