Domanda e Risposta Pubblicato il 06/10/2019

La plusvalenza dell'immobile acquisito per donazione è tassabile?

agevolazioni prima casa successione donazione

La vendita di un fabbricato avuto per donazione viene tassata se avviene entro 5 anni dalla data di acquisto del donante

Quando oggetto della vendita è un fabbricato ad uso abitativo  ricevuto in donazione, l’eventuale plusvalenza realizzata va assoggettata a tassazione (IRPEF) solo se, al momento della cessione, non sono ancora trascorsi 5 anni dal giorno in cui il donante ha acquistato l'immobile.

In questo caso la plusvalenza tassabile è pari alla differenza tra il corrispettivo della cessione e il costo di costruzione o di acquisto sostenuto dal donante.
In pratica la donazione non interrompe lo scorrere dei 5 anni per affrancare la plusvalenza.
Se pero’ il donatario ha destinato l’immobile a prima casa la plusvalenza non è tassabile e non importa piu’ fare riferimento al donante.
La plusvalenza se tassabile è considerata reddito diverso ai sensi dell’art. 67 del Tuir.
L’obbligo di dichiarare il reddito sorge con l’incasso in ossequio al principio di cassa, e deve essere dichiarato nel quadro RL del Modello Unico.



Prodotti consigliati per te

 
15,50 € + IVA
 
14,90 € + IVA

Commenti

Come si fa per rimediare a una dichiarazione di succesione che non andava affatto presentata, in quanto il bene posto in successione non appatreneva al de cuius?

Commento di pietro (12:26 del 14/11/2010)

Se mia mamma mi ha acquistato la mia prima casa per € 180.000 e dopo 1 anno la stessa la vendo per € 250.000 ; la differenza dovrà essere tassata?

Commento di Alberto Romano (08:17 del 23/08/2016)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)