Domanda e Risposta Pubblicato il 06/09/2006

Qual'è la disciplina della vendita di beni materiali a soggetti dell'Unione Europea e non?

Tempo di lettura: 0 minuti

Vendite di beni materiali a soggetti UE ed extraUE

A) Cliente comunitario:

  • Vendita a soggetti non aventi il codice identificativo iva (soggetti ravvisabili sostanzialmente nei privati). Va fatturato con iva Italiana alla condizione che, nell'anno solare precedente o in quello in corso, il volume delle vendite nel singolo Stato membro sia inferiore a Euro 79.534,36 o al minore importo se previsto nell'altro stato UE. Vi è comunque la possibilità di optare per l'applicazione dell'iva dell'altro stato, opzione da esercitarsi in dichiarazione iva o inizio attività. Se le vendite hanno superato Euro 79.534,36 o si è optato per farlo da subito, si dovrà nominare un rappresentante fiscale e ad esso vendere senza iva secondo le norme comunitarie; il rappresentante fiscale fatturerà a sua volta secondo le rispettive norme interne che regolano i singoli stati membri.
  • Vendita a soggetti aventi il codice identificativo ai fini dell'iva all'interno dell'UE. In questo caso si dovrà fatturare senza iva come cessione Art.41 del DL 331/93

B) Cliente non comunitario:

Si dovrà emettere fattura senza iva in quanto è cessione all'esportazione(art.8 DPR 633/72). L'esportazione deve risultare dal documento doganale. Particolari norme vengono stabilite per i viaggiatori stranieri in Italia.

Ti potrebbero interessare:




Prodotti consigliati per te

16,90 € + IVA
14,90 € + IVA
14,90 € + IVA
13,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)