Domanda e Risposta Pubblicato il 29/10/2012

La sanzione da versare in caso di ricorso alla “remissione in bonis” può essere oggetto di ravvedimento operoso ?

La sanzione per la remissione in bonis è fissa e non può essere compensata

No. La Circolare n. 38/E/2012 precisa che il versamento della sanzione in misura pari a € 258 utile ai fini del perfezionamento della “remissione in bonis” contestualmente alla presentazione tardiva della comunicazione o all’adempimento tardivo, non può essere oggetto di ravvedimento operoso ex articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, in quanto la sanzione rappresenta l’onere da assolvere per aver diritto al riconoscimento dei benefici concessi dalla norma in esame.
La sanzione, inoltre, deve essere versata tramite modello F24 senza possibilità di effettuare la compensazione con crediti eventualmente disponibili.
Il codice tributo per il versamento è “8114” e come “Anno di riferimento” va indicato l’anno per il quale si effettua il versamento.
 

Ti potrebbe interessare il Focus sul Business Center su Accertamento e Contenzioso

Ti può essere utile l'e-book Strumenti deflattivi del Contenzioso tributario (eBook)

Ti potrebbe interessare il foglio di calcolo Ravvedimento operoso 2020 - Foglio di calcolo excel per determinare gli importi dovuti in caso di ravvedimento operoso e stampa F24, aggiornato con il tasso di interesse 2020.
Guarda anche tutti i prodotti e utilità contenuti nella sezione Difendersi dal Fisco

Ti potrebbe interessare l'ebook Le agevolazioni per imprese e professionisti eBook 2020

Per controllare i requisiti per la spettanza del bonus di 600 euro vai al Calcolo bonus 600 euro per Partite IVA e professionisti Decreto "CoronaVirus"





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)