notifica cartella di pagamento via PEC

La settimana del fisco dal 4 al 7.12.2017

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, buongiorno ! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana, tra cui  i  modelli per la nuova  rottamazione delle cartelle

Decreto fiscale: testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 05.12.2017 il testo del decreto fiscale collegato alla Legge di bilancio 2018. Il DDL di conversione era stato approvato in via definitiva il 30 novembre con testo identico a quello approvato dal Senato in prima lettura. Tra i temi di maggiore interesse si ricordano:
¨        Riapertura della rottamazione delle cartelle esattoriali

¨        Equo compenso per professionisti e lavori autonomi

¨        Voluntary disclosures

¨        Estensione split payment

¨        Semplificazioni nella trasmissione dei dati delle fatture emesse e ricevute

¨        Incentivi fiscali agli investimenti pubblicitari e in materia di audiovisivo

¨        Detraibilità in dichiarazione degli alimenti a fini medici speciali

¨        Deroga degli adempimenti per i contribuenti colpiti da calamità naturali.

Rottamazione cartelle: pubblicati i modelli per i carichi 2000-2017

Coloro che intendono aderire alla “rottamazione cartelle bis” devono presentare la domanda di adesione compilando, entro il 15 maggio 2018, l’apposito form online. In alternativa è possibile presentare la domanda di adesione alla Definizione agevolata 2000/17 entro il 15 maggio 2018:

¨        alla casella pec della Direzione Regionale di Agenzia delle entrate-Riscossione di riferimento,

¨        inviando il Modello DA 2000/17 e allegando la copia del documento di identità.

Il 5 dicembre i modelli per l’adesione sono stati pubblicati sul sito Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Marca dei servizi: l’Agenzia ne spiega l’uso
L’Agenzia delle entrate, con un comunicato ha annunciato la nascita della nuova marca dei servizi, un contrassegno adesivo di cui il contribuente dovrà munirsi per pagare i tributi speciali catastali e le tasse ipotecarie.  La “marca dei servizi”:
¨        è emessa nella forma di una comune marca da bollo adesiva;

¨        è già disponibile presso le rivendite di generi di monopolio e di valori bollati;

¨        dovrà essere usata per adempiere alla prestazione tributaria richiesta per visure catastali, ispezioni ipotecarie o altre certificazioni presso gli sportelli degli Uffici Provinciali – Territorio delle Entrate

¨        dovrà essere apposta sui modelli di richiesta e sulle domande di volture presentati.

 Bonus pubblicità: anche per campagne pubblicitarie sulle testate online
In merito al credito di imposta per investimenti pubblicitari incrementali sulla stampa quotidiana e periodica e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, la legge ha demandato ad un Regolamento di attuazione il compito di disciplinare tutti gli aspetti della misura. Il Regolamento è in corso di adozione. Nel frattempo il Dipartimento dell’editoria e dell’informazione ha pubblicato un comunicato con le principali indicazioni che saranno contenute nel regolamento attuativo.

Credito d’imposta e beni confiscati 2017. Firmato l’accordo sul Social bonus
Firmato il 28 novembre 2017 l’accordo tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’ANBSC e l’ANCI per dare attuazione al piano di valorizzazione degli Enti del terzo settore, anche mediante il recupero degli immobili pubblici inutilizzati e dei beni mobili o immobili, confiscati alla criminalità organizzata.

Mipaaf. Novità per il settore agroalimentare
Con comunicato il MIPAAF (Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali) rende nota l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri, di rilevanti novità per il settore agroalimentare. Tra le novità un nuovo disegno di legge, il riordino di Agea (Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura) e la riforma della legislazione forestale con la creazione del Testo unico forestale.

Passando alla recente giurisprudenza, segnaliamo due sentenze.

Nella  prima, Ordinanza del 17/11/2017 n. 27376 della Corte di Cassazione è stato precisato che ha diritto alla agevolazione per l’acquisto della prima casa il soggetto che, al momento dell’acquisto, sia proprietario di un altro immobile utilizzato come studio professionale.
La seconda sentenza è della Corte di Giustizia Europea che ha chiarito che se il contribuente è sottoposto ad un accertamento amministrativo finalizzato a determinare la base imponibile dell’IVA, potrà sempre chiedere all’amministrazione procedente, di visionare i dati contenuti nel fascicolo che lo riguarda.


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *