HOME

/

DIRITTO

/

TERZO SETTORE E NON PROFIT

/

5X1000 ETS: ASPETTI CONTABILI E INFORMATIVA PER GLI STAKEHOLDERS

5x1000 ETS: aspetti contabili e informativa per gli stakeholders

ETS e 5x1000: il rendiconto, la relazione illustrativa e gli adempimenti secondo il decreto MLPS n 396 del 13.12.2022

L'articolo 16, co. 5, del DPCM 23 luglio 2020, “DPCM 2020”, prevede l’ulteriore obbligo per i beneficiari del contributo cinque per mille dell’Irpef, di importo pari o superiore a 20.000 euro, erogato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, di pubblicare sul proprio sito web, entro 60 giorni dal termine ultimo previsto per la redazione del rendiconto:

  • gli importi percepiti,
  • il rendiconto con la relazione illustrativa, 

e di darne comunicazione entro i successivi sette  giorni all'amministrazione erogatrice

Il medesimo DPCM 2020 definisce il cinque per mille come “i proventi derivanti dall’assegnazione a seguito della pubblicazione dell’elenco finale dei beneficiari, dalle preferenze espresse e dal valore del contributo del cinque per mille secondo quanto riportato nel sito dell’Agenzia delle entrate”.

Il citato obbligo trova il suo fondamento nel: principio di trasparenza di cui all’art. 16, co. 1, DPCM 2020, e più in generale, dell’ art. 48, CTS, per il quale sono onerati gli amministratori ai sensi dell’articolo 2630 c.c..

Il presente contributo intende, dunque, proporre una disamina degli aspetti contabili e dell’informativa verso gli stakeholders, nonché delle sanzioni disciplinate dalla norma nell’ipotesi di inosservanza dell’obbligo.

1) La norma di riferimento fino all’ultimo Decreto 396 del 13 dicembre 2022 del MLPS

Si ricorda che, l'istituto del cinque per mille dell'Irpef è stato introdotto, in via sperimentale, dall'art. 1, c. 337 e ss., legge n. 266/2005 (legge finanziaria del 2006), come misura atta a fornire agli ETS operanti nei settori sociale, sanitario e della ricerca scientifica un sostegno economico per lo svolgimento delle loro attività.  Le disposizioni contenute nel citato articolo 16, c. 1, DPCM 2020, contribuiscono all'attuazione di uno dei principi basilari della riforma, quello della trasparenza, finalizzato a rendere conoscibili in modo chiaro, alla generalità dei consociati, le informazioni più importanti attinenti all'impiego delle risorse finanziarie disponibili e al perseguimento dei relativi fini statutari. 

Nel caso specifico, le esigenze di trasparenza attraverso la previsione, in capo ai soggetti beneficiari del cinque per mille, trovano attuazione in un triplice ordine di obblighi, graduato in ragione delle dimensioni economiche del contributo:

  • un obbligo generale di redazione e conservazione del rendiconto e della relativa relazione illustrativa, dal quale risulti, in modo chiaro, trasparente e dettagliato, la destinazione e l'utilizzo delle somme percepite;
  • un obbligo specifico, per un delimitato bacino di enti beneficiari, di trasmissione del rendiconto e della relazione all'amministrazione erogatrice;
  • un obbligo ulteriore di pubblicità del rendiconto e della relazione.

In ultimo lo scorso 13 dicembre 2022, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali con il Decreto 396, ha adottato le nuove linee guida, nonché la nuova modulistica usufruibile tramite piattaforma, accessibile dal portale servizi.lavoro.gov.it dedicata alla rendicontazione del contributo cinque per mille erogato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per un importo pari o superiore a 20.000 euro. 

Della stessa autrice ti consigliamo:

2) L’OIC 35 ed aspetti contabili delle operazioni “non sinallagmatiche”[1]

Il principio contabile degli ETS, l’OIC 35 specifica le regole di rilevazione contabile delle operazioni “non sinallagmatiche” nell’ambito delle quali rientrano i proventi dei contributi cinque per mille. 

La natura “non sinallagmatica” si definisce nella sostanza propria di tutte quelle transazioni tipiche degli Enti del terzo settore, per le quali non è prevista una controprestazione.

Sotto il profilo contabile, in generale in contropartita alle attività acquisite attraverso transazioni non sinallagmatiche il principio contabile prevede che l’ente rilevi un provento nel rendiconto gestionale. 

La ratio di fondo è che in questo modo il rendiconto gestionale dà evidenza della capacità dell’ente di attrarre risorse dall’esterno.

Si distinguono:

a) Proventi cinque per mille con vincolo

Si tratta dei proventi da cinque per mille attribuiti a progetti specifici contabilizzati secondo le previsioni relative alle altre erogazioni liberali vincolati. 

A titolo esemplificativo, nell’ipotesi in cui la rilevazione contabile si riferisca ad un progetto specifico con oggetto “altri beni” segue la rappresentazione contabile:
“altri beni” (SP) @ Riserve vincolate a proventi cinque per mille (SP)

al termine del vincolo:

Riserve vincolate a proventi 5 per mille @ Proventi 5 per mille A 5) (RG)

b) Proventi cinque per mille senza vincoli

I proventi da 5 per mille non attribuiti a progetti specifici sono classificati nella voce A5 “Proventi del 5 per mille” del rendiconto gestionale in contropartita al credito voce CII 10) “da 5 per mille” dell’attivo dello stato patrimoniale. 

La rilevazione contabile segue la rappresentazione:

  • Crediti per proventi 5 per mille (SP) @ Proventi 5 per mille (RG)

Della stessa autrice ti consigliamo:

[1] Si vera Peta M:, Il bilancio degli Enti del Terzo Settore 2023, Collana ebook, Fisco e Tasse, Maggioli, Gennaio 2023.


3) L’ambito soggettivo dell’obbligo di rendicontazione

Rientrano nel perimetro dell’obbligo (del Decreto 396), i soggetti beneficiari del contributo del cinque per mille (di cui all'articolo 1, comma 1, lettera a), del D.P.C.M. 23 luglio 2020) secondo l’elencazione di seguito:

  • enti del Terzo settore iscritti nel registro unico nazionale del Terzo settore (di cui all'articolo 46, comma 1, del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117, comprese
    • le cooperative sociali ed escluse le imprese sociali costituite in forma di società”;
    • enti di volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, di cui all'articolo 10, del D.lgs. n. 460/97; 
    • associazioni di promozione sociale, iscritte nei registri nazionale, regionali e delle Province autonome di Trento e Bolzano previsti dall'articolo 7, della legge n. 383/2000; 
    • associazioni e Fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all'articolo 10, comma 1, lettera a), del citato D.lgs. 460/97, indicati nell'art. 2, comma 4 -novies, lettera a), del D.L. n. 40/2010.

I soggetti sopra evidenziati, hanno l'obbligo di:

  • redigere entro 12 mesi dalla data di percezione del contributo, indipendentemente dell'ammontare dell'importo percepito, il rendiconto e la relativa relazione illustrativa;
  • tali documenti, dovranno essere conservati per dieci anni presso la propria sede;
  • l’ obbligo di conservazione, si atteggia, diversamente, qualora l'organizzazione svolga le proprie attività al di fuori del territorio dello Stato italiano ed abbia sede anche in uno o più Paesi terzi. In tale ipotesi, ove prescritto dalle disposizioni del Paese terzo, l'obbligo in parola, si intenderà correttamente adempiuto attraverso la conservazione in originale dei documenti di spesa presso la sede dell'organizzazione presente nel Paese terzo.

Della stessa autrice ti consigliamo:

4) Modalità della pubblicazione del Rendiconto e della Relazione

La rendicontazione deve utilizzare esclusivamente i modelli predisposti dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, opportunamente compilati secondo le specifiche indicate[2]. Con riguardo alla relazione illustrativa, quest'ultima, deve essere compilata direttamente sulla piattaforma negli appositi campi obbligatori denominati “Relazione illustrativa”. In generale, ogni spesa riportata nel rendiconto, per essere ammissibile, deve essere pertinente alle attività statutarie di interesse generale svolte dall'ente e coerente con le finalità statutarie dal medesimo perseguite. Si sottolinea, infine, che, tutte le spese effettivamente sostenute devono ricadere entro i 12 mesi successivi alla data di percezione del contributo, con la facoltà di poter rendicontare anche le spese sostenute a partire dalla data di pubblicazione, da parte dell'Agenzia delle Entrate, dell'elenco definitivo dei soggetti ammessi ed esclusi recante gli importi spettanti per ciascun beneficiario. Ove, successivamente alla pubblicazione dell'elenco, si verifichino o siano accertate situazioni ostative all'erogazione del contributo, dette spese resteranno a carico dell'ente. Non è consentito utilizzare il contributo derivante dal cinque per mille per coprire, in tutto o in parte, le spese di pubblicità sostenute per realizzare campagne e attività di sensibilizzazione sulla destinazione della quota del cinque per mille. 

Il Modello di Rendiconto

Si rappresenta di seguito il Modello di rendicontazione previsto dal DPCM 2020 di cui all’allegato:


Il rappresentante legale, con la sottoscrizione del presente rendiconto:

Dichiara che le spese inserite non siano già state imputate ad altri contributi pubblici o privati (c.d. divieto di doppio finanziamento a valere sulla stessa spesa), se non per la parte residua;

Attesta l’autenticità delle informazioni contenute nel presente documento e la loro integrale rispondenza con quanto riportato nelle scritture contabili dell’organizzazione, consapevole che, ai sensi degli articoli 47 e 76 del d.P.R. n. 445/2000, chiunque rilasci dichiarazioni mendaci, formi atti falsi ovvero ne faccia uso è punito ai sensi del Codice penale e dalle leggi speciali in materia.

Il presente rendiconto, inoltre, ai sensi dell’articolo 46 del citato d.P.R. n. 445/2000, deve essere corredato da copia semplice di un documento di identità in corso di validità del soggetto che lo abbia sottoscritto.

Firma del rappresentante legale (per esteso e leggibile)

Della stessa autrice ti consigliamo:

[2] Vedi il Portale servizi.lavoro.gov.it

5) Le sanzioni: articolo 16, co. 6, DPCM 2020

Le sanzioni sono disciplinate dall’art. 16, co. 6, DPCM 23 luglio 2020.

La norma recita che, in caso di violazione degli obblighi di pubblicazione del rendiconto e della relazione illustrativa, il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali diffida il beneficiario ad effettuare la citata pubblicazione assegnando un termine di 30 giorni.

In caso di inerzia, il medesimo Ministero provvede all'irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria pari al 25% del contributo percepito, secondo la disciplina recata dalla legge n. 689/1981, in quanto compatibile.

Della stessa autrice ti consigliamo:

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

TERZO SETTORE E NON PROFIT · 31/01/2023 PC e TABLET gratis dall'Agenzia Entrate agli Enti che lo chiedono entro il 3 febbraio

Le entrate dismettono apparecchiature informatiche: scuole, PA ed enti no profit possono presentare domanda entro il 3 febbraio per averle gratuitamente

PC e TABLET gratis dall'Agenzia Entrate agli Enti che lo chiedono entro il 3 febbraio

Le entrate dismettono apparecchiature informatiche: scuole, PA ed enti no profit possono presentare domanda entro il 3 febbraio per averle gratuitamente

Sport di tutti 2023: nuovi fondi per ASD, SSD

In arrivo nuovi contributi a sostegno di associazioni,società sportive e Comuni per interventi di inclusione attraverso lo sport. Come presentare domanda entro il 24 marzo

5x1000 ETS: aspetti contabili e informativa per gli stakeholders

ETS e 5x1000: il rendiconto, la relazione illustrativa e gli adempimenti secondo il decreto MLPS n 396 del 13.12.2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.