HOME

/

DOSSIER

/

RECENSITI PER VOI

/

COSA FARE SE LE BANCHE NON ACCETTANO I CREDITI EDILIZI: TUTTE LE ALTERNATIVE IN UN E-BOOK

Cosa fare se le banche non accettano i crediti edilizi: tutte le alternative in un e-Book

Se le banche chiudono le possibilità di acquisto dei crediti edilizi, bisogna conoscere le altre possibilità che la legge mette a disposizioni compreso la cessione a familiari

Chiunque sta ristrutturando con bonus edilizi o superbonus sa quando è difficile negli ultimi tempi trovare una banca che acquista il credito. L'ebook che abbiamo appena pubblicato si propone di dare indicazioni per trovare alternative alla Banca come si evince dal titolo:

Le alternative alla cessione alle banche dei crediti edilizi; ll punto alla fine dell'anno 2022 aggiornato con norme e prassi; eBook in pdf di 83 pagine

L’art. 121 del decreto Rilancio offre la possibilità di effettuare la prima cessione del credito senza vincoli in riferimento alla scelta del soggetto. Vediamo in questo speciale quali alternative possono esserci alla cessione del credito alle Banche.

Oltre allo sconto in fattura, si puo' cedere il credito ad altri privati ivi compresi i familiari, si puo' poi avere accortezze per la suddivisione degli interventi oppure di puo' optare per detrazione in dichiarazione suddividendola con i familiari conviventi.

1) Lo sconto in fattura

 A dettare le regole che si applicano in caso di sconto in fattura è la lettera a) del comma 1 dell’articolo.

In base a queste norme i fornitori che hanno effettuato gli interventi recuperano la somma sotto forma di credito d’imposta, di importo pari alla detrazione spettante, cedibile ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. Non c’è quindi nessun obbligo di rivolgersi ad un istituto di credito o a un intermediario finanziario per la prima operazione, in quanto di fatto l’applicazione dello sconto in fattura è equiparato ad una prima cessione.

Quindi chi applica lo sconto in fattura (ad esempio per l’installazione dei nuovi infissi) potrà cedere il credito d’imposta maturato a scelta:

  • al produttore in pagamento dei beni;
  • ad altre imprese della filiera;
  • ad altri soggetti privati o imprese interessati ad acquistarlo.

Tra questi ovviamente potranno esserci anche gli istituti di credito, ma, come detto, si tratta di libera scelta

Per approfondire acquista l'eBook Le alternative alla cessione alle banche dei crediti edilizi

2) Per i contribuenti cessione del credito anche in famiglia

La lettera b) tratta invece della cessione del credito da parte dei singoli contribuenti, per i quali si applicano le stesse regole appena viste.

Quindi allo stesso modo il contribuente potrà scegliere di cedere il suo credito ad un qualunque soggetto interessato, compresi i propri familiari, purché abbiano la possibilità di portare la somma in compensazione per ridurre le imposte.

L’uso del credito in compensazione deve avvenire con la stessa durata prevista per la detrazione ordinaria, quindi 10 anni per tutti i Bonus Edilizi e 5 anni per il Superbonus. La compensazione però è ad ampio raggio in quanto il credito d’imposta si può “spendere” per pagare:

  • imposte sui redditi, relative addizionali e ritenute alla fonte;
  • IVA;
  • imposte sostitutive delle imposte sui redditi e dell’IVA (cedolare sugli affitti e imposta sul regime forfettari, ad esempio);
  1. IRAP;
  2. IMU;
  • contributi previdenziali, comprese le quote associative;
  • contributi previdenziali ed assistenziali dovuti dai datori di lavoro e dai committenti di prestazioni di collaborazione coordinata e continuativa;
  • premi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali;
  • interessi previsti in caso di pagamento rateale;
  • tasse sulle concessioni governative;
  • tasse scolastiche.
Per approfondire acquista l'eBook Le alternative alla cessione alle banche dei crediti edilizi


3) La suddivisione dell’importo

Per quel che riguarda gli importi che possono essere ceduti c’è da sottolineare che oltre alla cessione del credito per singoli SAL è possibile sempre cedere il credito per singoli interventi realizzati, in quanto per ciascun intervento va effettuata una singola comunicazione all’Agenzia delle entrate. Dividendo in questo modo la somma spesa è più facile trovare acquirenti.

4) Dividere la detrazione in famiglia

Infine una via alternativa alla cessione del credito per chi ha familiari conviventi con sufficiente capienza nell’imposta è quella di suddividere la spesa in modo da poter utilizzare direttamente la detrazione per ridurre l’Irpef. Per questo è sufficiente annotare sulla fattura la quota sostenuta da ciascuno, a prescindere da chi ha effettuato il bonifico. E’ bene ricordare comunque che anche per l’uso diretto in dichiarazione del Superbonus è necessario richiedere il Visto di conformità. Fa eccezione alla regola solo chi gestisce da sé la dichiarazione precompilata.

Per approfondire acquista l'eBook Le alternative alla cessione alle banche dei crediti edilizi
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RECENSITI PER VOI · 02/02/2023 Guida alla donazione consapevole e all'eredità tra genitori e figli

Manuale sulla donazione tra genitori e figli. In seconda edizione l'e-Book aggiornato che spiega come funziona la donazione in ambito familiare.

Guida alla donazione consapevole e all'eredità tra genitori e figli

Manuale sulla donazione tra genitori e figli. In seconda edizione l'e-Book aggiornato che spiega come funziona la donazione in ambito familiare.

Manuale operativo fondi europei a gestione indiretta

Manuale operativo per i fondi europei a gestione indiretta e i finanziamenti nazionali, 128 p. Volume III collana "Guide operative per la finanza agevolata

Cosa fare se le banche non accettano i crediti edilizi: tutte le alternative in un e-Book

Se le banche chiudono le possibilità di acquisto dei crediti edilizi, bisogna conoscere le altre possibilità che la legge mette a disposizioni compreso la cessione a familiari

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.