HOME

/

FISCO

/

RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2024

/

RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA: LA CONCILIAZIONE PROPOSTA DAL GIUDICE TRIBUTARIO

Riforma Giustizia Tributaria: La conciliazione proposta dal giudice tributario

Proposta conciliativa su iniziativa della Corte per controversie di facile e pronta risoluzione di valore non superiore a 50.000 euro

Ascolta la versione audio dell'articolo

Per le controversie inizialmente soggette alla disciplina del ricorso-reclamo cui si applica l’art. 17-bis del d.lgs. 31.12.1992, n. 546, la corte di giustizia tributaria può formulare alle parti una proposta conciliativa se l’oggetto del contendere è rappresentato da una controversia di facile e pronta soluzione.

La norma trova applicazione per i ricorsi notificati a decorrere dalla data di entrata in vigore della riforma del processo tributario. Più in particolare, la disciplina ha per oggetto le controversie di lite non superiori a 50.000 euro.

1) L'iter della proposta conciliativa a cura dell'organo giudicante

Come regola generale, l’art. 17-bis dispone che il ricorso produce gli effetti del reclamo e può contenere una proposta di mediazione con rideterminazione del valore della pretesa tributaria.

L’impugnazione dell’atto impositivo è soggetta ad una prima valutazione confinata ancora nell’ambito amministrativo, essendo sottoposta ad un esame preliminare della pretesa,  e solo successivamente, cioè se le parti non pervengono alla definizione, la problematica è trasferita nell’ambito giurisdizionale con la costituzione in giudizio del contribuente.

La procedura di valutazione della controversia è confinata nell’ambito puramente amministrativo che si dilunga per 90 giorni, pur se trova applicazione la regola della sospensione dei termini per il periodo feriale (cioè dal 1° agosto al 31 agosto). 

Il ricorso non è procedibile fino alla scadenza del termine  di 90 giorni per cui se le parti:

  1. trovano l’accordo, la controversia si conclude con la sottoscrizione dell’atto e con il perfezionamento mediante il versamento, entro 20 giorni, delle somme dovute, ovvero della prima rata se il pagamento è fatto in maniera rateale;
  2. non trovano l’accordo, il contribuente che persevera nelle sue ragioni, entro il 30° giorno successivo alla scadenza del suddetto termine, si costituisce in giudizio avanti la corte di giustizia tributaria di primo grado.

A questo punto, se l’organo giudicante (cioè il giudice monocratico o collegiale) rileva l’esistenza di una questione la cui risoluzione è semplice e immediata, può formulare una proposta di conciliazione sia fuori udienza, comunicandola alle parti, sia in udienza, nel qual caso la comunicazione va fatta soltanto alla parte che non è comparsa.

Se le parti non frappongono il rifiuto, la controversia può essere rinviata all’udienza successiva al fine del perfezionamento della conciliazione mediante la redazione del processo verbale nel quale sono indicati le somme dovute e i termini e le modalità di pagamento. Tale atto costituisce titolo per la riscossione delle somme dovute all’ente impositore, ovvero per il pagamento delle somme dovute al contribuente che vanti un credito nei confronti dello stesso.

In sostanza, come regola generale, il ricorso del contribuente apre la porta alla mediazione: il contribuente espone le proprie ragioni e l’ente impositore valuta la fondatezza della propria pretesa in merito a quanto gli è stato proposto. 

Tuttavia, se le parti sono ancora ferme sulle proprie posizioni, ai sensi del nuovo art. 48-bis.1, interviene il giudice ma soltanto se sussistono le condizioni di facile e pronta soluzione al fine di proporre una soluzione conciliativa ma soltanto se sussistono le condizioni di facile e pronta soluzione.

Se da un punto di vista operativo il legislatore ha introdotto una nuova soluzione per deflazionare il contenzioso tributario, possono sussistere perplessità sull’accoglimento della proposta conciliativa: se la proposta di mediazione non si è conclusa positivamente con la conseguente costituzione in giudizio del ricorrente e le successive controdeduzioni dell’ente impositore, le parti possono addivenire ad un accordo? Se la materia del contendere è di facile e di “facile e pronta soluzione”, probabilmente il ricorso-reclamo si è già concluso nella fase di mediazione, con la conseguente esclusione della procedura contenziosa.

La materia del contendere può avere per oggetto problematiche di fatto e di diritto, anche di natura complessa.

Con il ricorso-reclamo il contribuente, generalmente, chiede l’annullamento integrale dell’atto impositivo e non contiene alcuna proposta di mediazione per cui la posizione del giudice diventa delicata in quanto deve valutare previamente nel merito la controversia e considerare se sussistono i presupposti di facile e immediata soluzione.

2) Dello stesso autore Leggi Tutti gli articoli sulla Riforma della Giustizia Tributaria

Riforma Giustizia Tributaria: La conciliazione proposta dal giudice tributario

Proposta conciliativa su iniziativa della Corte per controversie di facile e pronta risoluzione di valore non superiore a 50.000 euro

Riforma Giustizia Tributaria: Onere della prova per l'Ente impositore

L'ente impositore deve motivare le sue pretese dando prova in giudizio delle violazioni contestate con l’atto impugnato

Tempi brevi per la sospensione degli atti impugnati

Termini piu' brevi per la trattazione dell'istanza di sospensione che passa da 180 a 30 giorni

Riforma Giustizia Tributaria: Processo tributario con bollino di affidabilità fiscale

L'atto impugnato puo' essere sospeso senza garanzia se il contribuente, soggetto agli ISA, ha un punteggio pari almeno a 9 negli ultimi tre periodi di imposta

Riforma Giustizia Tributaria: Rifiuto della proposta di mediazione con aggravio di spese

Aggravio del 50% delle spese processuali se la parte, senza giustificato motivo, rifiuta la proposta conciliativa proposta dalla controparte o dal giudice

La difficile difesa personale del contribuente per le liti minori

La scelta della difesa personale e le difficolta per il contribuente che voglia difendersi personalmente contro le pretese dell’Amministrazione finanziaria

La prova testimoniale nel processo tributario

Ammessa la prova testimoniale sia in primo grado sia in secondo grado ma solo in forma scritta, escluso il giuramento

La riforma del processo tributario per le liti minori

La figura del giudice monocratico nella riforma del processo tributario per le liti minori fino a 3000 euro

La riforma del processo tributario 2022: cosa cambia

Giudice monocratico, prova testimoniale, proposta conciliativa, reclamo-mediazione, sospensione dell’atto impugnato, udienze da remoto, definizione agevolata liti Cassazione

Ti potrebbero interessare i seguenti eBook e libri di carta:

Nel Focus "Difendersi dal Fisco" e-book, libri, formulari per aiutarti a gestire il contenzioso.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RECENSITI PER VOI · 07/06/2024 Autotutela: modalità operative per sistemare la propria posizione fiscale

Guida pratica all'autotutela fiscale: come correggere le proprie dichiarazioni e sanare le irregolarità

Autotutela: modalità operative per sistemare la propria posizione fiscale

Guida pratica all'autotutela fiscale: come correggere le proprie dichiarazioni e sanare le irregolarità

Come presentare la comunicazione del contribuente per ottenere l'autotutela?

Il contribuente può presentare una comunicazione in cui chiede all’ufficio di esercitare il potere di autotutela obbligatoria e facoltativa

Magistratura Onoraria: approvato il Disegno di Legge

Approvato definitivamente in CDM il disegno di legge sulla magistratura onoraria : ecco cosa prevede in tema di orario di lavoro retribuzione, coperture assicurative. Il testo

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.