HOME

/

FISCO

/

SUPERBONUS 110%

/

SCONTO IN FATTURA SUPERBONUS 110: DI COSA SI TRATTA. ESEMPI PRATICI

Sconto in fattura superbonus 110: di cosa si tratta. Esempi pratici

Ecco le possibilità di utilizzo dello sconto in fattura per i contribuenti e le alternative alle detrazioni indicate nella circolare 24 E dell'Agenzia. Esempi e risvolti pratici

In merito al superbonus 110%, per effetto dello sconto in fattura il contribuente beneficia del credito d’imposta mediante una riduzione del corrispettivo del giustificativo fiscale da corrispondere al fornitore che può raggiungere anche il 100% dell’importo dovuto. La regola generale si imbatte, però, in una deroga ineluttabile considerato che lo sconto non può in alcun caso eccedere il 100% dell’importo indicato in fattura, a fronte del quale il cessionario può, invece, beneficiare di un credito di imposta pari al 110% di tale importo. 

Assai interessante risulta essere, inoltre, la possibilità per il contribuente di usufruire della summenzionata opzione altresì in misura parziale.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Ti possono interessare in materia : 

1) Le detrazioni di'imposta per gli interventi di riqualificazione energetica

L’articolo 121 del D.L. n. 34/2020  sul superbonus 110%  dispone, quale importante novità afferente le modalità di fruizione delle detrazioni d’imposta contenute nell’art. 119 del summenzionato decreto, la possibilità, per i soggetti aventi diritto, di trasformare le stesse in credito di imposta cedibile o in sconto sul corrispettivo dovuto.

Nello specifico, il primo comma dell’articolo 121 prevede per i soggetti che sostengono, nel lasso temporale intercorrente tra il 1 luglio 2020 e il 31 dicembre 2021, spese per uno degli interventi elencati al secondo comma della norma stessa e accedono a determinate detrazioni fiscali , la possibilità di optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione, per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, oppure  per la cessione di un credito d’imposta di pari ammontare, con facoltà di successiva cessione, da parte del cessionario, ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e altri intermediari finanziari.

La possibilità di cedere al fornitore la detrazione fiscale spettante sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto non costituisce per il nostro ordinamento un’assoluta novità ma, piuttosto, la riproposizione di un’opzione concessa al contribuente e già conosciuta al nostro legislatore che l’ha introdotta con il D.L. 34/2019: in tale contesto, infatti, era riconosciuto al committente le opere, in luogo dell’utilizzo diretto delle detrazioni spettanti per gli interventi di riqualificazione energetica di cui all’articolo 14 D.L. 63/2013 e per gli interventi antisismici di cui all’articolo 16 D.L. 63/2013, compresi quelli relativi a parti comuni degli edifici condominiali, di optare per uno sconto sul corrispettivo dovuto. Il D.L. rilancio ripropone, pertanto, una disposizione già nota. 

2) Le alternative alla detrazione: circolare Agenzia n. 24 2020

La circolare dell’Agenzia delle entrate n. 24/E/2020 si insedia sul dettato del D.L. rilancio, apportando al paragrafo “Alternative alle detrazioni” interessanti chiarimenti: il documento di prassi, infatti, dopo aver brevemente illustrato l’ambito oggettivo e soggettivo di operatività del c.d. sconto in fattura, al fine di agevolare il lettore nella comprensione, propone due esempi numerici, uno afferente l’integrale cessione della detrazione fiscale spettante al committente gli interventi e l’altro riguardante una cessione parziale:

  1. mentre nel primo caso sembra elementare concludere che il contribuente, a fronte del completo abbuono del quantum dovuto in fattura al fornitore, cede l’intero ammontare della detrazione a egli spettante che non corrisponde effettivamente al totale del documento contabile ma al totale aumentato di un “extra 10%”, 
  2. diverso sillogismo va compiuto per il secondo caso: difatti, il committente delle opere può scegliere di cedere al fornitore degli interventi, sotto forma di sconto in fattura, solamente una parte delle detrazioni fiscali da essi derivanti, riservando per sé la pare rimanente;

In tale ipotesi a maturare il credito d’imposta nella misura del 110% sono entrambe le parti intervenute nella transazione, limitatamente all’ammontare di propria competenza, ovvero il totale fattura ancora da saldare per il committente e il totale fattura oggetto di sconto per il fornitore.

Leggi anche Superbonus e sismabonus 110% decreti attuativi, circolare e modelli

3) Esempi di calcolo del credito

Esempio n. 1 

Nel caso in cui il contribuente sostenga una spesa pari a 30.000 euro alla quale corrisponde una detrazione pari a 33.000 euro (110 per cento), a fronte dello sconto applicato in fattura pari a 30.000 euro, il fornitore maturerà un credito d’imposta pari a 33.000 euro. 

Esempio n. 2

Nel caso in cui il fornitore applichi uno sconto “parziale”, il credito d’imposta è calcolato sull’importo dello sconto applicato. 

Ciò comporta, in sostanza, che se a fronte di una spesa di 30.000 euro, il fornitore applica uno sconto pari a 10.000 euro, lo stesso maturerà un credito d’imposta pari a 11.000 euro. 

Il contribuente potrà far valere in dichiarazione una detrazione pari a 22.000 euro (110 per cento di 20.000 euro rimasti a carico) o, in alternativa, potrà optare per la cessione del credito corrispondente a tale importo rimasto a carico ad altri soggetti, inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SUPERBONUS 110% · 09/08/2022 Superbonus e cessione dei crediti dopo il decreto Semplificazioni: una falsa ripartenza

Il decreto Semplificazioni consente di cedere i crediti fiscali derivanti da cessione/sconto in fattura ai propri correntisti, detentori di partita iva: ma restano criticità

Superbonus e cessione dei crediti dopo il decreto Semplificazioni: una falsa ripartenza

Il decreto Semplificazioni consente di cedere i crediti fiscali derivanti da cessione/sconto in fattura ai propri correntisti, detentori di partita iva: ma restano criticità

Superbonus e bonus edilizi: via alle cessioni dei crediti ante 1 maggio 2022

Approvato emendamento al Semplificazioni, ora andrà in Senato, con sblocco delle cessioni dei crediti per tutte le PIVA

Superbonus: l'elenco dei possibili documenti da controllare e conservare

La circolare n 28 del 25 luglio riepiloga i documenti per il superbonus, circa 50, da controllare. Non riguardano tutti i contribuenti, ma sono necessari a seconda dei casi

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.