HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

ACCERTAMENTO E REVOCA DEL DINIEGO IN AUTOTUTELA

Accertamento e revoca del diniego in autotutela

Costante il recente orientamento della Cassazione in tema di revoca di un atto di accertamento definitivo da parte dell'Amministrazione finanziaria

Il contribuente che richiede all’Agenzia delle Entrate, attraverso l’istituto dell’autotutela, la revoca di un atto di accertamento divenuto definitivo, non può limitarsi a eccepire potenziali vizi dell’avviso medesimo, ma deve rappresentare la sussistenza di un interesse di rilevanza generale da parte dell’Amministrazione finanziaria alla rimozione dell’atto. Pertanto, avverso il diniego dell’Ufficio a procedere all’esercizio del potere di autotutela, può essere proposta impugnazione esclusivamente al fine di allegare la documentazione comprovante i profili di illegittimità del rifiuto ma non per contestare la fondatezza della pretesa tributaria.

A tale conclusione è giunta la Corte di Cassazione attraverso l’ordinanza n. 9508/2018.

1) Ritiro accertamento solo per interesse di rilevanza generale

L'Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per la cassazione di una sentenza con la quale la C.T.R. ha ritenuto illegittimo il formale diniego opposto all'istanza di sgravio in autotutela, presentata da un contribuente,  in merito a una cartella di pagamento conseguente a un avviso di accertamento, asseritamente definito con pagamento rateale ex art. 15 del D.Lgs. n. 218/1997.

Il collegio di merito ha ritenuto che il ricorso proposto dal contribuente avverso tale diniego fosse ammissibile, avendo l'Ufficio riconosciuto quanto dedotto da quest'ultimo in merito alla mancata notificazione della cartella di pagamento. Di conseguenza, ragioni di giustizia sostanziale deponevano a favore dell'annullamento della menzionata cartella in quanto, la posizione dedotta nell'avviso di accertamento, era stata definita ex art. 15 del D.Lgs. n. 218/1997, seppure con il pagamento tardivo delle prime due rate.
L'Agenzia delle entrate, nel proprio ricorso per Cassazione ha lamentato, ex art. 360 c.p.c., co. 1, nn. 3 e 5, la violazione degli artt. 19 e 57 del D.Lgs. n. 546/1992, nonchè l’insufficiente motivazione su un fatto controverso e decisivo del giudizio, avendo la C.T.R. ritenuto ammissibile il ricorso avverso il diniego di annullamento della cartella in autotutela, nonostante l'intervenuta definitività del prodromico avviso di accertamento e la mancata deduzione di fatti sopravvenuti.

A parere del Collegio di Legittimità il ricorso è fondato in quanto la cartella di pagamento, fatta oggetto dell'istanza di annullamento  in autotutela, faceva seguito a un avviso di accertamento divenuto definitivo. La menzionata cartella, inoltre, era stata emessa su ruolo conseguente all'accertata decadenza della contribuente dai benefici di cui all’art. 15 del D.Lgs. n. 218/1997.
La mancata impugnativa della cartella ha precluso pertanto, al contribuente, la possibilità di rimettere in discussione la fondatezza e l’inoppugnabilità della pretesa impositiva, ormai definitivamente acclarate.

Trova pertanto applicazione il principio secondo il quale il contribuente che richiede all'Amministrazione finanziaria di ritirare, in via di autotutela, un avviso di accertamento divenuto definitivo, non può limitarsi a eccepire eventuali vizi dell'atto medesimo, la cui deduzione è definitivamente preclusa, ma deve prospettare l'esistenza di un interesse di rilevanza generale dell'Amministrazione alla rimozione dell'atto.

Ne consegue che, avverso il diniego dell'Amministrazione di procedere all'esercizio del potere di autotutela, può essere proposta impugnazione soltanto per allegare eventuali profili di illegittimità del rifiuto e non per contestare la fondatezza della pretesa tributaria" (Cass. ord. n. 25524/2014).

Allegato

Cassazione 9508-2018 revoca accertamento
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 29/06/2021 Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Licenziamento ritorsivo e soppressione del posto di lavoro

Dichiarato illegittimo il licenziamento di una lavoratrice per GMO se è falsa l'esternalizzazione del posto - Cassazione 13871 2021

Prestazioni di servizi e Iva: fatturazione all'incasso o all'effettuazione dell'operazione

La Cassazione, tornando sul momento della fatturazione e dell’esigibilità dell’IVA nella prestazione di servizi, conferma che si sta consolidando un nuovo orientamento sul tema

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.