HOME

/

LAVORO

/

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI

/

DID ON LINE E PATTO DI SERVIZIO: COME FARE?

DID on line e patto di servizio: come fare?

Cos'è la Did e a cosa serve. Guida per il rilascio della Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID) e per il Patto di Servizio Personalizzato

La DID online  è la modalità  attualmente prevista dalla legge per acquisire il riconoscimento dello status di disoccupazione involontaria e consente di ottenere:

  1. le indennità di disoccupazione e
  2. i servizi di ricollocamento dei  lavoratori da parte dei Centri per l'impiego. 

Si puo effettuare dal proprio PC  sul  sito dell'ANPAL oppure rivolgendosi a Centri per  l'impiego o ai Patronati per ricevere assistenza.

Dopo l'invio della DID è necessario recarsi presso un Centro per l'impiego a scelta dove si conferma la disponibilità e si stipula il Patto di servizio personalizzato per l'impiego in cui,  vengono indicate le attività che la persona si impegnera a svolgere ( colloqui corsi  ecc) per la  ricerca attiva di una nuova occupazione . 

Vediamo di seguito le modalità con cui  effettuare il rilascio della DID,  chi è  o non è obbligato e come funzionano gli step successivi.

1) DID e Patto di servizio , cosa sono?

La DID (sta per "Dichiarazione di Immediata Disponibilità" al lavoro) è una dichiarazione obbligatoria per i lavoratori disoccupati involontariamente , istituita dal Jobs act  nel 2015 (D.Lgs 150 2015)  e regolamentata dalle circolari Anpal n. 1 2017 e 1 2018. Dal 2018 si effettua solo in modalità telematica senza moduli cartacei sul portale dell'Agenzia Nazionale per il lavoro ANPAL.

Firmando la DID la persona dichiara di essere  involontariamente priva di impiego e  si rende immediatamente disponibile allo svolgimento di un’altra attività lavorativa ed alla partecipazione ad iniziative per la ricerca  di una nuova occupazione. Infatti, dalla data di rilascio della DID decorre lo stato di disoccupazione e gli eventuali benefici economici  (NASPI, DISCOLL oppure  Mobilità)  che vanno richieste all'INPS.

Dopo la firma della Did online, solitamente entro un mese (ma in ciascuna Regione possono esserci regole differenziate)  il cittadino si deve presentare in un centro per l'impiego a sua scelta per  la stipula del patto di servizio personalizzato. Gli impegni descritti nel patto vanno rispettati rigorosamente da parte del lavoratore, pena la riduzione o la revoca delle indennità di disoccupazione di cui fruisce.

Il patto si servizio infatti e soggetto al cd. "meccanismo di condizionalità"  per cui  il disoccupato che  riceve un sostegno al reddito deve partecipare  agli incontri fissati di orientamento o formazione e accettare offerte di lavoro congrue , zioè adatte al profilo occupazionale descritto nel Patto stesso, sulla base del titolo di studio e delle esperienze di lavoro precedenti .

Per chi non adempie a questi obblighi senza un giustificato motivo  il  meccanismo prevede sanzioni graduali  che vanno dalla decurtazione progressiva del sostegno al reddito, prima per un quarto di mensilità, poi per una mensilità intera, fino alla perdita della prestazione economica (di competenza INPS) e dello stato di disoccupazione (di competenza CPI).  È possibile fare ricorso in via amministrativa a tali  provvedimenti .

2) Invio della DID on line: come si fa

La did online si puo effettuare  personalmente:

oppure tramite un intermediario  che facilità la compilazione :

  •   presso i Centri per l'impiego della propria provincia
  •   presso i Patronati

E' disponibile anche un servizio assistenza e informazioni  al  numero verde 800.000.039 dalle 9 alle 18, dal lunedì al venerdì o scrivendo al seguente indirizzo email : [email protected] 


DID con Pin Inps
L'utente  puo presentare  la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (DID) registrandosi al portale nazionale Anpal, inserendo username e password e selezionando nell'area riservata "dichiarazione di immediata disponibilità". Quindi procede all'autenticazione tramite il Pin Inps ed inserisce le informazioni richieste circa le esperienze professionali e lavorative, utili  creare il  profilo  per un eventuale proposta di lavoro
La procedura si conclude con la prenotazione dell'appuntamento presso il centro per l'impiego per la stipula del patto di servizio personalizzato .
 

DID senza Pin Inps
Se l'utente non è in possesso del Pin Inps è prevista una procedura semplificata per dichiarare l'immediata disponibilità al lavoro: l'utente si registra sul portale nazionale Anpal, inserisce username e password e dichiara l'immediata disponibilità al lavoro, che viene acquisita con riserva.
Al momento del primo contatto con il centro per l'impiego, l'utente sarà invitato a confermare lo stato di disoccupazione e a convalidare l'autenticazione, munito di un documento d'identità. Una volta effettuato questo riconoscimento, lo stato di disoccupazione decorre dal momento della DID sul portale nazionale.

3) Chi è obbligato a firmare la DID , e chi no

  •  Chi beneficia già di una prestazione a sostegno al reddito non deve rendere la DID online , poiché la presentazione all'Inps di una domanda di Naspi (disoccupazione dipendenti) oppure di DIS-COLL, (disoccupazione per le  collaborazioni coordinate), o di indennità di mobilità,  equivale ad aver dichiarato la propria immediata disponibilità al lavoro presso i servizi per l'impiego.
  • le persone non disoccupate ma a rischio di disoccupazione, ad esempio  i  dipendenti che hanno già ricevuto la comunicazione di licenziamento  possono  sottoscrivere la DID online  durante il periodo di preavviso di licenziamento.
  • Un soggetto che  è NON disponibile a svolgere attività lavorativa (per le ragioni piu diverse) non è obbligato a firmare la DID   solo per ottenere una prestazione  di assistenza sociale. Infatti  la condizione di "non occupazione" è diversa dalla stato di disoccupazione  . L’art. 19 comma 7 del d.lgs n. 150/2015 ha previsto che, per evitare ingiustificate registrazioni  nei CPI come disoccupati ,  dal 24/09/2015 le norme nazionali o regionali ed i regolamenti comunali che condizionano le prestazioni di carattere sociale allo stato di disoccupazione si intendono riferiti alla condizione di non occupazione. La condizione di “non occupazione” è la condizione di coloro che non hanno in corso alcuna attività lavorativa oppure di coloro che  ne ricavino un reddito annuo inferiore ad euro 8.000, per il lavoro subordinato o parasubordinato, e ad euro 4.800 per il lavoro autonomo (Circolare n.34/2015 del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali). 
    Pertanto, per richiedere le prestazioni di carattere sociale, i soggetti interessati possono dichiarare alle amministrazioni pubbliche interessate la condizione di non occupazione semplicemente con una dichiarazione sostitutiva (autocertificazione) .
  • In una recente circolare 4 2018 ANPAL ha comunicato che la DID e il patto di servizio possono essere  firmati anche da cittadini  degli altri paesi dell'Unione Europea .  L' agenzia per il lavoro  sottolinea infatti che la libera circolazione dei lavoratori è uno dei principi base dell’Unione europea,  cosi come  l’abolizione di qualsiasi discriminazione, fondata sulla nazionalità, tra lavoratori degli Stati membri, per quanto riguarda l’impiego, la retribuzione e le altre  condizioni di lavoro.
    I cittadini degli stati membri hanno dunque il diritto di cercare lavoro in un altro Stato membro, conformemente alla regolamentazione   in vigore in quello stato,  e di avere la medesima assistenza negli uffici di collocamento  in materia di politiche attive per il lavoro.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LEGGE DI BILANCIO 2022 · 03/12/2021 Cassa integrazione Covid: si può ancora fare domanda

Chiarimenti della Fondazione CDL sulla riapertura dei termini scaduti il 30.9 per la cassa integrazione, prevista dal Decreto fiscale in via di conversione. INPS conferma

Cassa integrazione Covid: si può ancora fare domanda

Chiarimenti della Fondazione CDL sulla riapertura dei termini scaduti il 30.9 per la cassa integrazione, prevista dal Decreto fiscale in via di conversione. INPS conferma

Licenziamento  con accordi di esodo: istruzioni  sul diritto alla NASPI

Inps specifica i casi di diritto alla NASPI dei lavoratori con accordi di esodo durante i divieti per COVID . Riepilogo divieto licenziamento in vigore. Circolare INPS 180 2021

Cassa in deroga: le istruzioni per le crisi aziendali

Domande e pagamento diretto della CIG in deroga per crisi aziendali: nella Circolare INPS n. 179 2021 le istruzioni a Regioni /Province e datori di lavoro

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.