Speciale Pubblicato il 10/05/2019

Riscatto contributi, cd Pace contributiva, di cosa si tratta?

di Susanna Finesso

donazione simulata niente agevolazione prima casa

Requisiti , costo e convenienza fiscale delle novità sul riscatto volontario di periodi privi di contribuzione cd. Pace contributiva 2019

Il "decretone"(decreto-legge n. 4-2019 conv. in legge 26 2019) per la realizzazione del Reddito di cittadinanza e della riforma delle pensioni , contiene oltre alla famosa "Quota  100" altre misure   che riguardano :

  • proroga di altre forme di pensionamento anticipato,
  • blocco degli adeguamenti alla speranza di vita  
  • trattamento di fine rapporto o servizio per i dipendenti statali 
  • la prescrizione dei contributi per i lavoratori statali 
  • il riscatto volontario  di periodi  non coperti da contribuzione in forma agevolata, anche definito "pace contributiva" 

Quest'ultimo punto è contenuto nell'art. 20 del decreto 4-2019, e  introduce in via sperimentale dal 2019 al 2021  la possibilità   di coprire eventuali vuoti contributivi nella propria carriera lavorativa,  successivi al 1995,  in forma agevolata cioe con detraibilità fiscale e versamento anche rateizzato senza interessi. Sul tema l'Inps ha emanato la circolare di chiarimenti n. 36 2019 (precedente la  data della conversione in legge)

Sono previste due modalità:

  1. una   ordinaria  per tutti i periodi non coperti da contribuzione, solo   per chi non ha versato nulla prima del 1996 
  2. una dedicata specificamente al riscatto degli anni di studio per la laurea situati dal 1996 in avanti..

 Vediamo tutti i dettagli aggiornati qui di seguito.

Ti puo interessare  l’ e-book "Pensioni 2019" di L. Pelliccia e il volume APE Anticipo pensionistico e rendita integrativa RITA (libro di carta Maggioli Editore - 120 pagine)

E' disponibile anche il videocorso accreditato "Quota 100 e altre novità previdenziali ( Riscatto laurea e pace contributiva)"

Per tutte le notizie e approfondimenti  segui sempre il nostro DOSSIER gratuito: Pensioni: Quota 100 e novità 2019

RISCATTO PERIODI NON COPERTI DA CONTRIBUZIONE :" Pace contributiva"

Possono essere  versati i contributi relativi a periodi senza contribuzione, per un  massimo di 5 anni,  in modo da  aumentare il montante contributivo disponibile , così da raggiungere prima il requisito necessario per la pensione. E' prevista la detraibilità del costo con aliquota del 50% . 

La pace  contributiva riguarda i  lavoratori iscritti alle gestioni INPS dipendenti, sia pubblici che privati, Gestione Separata, Gestione  Artigiani-Commercianti  purché privi di anzianità contributiva precedente il 31.12.1995. 

Non puo essere richiesto da soggetti che percepiscano già un trattamento pensionistico.

I periodi da riscattare devono essere situati tra il primo e l'ultimo anno di versamenti contributivi già effettuati, purche  a partire dal 1.1.1996 e entro il 29.1.2019 ( data di entrata in vigore del decreto 4-2019)  .Per individuare il primo e l’ultimo contributo dsi prenderanno a riferimento le sole gestioni previdenziali INPS Sono escluse, pertanto, le Casse per i liberi professionisti o gli ordinamenti previdenziali di Stati esteri.

Non è richiesto che il primo e l’ultimo contributo,siano versati o accreditati nella stessa gestione in cui si intenda esercitare la facoltà di riscatto. 

Come detto il periodo da ammettere a riscatto non deve essere già coperto da contribuzione,  con cio si intende   non solo presso il Fondo cui è diretta la domanda  ma  in qualsiasi forma di previdenza obbligatoria (comprese le Casse per i liberi professionisti o enti esteri)

 I periodi da riscattare sono obbligatoriamente soggetti al metodo di calcolo contributivo;  

Possono essere anche non continuativi,  cioè situati in momenti diversi della carriera del lavoratore e  dovuti a motivazioni diverse (disoccupazione o   maternità  senza indennità), ma non devono essere stati oggetto di obbligo contributivo

Il costo viene   calcolato con il sistema contributivo,  (comma 5 art. 2 del decreto 30.4.1997)  che prevede  l'applicazione dell’aliquota contributiva in vigore nella gestione in cui si chiede il riscatto , alla  retribuzione da lavoro percepita  nei dodici mesi precedenti la domanda, rapportata agli anni di studio da riscattare .

Tale onere è detraibile al 50 % dai redditi  nell'anno del versamento e nei 4 successivi.

 Il versamento puo essere  effettuato  in un unica soluzione o in max 120 rate  mensili (10 anni) (non inferiori a 30 €), senza applicazione di interessi. (La durata della rateizzazione è stata ampliata dalla legge di conversione del decreto). La rateizzazione non è possibile nel caso si intendano utilizzare i contributi per l'immediata liquidazione della pensione o nel caso siano determinanti per il versamento di contributi volontari. Se il pensionamento avviene durante la rateizzazione,  le rate residue andranno versate in una unica soluzione.

ATTENZIONE   L'eventuale successiva acquisizione di anzianita' assicurativa antecedente al 1° gennaio 1996 determina  l'annullamento d'ufficio del riscatto gia' effettuato  e  quanto versato verrà restituito dall' INPSi. 

Questa opportunità (come ben evidenziato dal dott. Orlando del Sole 24 Ore  nel recente webinar gratuito " Riscatto Laurea e Pace contributiva" )  è particolarmente conveniente  dal punto di vista fiscale perche di fatto la detraibilità del 50% risulta  sempre superiore   anche ad una deducibilità al 100% in dichiarazione. 

Il costo puo essere sostenuto anche dai datori di lavoro  e in questo caso è deducibile  dai redditi di impresa o lavoro autonomo   e non concorre a formare il reddito  in capo al lavoratore (art. 51 comma 2 lettera a) del  DPR 917-1986). 

In sintesi:

RISCATTO AGEVOLATO PERIODI PRIVI DI CONTRIBUZIONE

periodi senza contribuzione

  • massimo 5 anni
  • anche non continuativi
  • situati tra il 1.1.1996  e il 29.1.2019

gestioni previdenziali ammesse

  • IVS dipendenti o forme esclusive e sostitutive (privati e pubblici)
  • Gestione Separata  
  • Gestione  Artigiani-Commercianti 

costo

calcolato con metodo contributivo

  • detraibile al 50% dal reddito del lavoratore in 5 anni
  • oppure  deducibile se sostenuto dal datore di lavoro

pagamento

  • unico versamento oppure
  • max 120 rate di min. 30 euro ciascuna senza interessi

NOTA BENE

  • Riservata a lavoratori privi di contribuzione precedente il 31.12.1995
  • La rateizzazione non è possibile se  i contributi devono essere utilizzati immediatamente  per la pensione.
  • Se il pensionamento avviene durante la rateizzazione,  le rate residue andranno versate in una unica soluzione

Tutte le novità del Decreto Crescita nel pacchetto Decreto Crescita 2019: eBook + Circolare per i clienti

PACE CONTRIBUTIVA:come fare domanda

 Il modulo di domanda per riscattare i periodi non coperti da contribuzione è disponibile sul sito INPS 

La domanda da parte del diretto interessato o anche da un suo superstite si presenta :

  • online all'INPS attraverso il servizio dedicato. 
  • Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164164 da rete mobile;
  • Enti di patronato e intermediari dell'Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

 Si ricorda che  possono essere riscattati,  nella misura massima di cinque anni anche non continuativi, i periodi successivi al 31 dicembre 1995 e precedenti al 29 gennaio 2019.

RISCATTO AGEVOLATO DELLA LAUREA

Il decreto 4 2019 riserva una particolare agevolazione per il riscatto dei periodi di studio per la laurea successivi al 1995 (senza limiti di età).

Il costo è fissato come un  contributo forfettario  annuale, calcolato moltiplicando il  minimo imponibile previsto per artigiani e commercianti per l'aliquota previdenziale dei lavoratori dipendenti vigente al momento della richiesta (oggi 33%). Per il 2019  si tratta di circa 5240 euro per ogni anno di studio da riscattare.

Sugli altri requisiti per il riscatto della laurea valgono le regole ordinarie (possibile il riscatto parziale, il titolo di studio deve essere stato conseguito, sono riscattabili solo gli anni di durata legale ecc..)

La stampa specializzata e la Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro ha evidenziato anche la possibilità dei riscatto agevolato per periodi di studio situati ante 1996  se l'interessato  rientra nei requisiti  previsti dalla riforma Dini per il regime contributivo puro (VEDI "Riscatto agevolato anche ante 1996") ma sul punto ad oggi  manca la conferma dell'INPS .

SALDO E STRALCIO DEBITI CONTRIBUTIVI

Per completezza , ricordiamo una ulteriore possibilità di "pace contributiva" ovvero il  recupero di contribuzione non versata introdotta dalla legge di bilancio 2019  nella Definizione agevolata delle cartelle, che comprende anche i debiti contributivi, cd. Saldo e stralcio delle cartelle.

In questo caso si tratta contributi  dovuti e che possono essere sanati con una percentuale che varia dal 16% al 35% dell’importo già “scontato” delle sanzioni e degli interessi di mora,  ma l'agevolazione è rivolta solo a soggetti in difficoltà economica, ovvero con ISEE pari o inferiore a 20mila euro.




Prodotti per La rubrica del lavoro , Pensioni: Quota 100 e novità 2019, Riforme Governo Conte

 
14,90 € + IVA
8,56 € + IVA
7,60 € + IVA

Commenti

Ho 62 anni compiuti nel 2018. Ho 24 anni di contributi Inpdap dal 1980 fino al 2003 e 10 anni Inps commercianti, di cui un anno il 2018 di contribuzione volontaria perciò dovrei coprire 4 anni x farne 38 ed accedere alla quota cento con il cumulo. Avendo un periodo senza contributi versati 2013-2017 potrei richiedere di versare in unica soluzione i 4 anni mancanti ai sensi dell'art. 20 del decreto Quota 100

Commento di Ivano (08:33 del 31/01/2019)

Buonasera il riscatto di 4 anni come lavoratore socialmente , posso effettuarlo volontariamente? sono oneri deducibili sul 730?

Commento di LINA (21:32 del 14/04/2019)

Buonasera il riscatto di 4 anni come lavoratore socialmente , posso effettuarlo volontariamente? sono oneri deducibili sul 730?

Commento di LINA (21:33 del 14/04/2019)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)