HOME

/

FISCO

/

REDDITI PERSONE FISICHE 2021

/

SPESE FUNEBRI DETRAIBILI: REGOLE E MODALITÀ DI COMPILAZIONE IN DICHIARAZIONE

Spese funebri detraibili: regole e modalità di compilazione in dichiarazione

Dichiarazione dei redditi 730/2018 o Redditi PF/2018: possibile indicare le spese funebri sostenute nel 2017. Ecco le regole da seguire

In sede di dichiarazione dei redditi i contribuenti possono portare in detrazione le spese funebri sostenute in caso di morte di altre persone, per un importo non superiore a 1.550 Euro per ciascun decesso. Dal 2015 non è più richiesto che il soggetto defunto sia un familiare: può quindi essere qualunque persona per cui si il contribuente abbia deciso di sostenere la spesa. Di seguito un riepilogo delle condizioni per fruire della detrazione, e le modalità di indicazione di tali spese nel mod. 730/2018 e mod. Redditi PF/2018.

L'articolo continua dopo la pubblicità

 

 

1) Beneficiari della detrazione

La detraibilità spetta al soggetto che ha sostenuto la spesa.

La detrazione può essere ripartita tra più persone, qualora sul documento contabile - anche se intestato ad unico soggetto - sia annotata una ripartizione delle spese sottoscritta dallo stesso intestatario del documento (C.M. 26 del 25.05.1979).
Se la spesa è sostenuta da soggetti diversi dall'intestatario della fattura, affinché questi possano fruire della detrazione, è necessario che nel documento originale di spesa sia riportata una dichiarazione di ripartizione della stessa sottoscritta anche dall'intestatario del documento.
 

2) Importo detraibile

La detrazione è pari al 19% della somma corrisposta, nel limite di 1.550 Euro per ciascun decesso (l'importo di 1.550 Euro è stato così modificato dalla Legge di Stabilità 2016, in precedenza era 1.549,37 Euro).

Tale limite vale anche nel caso in cui la spesa relativa allo stesso defunto sia sostenuta da più soggetti, o nel caso in cui il pagamento sia ripartito su più anni.

Devono essere comprese nell'importo anche le spese indicate nella CU 2018 (punti da 341 a 352), con il codice 14.
 

3) Cosa si intende per spese funebri

Per spese funebri si intendono quelle che servono per il trasporto al cimitero e per la sistemazione della salma, ad esempio nei loculi cimiteriali.
Le spese funebri devono rispondere al criterio di attualità rispetto all'evento, pertanto sono escluse quelle sostenute anticipatamente dal contribuente in previsione delle future onoranze funebri, come per esempio l'acquisto di un loculo prima della morte (Risoluzione n. 944 del 28.07.1976).
Le spese devono essere documentate da apposite fatture, contenenti gli importi corrisposti a titolo di onoranze funebri.  
Si ricorda che con la Legge di Stabilità 2016 (art. 1 comma 954 L. 208/2015) la detrazione si applica per la morte di qualunque persona, indipendentemente dal rapporto di parentela. E' stata, infatti, eliminato il riferimento all'art. 433 del codice civile, che indicava tra le persone per le quali era possibile beneficiare della detrazione:

  • il coniuge;
  • i figli, anche adottivi, e in loro mancanza i discendenti prossimi;
  • i genitori, e in loro mancanza, gli ascendenti prossimi; gli adottanti;
  • i generi e le nuore;
  • il suocero e la suocera;
  • i fratelli e le sorelle germani o unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali.

Tale modifica ha effetto retroattivo a partire dal 2015.
Si evidenzia, poi, che la legge fa riferimento alla "morte di persone", quindi anche non familiari, e anche non fiscalmente a carico.

4) Detraibili anche le spese funebri sostenute all'estero

La detrazione spetta anche quando le spese funebri sono sostenute all'estero a condizione che la documentazione in lingua originale sia corredata da una traduzione giurata in lingua italiana. Se si tratta di inglese, tedesco o spagnolo è sufficiente che la traduzione sia eseguita e sottoscritta dal contribuente. La documentazione originale in sloveno può essere corredata da una traduzione non giurata se il contribuente è residente nella Regione del Friuli Venezia Giulia, e appartiene alla minoranza slovena (Circolare 7/E del 27.04.2018).

5) Indicazione nel modello 730/2018 e mod. Redditi PF 2018

In vista della compilazione della dichiarazione dei redditi 2018 si ricorda che le spese funebri vanno indicate nei righi:

  • E8-E10 del Mod. 730, con il codice 14;
  • RP8-RP13 del Mod. Redditi PF, sempre con il codice 14.

Nel caso di più eventi occorre compilare più righi da E8 a E10 riportando in ognuno di essi il codice 14 e la spesa relativa a ciascun decesso.
 

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI COVID-19 · 22/09/2021 Detassazione dei contributi e delle indennità COVID-19

Contributi e indennità COVID-19 fuori dal prospetto degli aiuti di stato. Continuano i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detassazione dei contributi e delle indennità COVID-19

Contributi e indennità COVID-19 fuori dal prospetto degli aiuti di stato. Continuano i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Previdenza complementare: quando è imponibile per il lavoratore

I chiarimenti dell'Agenzia sul trattamento fiscale dei contributi versati alla previdenza complementare dall'azienda per il lavoratore Interpello n. 589 2021

Soggetti Isa: versamenti senza lo 0,4% entro il 15.09 e ravvedimento per ritardatari

Contribuenti ISA, forfettari e altri: pagano oggi 15 settembre le somme (imposte e contributi) risultanti da dichiarazione redditi, IRAP e IVA, in scadenza dal 30.06 al 31.08.2021.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.