Speciale Pubblicato il 04/03/2016

Novità bilanci 2016: le micro-imprese

di Cavallari Dott.ssa Michela

168x126 budget

In vigore dal 01/01/2016 le micro-imprese!Definizione, requisiti e semplificazioni nella redazione del bilancio d'esercizio 2016.

Il Decreto Legislativo n.139/2015, c.d Decreto Bilanci, ha recepito le indicazioni contenute nella Direttiva 2013/34/UE, relativa ai bilanci di esercizio e consolidati, introducendo diverse novità nel nostro ordinamento tra cui le micro-imprese che sono legiferate nell’art. 2435-ter del Codice Civile. Di seguito l’analisi dell’articolo: definizione, requisiti, semplificazioni nella redazione del bilancio delle micro-imprese.

Pronto il software Bilancio Europeo 2016 - studiato nelle diverse configurazioni per venire incontro alla tue esigenze.

Ti potrebbe interessare anche l'e-book Il nuovo bilancio di esercizio-cosa cambia dal 1 gennaio 2016  e l'ebook sul Rendiconto Finanziario

Micro-imprese: Definizione e requisiti

Prima di analizzare i requisiti che il legislatore italiano ha previsto per le micro-imprese, è necessario fare una premessa. L’articolo 3 della Direttiva 2013/34/Ue titola “Categorie di imprese e di gruppi” e suddivide le tipologie di imprese in micro-imprese, piccole imprese, medie imprese e grandi imprese, sulla base di tre parametri dimensionali: il totale dell’attivo dello Stato Patrimoniale, i ricavi delle vendite e delle prestazioni, e i dipendenti medi occupati nell’esercizio. Per la Direttiva, sono considerate micro le imprese che alla data di chiusura del bilancio di esercizio non superano i limiti numerici di almeno due dei tre criteri seguenti: totale stato patrimoniale:350.000 euro; ricavi netti delle vendite e delle prestazioni: 700.000 euro, numero medio dei dipendenti occupati nell’esercizio: 10.

Tuttavia, benchè lo scopo del Decreto Legislativo 139/2015 fosse l’attuazione della Direttiva, il legislatore italiano ha optato per parametri dimensionali differenti e corrispondenti alla metà dei valori indicati dalla Direttiva. In particolare al primo comma dell’art 2435-ter del Codice Civile si definiscono micro-imprese: “le societa' di cui all'articolo 2435-bis che nel primo esercizio o, successivamente, per due esercizi consecutivi, non abbiano superato due dei seguenti limiti:

  • totale dell'attivo dello stato patrimoniale: 175.000 euro;
  • ricavi delle vendite e delle prestazioni: 350.000 euro;
  • dipendenti occupati in media durante l'esercizio: 5 unità”.

Il riferimento all’art. 2435-bis rimanda al requisito per le società che rispettano tali parametri dimensionali di non avere emesso titoli quotati in un mercato regolamentato.

Micro-imprese: semplificazioni sugli schemi di bilancio

Nel secondo comma dell’art. 2435-ter sono indicate le semplificazioni per le micro-imprese. Quest’ultime infatti sono esonerate dal redigere:

  • rendiconto finanziario.
  • nota integrativa, se in calce allo stato patrimoniale risultano già le informazioni previste dal primo comma dell'articolo 2427, numeri 9) e 16). Questa deroga è la vera novità in tema di semplificazioni dei bilanci per le micro-imprese, infatti l’esonero dal rendiconto finanziario e dalla relazione sulla gestione rientrano nel bilancio abbreviato.
    • Le informazioni richieste al numero 9 del primo comma dell’art. 2427 sono “ l’importo complessivo degli impegni, delle garanzie e delle passività potenziali non risultanti dallo stato patrimoniale, con indicazione della natura delle garanzie reali prestate; gli impegni esistenti in materia di trattamento di quiescenza e simili, nonché gli impegni assunti nei confronti di imprese controllate, collegate, nonché controllanti e imprese sottoposte al controllo di quest’ultime sono distintamente indicati.”
    • Le informazioni richieste al numero 16 del primo comma dell’art. 2427 sulla nota integrativa sono: “ l'ammontare dei compensi, delle anticipazioni e dei crediti concessi agli spettanti agli amministratori ed ai sindaci, cumulativamente per ciascuna categoria, precisando il tasso d’interesse, le principali condizioni e gli importi eventualmente rimborsati, cancellati o oggetto di rinuncia, nonché gli impegni assunti per loro conto per effetto di garanzie di qualsiasi tipo prestate, precisando il totale per ciascuna categoria”.
  • la relazione sulla gestione, se in calce allo stato patrimoniale risultano le informazioni richieste dai numeri 3) e 4) dell'articolo 2428.
    • Le informazioni richieste al numero 3 dell’articolo 2428 riguardano il numero e il valore nominale sia delle azioni proprie sia delle azioni o quote di società controllanti possedute dalla società, anche per tramite di società fiduciaria o per interposta persona, con l'indicazione della parte di capitale corrispondente.
    • Le informazioni richieste al numero 4 dell’articolo 2428 riguardano il numero e il valore nominale sia delle azioni proprie sia delle azioni o quote di società controllanti acquistate o alienate dalla società, nel corso dell'esercizio, anche per tramite di società fiduciaria o per interposta persona, con l'indicazione della corrispondente parte di capitale, dei corrispettivi e dei motivi degli acquisti e delle alienazioni.”

Per quanto riguarda il bilancio abbreviato, usato dalle imprese di dimensioni minori, l’articolo 2425-ter così come modificato dal Decreto bilanci, non ha previsto né una struttura rigida nello schema di bilancio né un suo contenuto minimo. Inoltre:

  • nello Stato Patrimoniale per le immobilizzazioni materiali e immateriali, non è più prevista l’annotazione degli ammortamenti e delle svalutazioni
  • nel Conto Economico:
    • è stata eliminata tutta la parte straordinaria classificata sotto la lettera “E) Proventi e oneri straordinari”,
    • è possibile raggruppare le voci D18a, D18b, D18c ,D18d (rivalutazioni di partecipazioni, di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni, di titoli iscritti all’attivo circolante che non costituiscono partecipazioni, di strumenti finanziari derivati)
    • è possibile raggruppare le voci D19a, D19b, D19c e D 19d (svalutazioni di partecipazioni, di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni, di titoli iscritti all’attivo circolante che non costituiscono partecipazioni, di strumenti finanziari derivati)

Si evidenzia che nei bilanci delle micro-imprese non sono applicabili le disposizioni del quinto comma dell'articolo 2423 e del numero 11-bis del primo comma dell'articolo 2426. Il primo riferimento all’art 2423 riguarda la possibilità di derogare dalle norme del Codice Civile nella redazione del bilancio se incompatibili con la rappresentazione veritiera e corretta della situazione finanziaria, patrimoniale ed economica della società, dandone motivazione in nota integrativa. Per le micro-imprese non è quindi possibile derogare da quanto indicato nel codice. Il riferimento all’articolo 2426 riguarda l’indicazione al fair value per gli strumenti finanziari derivati anche se incorporati in altri strumenti finanziari, in questo caso le micro-imprese sono esonerate per evitare un appesantimento degli oneri amministrativi.

Micro-imprese: perdita dei requisiti

Nell’ultimo comma dell’articolo 2035-ter c’è il riferimento alla perdita dei requisiti dimensionali delle micro-imprese. In particolare le micro-imprese che per due esercizi consecutivi abbiano superato due dei parametri dimensionali indicati dal legislatore italiano, sono obbligate a redigere, a seconda dei casi, il bilancio in forma abbreviata o in forma ordinaria.




Prodotti per Il bilancio d'esercizio 2019

14,90 € + IVA
12,90 € + IVA
 
630,74 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)