HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

DEMANSIONAMENTO, MOBBING E RISARCIMENTO

Demansionamento, mobbing e risarcimento

Sentenza Cassazione n. 1262/2015: il demansionameto professionale realizzato come mobbing, e provato, dà diritto al risarcimento del lavoratore

IL CASO
La Corte d'appello respinge la domanda proposta dal lavoratore nell’ottenere il rigetto del licenziamento per giustificato motivo oggettivo ed il risarcimento del danno per mobbing ed, invece, accoglie la domanda di risarcimento del danno da dequalificazione sofferto dal lavoratore.
Nei confronti di questa sentenza, il lavoratore propone ricorso per cassazione, affidandosi ad un unico motivo, ossia il lavoratore-ricorrente lamenta vizio di motivazione nella parte in cui l'impugnata sentenza, pur riconoscendo il demansionamento patito dal lavoratore (inquadrato nel 7° livello CCNL metalmeccanici), non ne ha però tenuto conto ai fini dell'accoglimento della domanda di risarcimento dei danni da mobbing e dell'impugnativa di licenziamento.
Sul punto, la Corte di Cassazione accoglie il ricorso, rifacendosi ad un principio giurisprudenziale consolidato, secondo cui il divieto ex art. 2103 c.c. di variazioni in peius delle mansioni opera anche quando al lavoratore, pur nella formale equivalenza delle precedenti e delle nuove mansioni, siano assegnate di fatto mansioni sostanzialmente inferiori quanto a contenuto professionale.
IL COMMENTO
1. Mobbing: nozione ed ipotesi
A questo riguardo deve rammentarsi che, pur in assenza di una definizione legislativa, il concetto di mobbing è stato puntualmente circoscritto dalla giurisprudenza della Corte di Cassazione; infatti, la giurisprudenza di legittimità, come anche la presente pronuncia, ha affermato l'esigenza di accertare la sussistenza "di una condotta sistematica e protratta nel tempo, che concreta, per le sue caratteristiche vessatorie, una lesione dell'integrità fisica e la personalità morale del prestatore di lavoro, garantite dall’art. 2087 c.c.; tale illecito, che rappresenta una violazione dell'obbligo di sicurezza posto da questa norma generale a carico del datore di lavoro, si può realizzare con comportamenti materiali o provvedimenti del datore di lavoro indipendentemente dall'inadempimento di specifici obblighi contrattuali previsti dalla disciplina del rapporto di lavoro subordinato. La sussistenza della lesione del bene protetto e delle sue conseguente dannose deve essere verificata considerando l'idoneità offensiva della condotta del datore di lavoro, che può essere dimostrata, per la sistematicità e durata dell'anione nel tempo, dalle sue caratteristiche oggettive di persecuzione e discriminazione, risultanti specialmente da una connotazione emulativa e pretestuosa, anche in assenza di una violazione di specifiche norme di tutela del lavoratore subordinato" (Cass. Civ., Sez. Lav., 6 marzo 2006, n. 4774).
La giurisprudenza ha anche precisato che "per "mobbing" si intende comunemente una condotta del datore di lavoro o del superiore gerarchico, sistematica e protratta nel tempo, tenuta nei confronti del lavoratore nell'ambiente di lavoro, che si risolve in sistematici e reiterati comportamenti ostili che finiscono per assumere forme di prevaricazione o di persecuzione psicologica, da cui può conseguire la mortificazione morale e l'emarginazione del dipendente, con effetto lesivo del suo equilibrio fisiopsichico e del complesso della sua personalità.
Ai fini della configurabilità della condotta lesiva del datore di lavoro sono, pertanto, rilevanti:
  • la molteplicità di comportamenti di carattere persecutorio, illeciti o anche leciti se considerati singolarmente, che siano stati posti in essere in modo miratamente sistematico e prolungato contro il dipendente con intento vessatorio;
  • l'evento lesivo della salute o della personalità del dipendente;
  • il nesso eziologico tra la condotta del datore o del superiore gerarchico e il pregiudizio all'integrità psico-fisica del lavoratore; d) la prova dell'elemento soggettivo, cioè dell'intento persecutorio" .(...)

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per approfondire scarica il commento completo con il testo integrale della Sentenza. 
Il documento fa parte di diversi pacchetti abbonamento  oggi in promozione al 50%. Approfitta SUBITO!

1) Il demansionamento professionale è mobbing, se è provato e da diritto al risarcimento

 (PDF 8 pagine)
Sommario:
IL CASO 
IL COMMENTO 
  1. Mobbing: nozione ed ipotesi
  2. Demansionamento ed art. 2103 c.c.
  3. Art. 2103 c.c. e riclassamento delle mansioni
  4. Demansionamento e danno 
IL TESTO INTEGRALE DELLA SENTENZA
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Nadia - 01/12/2015

Buon giorno, sto assistendo a quello che per me è mobbing , dopo essere state trasferite alla società appaltante accade che la mia superiore , che chiamerò Francesca , assunta con la stessa qualifica , venga più volte ripresa verbalmente ed in privato,dopo che la funzionaria più " anziana " nella azienda ma pari grado di Francesca fa dei resoconti alla direzione , dichiarando che non dia informazioni errate o sia scortese con gli impiegati , io che per ben 5 anni ho lavorato a stretto contatto con lei posso dire che è persona fin troppo umana e molto preparata e per contro temo che la funzionaria con più anzianità tema di essere scavalcata. Ora è stata demansionata , mantenendole lo stipendio . Trovo sia anche moralmente umiliante e la frase - "almeno non hai perso il lavoro" riduttiva della situazione e termometro della situazione attuale nel mondo del lavoro .Attendo un vostro parere , sarei lieta di poter essere d'aiuto a Francesca che sta veramente andando in depressione. grazie mille

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 19/08/2022 Artigiani e Commercianti, doppio versamento il 22 agosto

Aliquote minimali e massimali Artigiani e Commercianti 2022. Novità sull'Indennizzo per cessazione attività . Scadenza in arrivo per 2^ rata del minimale e saldo 2021...

Artigiani e Commercianti, doppio versamento il 22 agosto

Aliquote minimali e massimali Artigiani e Commercianti 2022. Novità sull'Indennizzo per cessazione attività . Scadenza in arrivo per 2^ rata del minimale e saldo 2021...

Fringe benefits 2022, nuova soglia 600 euro

Decreto Aiuti bis: franchigia piu alta e inserimento di erogazioni per le utenze domestiche dei dipendenti. Con il bonus 200 euro benzina si arriva ad 800 euro esenti

Bonus sociali  bollette:  regole e novità per tutto il 2022

Guida ai bonus sociali per acqua, luce e gas: nuova soglia ISEE e stop ai rincari fino al 31 dicembre 2022 con il decreto Aiuti bis. Come si richiedono

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.