HOME

/

FISCO

/

SUPERBONUS 110%

/

LA DEDUCIBILITÀ DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

La deducibilità degli impianti fotovoltaici

Il trattamento fiscale ai fini delle imposte dirette degli impianti fotovoltaici dopo la circolare 36/E dell'Agenzia delle Entrate

Ascolta la versione audio dell'articolo
Con la Circolare n. 36/E del 19.12.2013, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcune importanti precisazioni riguardo le problematiche in materia di fotovoltaico, partendo dalla questione dell’accatastamento degli impianti che negli ultimi anni ha suscitato non poche incertezze.
Con l’intervento l'Agenzia ha quindi chiarito il trattamento ai fini delle imposte dirette e indirette degli impianti fotovoltaici sulla base della loro rilevanza catastale.
 
PROFILI CATASTALI
In generale, coerentemente con quanto precisato nella Risoluzione 3/T/2008, l’Agenzia ribadisce che gli immobili ospitanti centrali elettriche a pannelli fotovoltaici vanno accatastati nella categoria "D/1 - opifici" ( oppure D/10 se hanno i requisiti di ruralità).
Non sussiste  però alcun obbligo di dichiarazione al catasto qualora sia soddisfatto almeno 1 dei seguenti requisiti:
  1. la potenza nominale dell’impianto fotovoltaico non è superiore a 3 chilowatt per ogni unità immobiliare servita.
  2. la potenza nominale complessiva, espressa in chilowatt, non è superiore an tre volte il numero delle unità immobiliari le cui parti comuni sono servite dall’impianto.
  3. per le installazioni ubicate al suolo, il volume individuato dall’intera area destinata all’intervento inferiore a 150 m3.
 In questi tre casi l'mpianto è considerato bene mobile e segue anche ai fini fiscali una diversa disciplina.

1) La disciplina delle IMPOSTE DIRETTE sugli impianti fotovoltaici

A -  Bene mobile
Come stabilito dalla CM 46/2007 il costo sostenuto per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico è deducibile :
  • art. 102 del TUIR: a titolo di ammortamento, dai titolari di reddito d’impresa (persone fisiche/ giuridiche) che impiegano tale bene nell’ambito dell’attività, nei limiti della prevista imputazione a conto economico.
  •  art. 54 del TUIR: dai lavoratori autonomi e le associazioni professionali che utilizzano tale bene nella propria attività.
In tal caso, il coefficiente di ammortamento applicabile è pari al 9 % così come previsto per le “centrali termoelettriche secondo la tabella allegata al decreto ministeriale 31 dicembre 1988”.
B) Bene immobile
In presenza di un impianto fotovoltaico che si configura come un bene immobile, il costo dell’investimento è deducibile:
  •  art. 102 del TUIR: a titolo di ammortamento, per le persone fisiche e giuridiche titolari di reddito d’impresa;
  •  art. 54 del TUIR: per i lavoratori autonomi e le associazioni professionali che abbiano acquistato l’impianto nel periodo 01/01/2007 - 31/12/2009 e lo impieghino nell’ambito della loro attività.
Al riguardo, l’Agenzia rammenta che il costo di acquisto di un immobile strumentale sostenuto da un professionista non è più fiscalmente deducibile, secondo la procedura dell’ammortamento, se l’atto di acquisto ha avuto luogo successivamente al 31/12/2009 (art. 1, co. 335, L. 296/06).
Per l’aliquota applicabile è necessario far riferimento al coefficiente di ammortamento previsto per i “fabbricati destinati all’industria” pari al 4%.
Inoltre, l’Agenzia, precisa che:
  • se l’impianto fotovoltaico è stato qualificato dal contribuente come bene mobile applicando l’aliquota del 9%, i maggiori ammortamenti dedotti nei periodi d’imposta precedenti alla circolare in esame non vanno rettificati;
  •  se i pannelli fotovoltaici non risultino accatastati autonomamente in quanto totalmente o parzialmente integrati all’unità immobiliare, i relativi costi, se capitalizzati, sono ammortizzati seguendo la procedura di ammortamento del bene di cui sono diventate parte integrante; l’aliquota di ammortamento applicabile sarà quella dell’immobile cui l’impianto risulta integrato. Anche per la deduzione della quota d’ammortamento dei beni immobili, resta fermo il rispetto del criterio di previa imputazione. 
IMPIANTI REALIZZATI SU BENI DI TERZI
Qualora l’immobile sul quale vengono integrati i pannelli fotovoltaici  sia di proprietà di terzi, il relativo costo configura una spesa di manutenzione straordinaria non capitalizzabile in quanto relativo ad un bene non di proprietà. Lo stesso, in base al principio contabile n. 24, può essere contabilizzato in 2 diversi modi a seconda che il bene cui si riferisce il costo abbia una propria autonomia o meno; in particolare:
a) se l’ impianto non è separabile dall’ immobile cui si riferisce:
  • il costo va iscritto tra le immobilizzazioni immateriali nella voce “Costi per migliorie e spese incrementative su beni di terzi”
  •  concorre alla determinazione del reddito di impresa, come spesa relativa a più esercizi, nel limite della quota imputabile a ciascun esercizio.
b) se l’impianto è separabile dall’ immobile cui si riferisce:
  •  il costo va iscritto tra le immobilizzazioni materiali nella specifica categoria di appartenenza
  •  concorre al reddito d’impresa, rispettivamente, attraverso la procedura di ammortamento (art. 102 del TUIR).
 Non spetta il rimborso dell’IVA assolta sull’acquisto o realizzazione di impianto fotovoltaico collocato su beni di terzi quando l’impianto non è separabile dal bene immobile cui si riferisce, non potendo essere rimosso al termine del periodo di utilizzo.
IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN LEASING
 Il diverso inquadramento degli impianti fotovoltaici come beni mobili o immobili, nel caso siano oggetto di leasing, implica, ai fini delle imposte dirette, le seguenti conseguenze fiscali.
BENE MOBILE
  1. se l’impianto è qualificabile bene mobile e costituisce bene strumentale nell’esercizio dell’attività d’impresa, il canone di leasing bene è deducibile ai sensi dell’art. 102, co. 7, del TUIR secondo cui “per l’impresa utilizzatrice che imputa a conto economico i canoni di locazione finanziaria, a prescindere dalla durata contrattuale prevista, la deduzione è ammessa per un periodo non inferiore ai due terzi del periodo di ammortamento corrispondente al coefficiente stabilito a norma del comma 2 in relazione all’attività esercitata dall’impresa stessa”;
  2. se l’impianto è realizzato da lavoratori autonomi e associazioni professionali che lo utilizzano nella propria attività il canone di leasing è deducibile ai sensi dell’art. 54 del TUIR.
BENE IMMOBILE
  1.   se l’impianto è qualificabile bene immobile il citato art. 102, co. 7, del TUIR dispone che “qualora l’applicazione della regola… determini un risultato inferiore a undici anni ovvero superiore a diciotto anni, la deduzione è ammessa per un periodo, rispettivamente, non inferiore a undici anni ovvero pari almeno a diciotto anni”;
  2. per i lavoratori autonomi e le associazioni professionali che abbiano acquisito l’impianto nel periodo 01/01/2007-31/12/2009 e lo impieghino nell’ambito della loro attività, il canone di leasing è deducibile ai sensi dell’art. 54 del TUIR.

Ti consigliamo:

Visita il Focus dedicato alle Ristrutturazioni Edilizie, Superbonus 110%, Cessione del Credito in continuo aggiornamento

2) Per approfondire anche la disciplina IVA e le imposte indirette sul fotovoltaico scarica la nostra dettagliata CDG:

 Circolare del Giorno n. 37 del 20 Febbraio 2013 "Impianti fotovoltaici: profili catastali e fiscali"
SCOPRI LA CONVENIENZA DELL'ABBONAMENTO:  250 approfondimenti annuali con pochi centesimi al giorno!
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

marco - 15/11/2014

Ho acquistato un immobile nuovo direttamente dalla società costruttrice. Fine lavori anno 2014, costruito e venduto al sottoscritto. l'immobile è fornito di impianto fotovoltaico. Posso io, benificiare dello sgavio fiscale previsto per l'istallazione dell'impianto? Grazie

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SUPERBONUS 110% · 18/07/2024 Plusvalenza da cessione immobile con superbonus: come si calcola nell'usucapione

Interpello n 157/2024 chiarimenti Ade sulla plusvalenza da cessione di immobile usucapito e oggetto di superbonus

Plusvalenza da cessione immobile con superbonus: come si calcola nell'usucapione

Interpello n 157/2024 chiarimenti Ade sulla plusvalenza da cessione di immobile usucapito e oggetto di superbonus

Dl Salva Casa 2024: novità per destinazione d'uso, sottotetti e stato legittimo

Salva Casa 2024: il testo in aula della Camera reca numerosi cambiamenti. La conversione in legge in dirittura d'arrivo

Plusvalenza cessione immobile con superbonus: anche per il comodatario?

Le Entrate con FAQ del 15 luglio chiariscono chi paga la plusvalenza da cessione di immobili con superbonus

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.