HOME

/

FISCO

/

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA 2020

/

IMPOSTA DI REGISTRO: GLI AUMENTI DAL 2014

Imposta di registro: gli aumenti dal 2014

Nuove imposte di registro e ipocatastali dal prossimo anno introdotte dal DL 104/2013 "Istruzione" e DL 23/1011 "Federalismo"

Due recenti decreti, il c.d. decreto istruzione (d.l. 104/2013) del Governo Letta e il decreto sul federalismo fiscale (d.lgs. 23/2011 ) rivoluzionano a partire dal 2014 gli importi dovuti come imposta di registro e ipocatastali sulle compravendite immobiliari e altri atti soggetti a registrazione .  Vediamo le novità in estrema sintesi.
Dal 1° gennaio 2014 l'imposta di registro
  •   in misura fissa passerà dagli attuali 168 Euro a 200 Euro;
  •  quella in percentuale per l'acquisto della prima casa scenderà dal 3 al 2%;
  •  quella in percentuale per gli altri trasferimenti immobiliari aumenterà dal 7 al 9%.
  l'imposta ipocatastale sarà dovuta in misura fissa a 50€ e non più in percentuale.
In generale queste modifiche comporteranno dei vantaggi per le compravendite immobiliari, in particolare per quelle che hanno come venditori dei soggetti privati, mentre ci saranno delle penalizzazioni per gli acquisti effettuati da imprese. Ricordiamo che l'imposta di registro è una imposta dovuta per la registrazione di un atto pubblico o privato è può essere commisurata al valore contenuto nell'atto stesso o dovuta in misura fissa . Essa è alternativa al versamento dell'IVA sul valore della transazione di norma, richiesta appunto alle imprese e soggetti IVA individuali. 

1) Imposta di registro fissa e in percentuale

IMPOSTE IN MISURA FISSA
A seguito delle modifiche apportate dal D.L. n. 104/2013 all'art. 10 DL 23 2011: 
  • per gli atti di trasferimento a titolo oneroso di immobili (comprese le abitazioni) dal 2014 opera l'esenzione dall’imposta di bollo, dai tributi speciali catastali e dalle tasse ipotecarie, ma le imposte ipocatastali sono dovute nella misura fissa di € 50;
  • l’importo delle imposte di registro, ipotecaria e catastale stabilito in misura fissa passa da 168 a € 200. Tale aumento riguarda gli atti di trasferimento immobiliari soggetti ad IVA ma anche, ad esempio, gli atti societari (atto costitutivo, aumento di capitale con conferimento di beni diversi da quelli immobili, ecc.), gli atti di accettazione / rinuncia all’eredità, i contratti preliminari di compravendita immobiliare.
IMPOSTA DI REGISTRO IN MISURA PERCENTUALE
Per quanto riguarda l'imposta di registro sugli atti traslativi immobiliari in percentuale vi è una importante semplificazione rispetto alle regole attualmente in vigore:
  •  l'aliquota sui trasferimenti relativi alla "prima casa" passa dal 3 al 2% (ad eccezione di quelle di categoria A/1, A/8, A/9);
  •  l'aliquota sui trasferimenti relativi agli altri immobili che si differenziava tra l'1 e il 15% o fissa a 168 Euro) diventa unica al 9%;
con un minimo in netrambi i casi di 1.000 euro .
Il D.l. 104/2013 ha aggiunto poi, come già detto, che per gli atti di trasferimento soggetti alle nuove aliquote del 2% e 9% è prevista: 
  •  l’esenzione dalle imposte di bollo e ipocatastali, dai tributi speciali catastali e dalle tasse ipotecarie. Tale previsione, riguarda anche gli atti e le formalità direttamente conseguenti posti in essere al fine di effettuare gli adempimenti presso il Catasto ed i Registri immobiliari;
  •  la soppressione di tutte le esenzioni e agevolazioni tributarie, ancorché previste da leggi speciali. 

2) Le nuove imposte per le compravendite immobiliari in sintesi:

Tipologia immobile

Soggetto cedente

Imposte

Fino al 31.12.2013

Dall'

1.1.2014

Prima casa

Privato

Registro

3%

2%

Ipotecaria

168 €

50 €

Catastale

168 €

50 €

Soggetto Iva

Iva

4%

4%

Registro

168 €

200 €

Ipotecaria

168 €

200 €

Catastale

168 €

200 €

Abitazione ≠ prima casa

Privato

Registro

7%

9%

Ipotecaria

2%

50 €

Catastale

1%

50 €

Soggetto Iva

Iva

10%

10%

Registro

168 €

200 €

Ipotecaria

168 €

200 €

Catastale

168 €

200 €

Soggetto Iva in regime di esenzione

Iva

Esente

Esente

Registro

7%

9%

Ipotecaria

2%

50 €

Catastale

1%

50 €

Catastale

1%

1%

Soggetto Iva in regime di esenzione

Iva

Esente

Esente

Registro

168 €

200 €

Ipotecaria

3%

3%

Catastale

1%

1%

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Cosimo - 20/01/2015

Buonasera, sono un pensionato dell'amministrazione difesa ed occupo un alloggio demaniale con concessione scaduta. L'amministrazione chiede la registrazione del contratta di affitto. Chiedo gentilmente di conoscere il dispositivo di legge per il quale siamo tenuti a corrispondere il 3% del canone su base annuo al posto del 2% corrisposta da tutti gli altri inquilini italiani, forse noi della difesa siamo figli di un altro dio Grazie

Alessio - 25/10/2013

Buonasera, le modifiche si applicano anche in materia di dichiarazione di successione? Il nuovo importo minimo di 50 euro si applicherà anche per le imposte ipotecarie e catastali degli immobili non prima casa (prima era di 168 euro)? Grazie

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

NUOVA IMU 2020: GUIDA ALLE NOVITÀ TRA COVID19 E ADDIO ALLA TASI · 30/07/2021 Esenzione IMU se i coniugi risiedono in comuni diversi per motivi lavorativi

Possibile l’esenzione IMU per l’abitazione principale se i coniugi risiedono in comuni diversi per motivi che dimostrino la mancanza di un intento elusivo

Esenzione IMU se i coniugi risiedono in comuni diversi per motivi lavorativi

Possibile l’esenzione IMU per l’abitazione principale se i coniugi risiedono in comuni diversi per motivi che dimostrino la mancanza di un intento elusivo

Agevolazioni prima casa e Superbonus: 30 mesi per trasferire la residenza

Semplificazioni: per non perdere le agevolazioni prima casa, possibile trasferire la residenza entro 30 mesi dall'acquisto di immobili sottoposti a lavori rientranti nel Superbonus

Fotovoltaico su nuovi edifici: per il 110% conta quando viene installato

Il superbonus per il fotovoltaico e sistemi di accumulo spetta solo se l'immobile è accatasto oppure se eseguito congiuntamente a interventi trainanti.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.