IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 28/09/2011

Unico 2011 in chiusura, l’invio entro il 30 settembre

di Staff di Fiscoetasse

Tempo di lettura: 3 minuti
unico_scadenza

L'ultima chance per Unico 2011 è presentare la dichiarazione tardiva entro il 29.12. Oltre tale termine la dichiarazione è omessa e da quest’anno basta un’imposta evasa superiore a 30.000 € a far scattare l’illecito penale.

Commenta Stampa

Ancora pochi giorni per inviare gli Unici 2011. Il 30 settembre, infatti, è l’ultimo giorno utile per la trasmissione telematica dei dichiarativi, senza incorrere in sanzioni.
Versando 25 € di sanzione, invece, il contribuente può presentare la dichiarazione tardiva e sanare così l’eventuale inadempimento fino al 29 dicembre prossimo.
Per coloro che non provvederanno all’invio nemmeno entro il 29 dicembre, invece, non sarà più possibile regolarizzare la propria posizione; per il fisco si tratterà di dichiarazione omessa.
Ricordiamo inoltre che per le dichiarazioni trasmesse a partire dal 18.09.2011 sono in vigore le nuove soglie di punibilità penale, modificate dalla manovra di Ferragosto.

Ti potrebbe interessare il foglio Calcolo IRES e IRAP 2020 - Redditi Società di Capitali.

Visita anche la nostra sezione del Business Center "Speciale Dichiarazioni fiscali" ricca di documenti in pdf, guide professionali rivolte ad aziende e consulenti, Circolari, fogli di calcolo in excel e libri di carta sulle Dichiarazioni 2020.

1) La scadenza dell’invio delle dichiarazioni

Entro il prossimo 30 settembre devono essere inviate telematicamente le dichiarazioni dei redditi relative al periodo d’imposta 2010.
La norma cui fare riferimento è il D.P.R n. 322/1998, che prevede due scadenze diverse:

  • entro il 30 settembre dell’anno successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta per le persone fisiche, le società semplici, in accomandita semplice e in nome collettivo, nonché le società e le associazioni ad esse equiparate;
  • entro l’ultimo giorno del 9° mese successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta, per coloro che sono soggetti all’imposta sul reddito delle persone giuridiche (IRES). Termine che corrisponde al 30 settembre per coloro che hanno periodo d’imposta coincidente con l’anno solare.

2) Per le dichiarazioni inviate dal 18.09 è più facile incorrere nell’illecito penale

La manovra di Ferragosto ha abbassato le soglie di punibilità previste dal D.lgs. 74/2000 oltre le quali si configura l’illecito penale.
Tre sono le ipotesi di illecito penale collegate alla presentazione della dichiarazione dei redditi, le cui soglie sono state modificate:

  • dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici:
    • l’imposta evasa deve superare 30.000 € (prima era € 77.468,53);
    • gli elementi attivi sottratti all'imposizione e gli elementi passivi fittizi devono superare il 5% degli elementi attivi dichiarati o comunque 1.000.000 € (prima era € 1.549.370,70 );
  • dichiarazione infedele:
    • l'imposta evasa deve superare € 50.000 (prima 103.291,38 €);
    • gli elementi attivi sottratti all'imposizione e gli elementi passivi fittizi devono superare il 10% degli elementi attivi dichiarati o comunque € 2.000.000 (prima 2.065.827,60 € );
  • dichiarazione omessa:
    • l’imposta evasa deve superare 30.000 € (prima era € 77.468,53).

Visto che le nuove disposizioni si applicano ai fatti successivi alla data di entrata in vigore della legge di conversione del d.l. 138/2011, sembrerebbe che per le dichiarazioni dei redditi presentate entro il 17.09.2011, restino in vigore le disposizioni precedenti, mentre per quelle presentate a partire dal 18.09.2011 si applichino le nuove soglie.

3) La dichiarazione tardiva è l’ultima possibilità per presentare la dichiarazione dei redditi

Se il contribuente non presenta la dichiarazione entro il termine di scadenza previsto dalla legge, può regolarizzarsi presentando la c.d. dichiarazione tardiva entro i 90 giorni successivi, che per i soggetti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare sarà il 29 dicembre 2011. Ferma restando l’applicazione della sanzione amministrativa di Euro 25,00 (1/10 della sanzione ordinaria pari a 258,00 con troncamento delle cifre decimali), la dichiarazione inviata entro il 29 dicembre, seppur tardiva, non viene considerata omessa. Se il contribuente non presenta la dichiarazione nemmeno entro i 90 giorni successivi, la dichiarazione si considera omessa e in questo caso non è più possibile alcuna regolarizzazione. Tra l’altro è il caso di ricordare che la manovra di Ferragosto ha dimezzato la soglia di punibilità penale per l’omessa presentazione della dichiarazione, divenendo così un’ipotesi concretizzabile anche per i contribuenti di “minori” dimensioni.

4) Entro il 30 settembre è possibile correggere le dichiarazioni degli anni precedenti

Entro il 30 settembre è possibile anche correggere eventuali errori/omissioni delle dichiarazioni presentate gli anni scorsi, presentando una dichiarazione integrativa. Per capire cos’è possibile correggere ed entro quali termini, bisogna distinguere a seconda che la dichiarazione integrativa sia:

  • a favore del contribuente; in questo caso il contribuente che abbia indicato nella dichiarazione originaria un maggior debito o un minor credito può presentare la dichiarazione integrativa entro il termine di presentazione del modello del periodo d’imposta successivo. Mentre per le correzioni oltre tale termine è necessario utilizzare l’istanza di rimborso;
  • a sfavore del contribuente; in questo caso il contribuente che abbia indicato nella dichiarazione originaria un minor debito o un maggior credito può presentare la dichiarazione integrativa entro il termine di scadenza del periodo di accertamento, che coincide con il 31.12 del 4° anno successivo all’invio del modello.

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

La Circolare Del Giorno

I depositi IVA
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Il quadro RW del modello Redditi 2020
Scaricalo a 4,71 € + IVA
La cessione del credito d’imposta del Superbonus
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Scopri le Circolari del Giorno!

Tools Fiscali

Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-30
Credito imposta affitto immobili - DL Rilancio e Agosto
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 21,90 € + IVA fino al 2021-12-31
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Sospensioni fiscali - Calcolo rate (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2020-10-01

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE