IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 23/04/2010

Il Modello intrastat non risparmia gli enti non commerciali e gli agricoltori esonerati

di Rag. Lumia Luigia

Tempo di lettura: 1minuto

Modelli Intra mensili o trimestrali non piu' solo per le cessioni di beni, ma anche per i servizi. Anche l'acquisto di un semplice software da internet fa scattare l'obbligo.

Commenta Stampa

Dal 1° gennaio 2010, è previsto l’indicazione nei modelli Intra , oltre che delle cessioni/acquisti di beni, anche dei servizi resi o ricevuti nei confronti di soggetti comunitari.
L’obbligo non riguarda solo le imprese ma anche gli enti non commerciali e gli agricoltori esonerati che acquistano beni o servizi intracomunitari i quali dal 1 giugno 2010 dovranno utilizzare i nuovi modelli Intra 12 e Intra 13 approvati con provvedimento dell'Agenzia delle Entrate il 16.04.2010.
La presentazione è prevista esclusivamente per via telematica.

Ti potrebbe interessare:

  • Iva estero (Pacchetto eBook 2020)
    Pacchetto contenente 2 ebook in pdf sulle operazioni intra ed extra UE, modalità di operare nelle diverse operazioni e casi pratici

1) Modello INTRA 12

Riguarda la dichiarazione che gli enti non commerciali non soggettivi passivi di imposta e gli agricoltori esonerati dovranno presentare mensilmente per gli acquisti di beni o servizi da soggetti intracomunitari effettuati nel mese precedente .

Per i periodi precedenti è previsto che la presentazione di questo nuovo modello entro il 30 giugno 2010 dovrà essere effettuato solo nel caso in cui in detto periodo siano state effettuate operazioni che non potevano essere indicate nel vecchio modello.

2) Modello INTRA 13

E’ una sorta di dichiarazione preventiva che deve essere presentata da parte di enti, associazioni o altre organizzazioni non soggetti passivi d'imposta per dichiarare all’ufficio competente, prima di ogni acquisto intracomunitario, l’ammontare della singola operazione e quello degli acquisti complessivamente effettuati nell’anno, nel caso in cui il contribuente non ha optato per l’applicazione dell’Iva in Italia.

Tale adempimento è dovuto prima di ogni acquisto intracomunitario e fino alla soglia di € 10.000. Al superamento del limite di € 10.000, al solo fine del pagamento in Italia dell’Iva sugli acquisti intracomunitari di beni, è necessario richiedere l’attribuzione del numero di partita Iva mediante la presentazione del modello anagrafico AA7.

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Roberto Roberto - 17/07/2010
Buonasera per favore qualcuno puo darmi delucidazioni esatte circa problemi Intrastat?? Per svolgere il mio lavoro di trasportatore all'estero sono obbligato a pagare transiti autostradali e rifornimenti di gasolio su suolo estero(in questo caso Francia) che vengono regolarmente fatturati a fine mese dalle ditte che mi forniscono le carte di credito. Ora vorrei sapere se questi acquisti devono essere inclusi nei modelli intrastat e seguire tutto l'iter che ne consegue. Grazie
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Busta Paga Colf 2021 - Foglio di calcolo (excel)
In PROMOZIONE a 29,90 € + IVA invece di 34,90 € + IVA fino al 2021-02-28
Calcolo Credito imposta Ricerca e Sviluppo 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2021-01-31
Modello IVA 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 69,90 € + IVA invece di 74,90 € + IVA fino al 2021-02-15
Rimborso trasferte 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 29,89 € + IVA invece di 34,90 € + IVA fino al 2022-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE