HOME

/

DIRITTO

/

LA RIFORMA DELLO SPORT

/

ASD SSD: IN VIGORE L' ESENZIONE IVA PER ATTIVITÀ DIDATTICHE SPORTIVE

ASD SSD: in vigore l' esenzione Iva per attività didattiche sportive

Nella conversione del decreto-legge 75 su PA Sport e Giubileo l'esenzione IVA per le prestazioni di servizi didattici e formativi da parte di ASD e SSD ai praticanti lo sport

Ascolta la versione audio dell'articolo


I servizi connessi alla pratica dello sport  resi  ASD e SSD verso i praticanti sport ed educazione fisica  rientrano da oggi tra le attività esenti IVA  con conseguente obbligo immediato di  apertura  della Partita IVA per questi enti. La novità relativa ai servizi formativi è retroattiva 

Lo prevede l'articolo 36 bis, introdotto con emendamento approvato alla Camera nella legge di conversione del decreto legge n. 75 2023, pubblicata ieri in Gazzetta Ufficiale. La norma  pone alcuni problemi applicativi  oltre a quello della  retroattività. 

Vediamo di seguito alcuni dettagli in più.

Per rimanere aggiornato sulle novità dello Sport Abbonati alla rivista online  FISCOSPORT -con prova gratuita di 30 giorni

Sono disponibili inoltre i seguenti webinar:

e il pratico  e-book : La riforma dello Sport  


Nuovo regime Iva Attività didattica sportiva 

Il testo del nuovo articolo 36-bis (Regime IVA attività didattica sportiva), introdotto dalla Camera, prevede:

- 1. Le prestazioni di servizi strettamente connessi con la pratica dello sport, compresi quelli didattici e formativi, rese nei confronti delle persone che esercitano lo sport o l'educazione fisica da parte di organismi senza fine di lucro, compresi gli enti sportivi dilettantistici di cui  all'articolo 6 del decreto legislativo 28 febbraio 2021, n. 36, sono esenti dall'imposta sul valore aggiunto.

 2. Le prestazioni dei servizi didattici e formativi di cui al  comma 1, rese prima della data di entrata in vigore della legge di  conversione del presente decreto, si intendono comprese nell'ambito

di applicazione dell'articolo 10, primo comma, numero 20), del  decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633».

Quest'ultima esenzione è applicabile dunque anche alle prestazioni rese prima del 17 agosto 2023, data di entrata in vigore della legge di conversione

Come opportunamente ricorda  l'ufficio Studi del Senato nelle schede di lettura parlamentari, l’Agenzia delle Entrate, nella  risposta all’interpello 393 del 2022, ha negato l’esenzione Iva per la  formazione ai corsi sportivi impartiti a bambini, in quanto per le norme comunitarie e nazionali le prestazioni di servizi educativi dell’infanzia o della gioventù non vi  rientrano (articolo 132, paragrafo 1, lettera i) della direttiva 2006/112/CE e articolo  10, comma 1, n. 20), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633).

Va sottolineato  d'altronde  che :

  • la direttiva UE sull'IVA  consente agli Stati membri di esentare da imposta le prestazioni di servizi aventi ad oggetto l'educazione dell'infanzia o della gioventù, l'insegnamento scolastico o universitario, la formazione o la riqualificazione professionale, nonché le prestazioni di servizi e le cessioni di beni con essi strettamente connessi, effettuate da enti di diritto pubblico aventi lo stesso scopo o da altri organismi riconosciuti dallo Stato
  • L’articolo 10 del D.P.R. n. 633 del 1972, comma 1, n. 20), invece ricomprende tra le operazioni esenti le prestazioni educative dell'infanzia e della  gioventù e quelle didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l'aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da  istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e anche da enti del Terzo settore di natura non commerciale, e le lezioni relative a materie scolastiche  e universitarie impartite da insegnanti a titolo personale. Sono escluse solo le lezioni di  guida ai fini dell'ottenimento delle patenti di guida per i veicoli  delle categorie B e C1.

La novità  presenta quindi la necessita di coordinamento con la legislazione vigente appena citata.

A ciò si aggiunge il fatto che  l’articolo 5, comma 15-quater del decreto-legge n. 146 del 2021, modificato dalla  legge n. 234 del 2021  prevede l'entrata in vigore solo da luglio 2024 di una previsione simile, anzi più ampia, in quanto riguarda l'esenzione IVA per tutte le prestazioni di servizi strettamente connesse con la pratica dello sport o dell'educazione fisica rese dagli enti no profit 

  • verso le persone che esercitano lo sport o educazione fisica 
  • verso associazioni che svolgono le medesime attività e che fanno parte di un'unica organizzazione locale o nazionale, e
  • verso soci, associati o partecipanti e dei tesserati dalle rispettive organizzazioni nazionali.

A questo fine, l'articolo 6 del decreto legislativo n. 36 del 2021, prevede che gli  enti sportivi dilettantistici indichino nella denominazione sociale la finalità sportiva e la ragione o la denominazione sociale dilettantistica e possano assumere una delle seguenti forme giuridiche:

  •  associazione sportiva priva di personalità giuridica disciplinata dagli articoli 36 e seguenti del codice civile;
  • associazione sportiva con personalità giuridica di diritto privato;
  • società di capitali e cooperative di cui al libro V, titoli V e VI, del codice civile;
  • enti del terzo settore, di cui al  decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117, iscritti al Registro unico nazionale del  terzo settore e che esercitano, come attività di interesse generale, l'organizzazione e la gestione di attività sportive dilettantistiche.

Esenzione IVA  didattica e formazione ASD SSD: i dubbi

L'Ufficio studi raccomandava quindi,  prima della conferma dell'emendamento al decreto,  che venissero valutate le conseguenze applicative che richiedono , in contrasto con lo Statuto del contribuente, adempimenti urgenti per gli enti ad oggi privi di partita Iva e, al contrario, la necessità di rimborso per i soggetti IVA che seguendo l'interpretazione dell'Agenzia avevano versato l'IVA per le attività didattiche svolte.

Anche sotto il profilo della copertura finanziaria si segnalavano dubbi in quanto, per le agevolazioni fiscali che si introducono, non è al momento prevista nella legge di conversione alcuna copertura finanziaria.

Auspicabili ora chiarimenti applicativi dal ministero o dall'agenzia delle Entrate.

Fonte immagine: Foto di bottomlayercz0 da Pixabay

Tag: LA RIFORMA DELLO SPORT LA RIFORMA DELLO SPORT LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO APPRENDISTATO E TIROCINI 2023 APPRENDISTATO E TIROCINI 2023

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RIFORMA DELLO SPORT · 24/07/2024 Credito sponsorizzazioni sportive: domande entro il 10 agosto

Entro il giorno 10 agosto si può richiedere il credito di imposta per le sponsorizzazioni sportive del I trimestre 2023: vediamo come

Credito sponsorizzazioni sportive: domande entro il 10 agosto

Entro il giorno 10 agosto si può richiedere il credito di imposta per le sponsorizzazioni sportive del I trimestre 2023: vediamo come

Chi sono i destinatari del MOG e dei codici di condotta?

Responsabile Safeguarding: misure e sanzioni poste in essere potranno andare dall’ammonimento verbale fino alla sospensione e alla cessazione della collaborazione

101 domande e risposte per il mondo dello sport dilettantistico

Lavoro sportivo, Volontariato sportivo, Premi, Rimborsi spese, Certificati medici e responsabilità, Safeguarding e MOG

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.