HOME

/

LAVORO

/

SMART WORKING (LAVORO AGILE) 2022

/

RIMBORSI SPESE IT PER DAD AI DOCENTI: ESENTI IRPEF

4 minuti, Redazione , 07/12/2021

Rimborsi spese IT per DAD ai docenti: esenti IRPEF

Trattamento fiscale e bollo per rimborsi spese per computer , carta, internet ai dipendenti che effettuano didattica a distanza. Interpello 798 2021

 il rimborso riconosciuto dall'Ente ai dipendenti per l'utilizzo dei dispositivi IT  necessario all'attività lavorativa e basato su parametri oggettivi  è  esenti IRPEF per il lavoratore.

Lo afferma l'agenzia  nella Risposta a interpello n. 798 del 3 dicembre 2021.

Il quesito veniva posto da un Ente  che al fine di consentire al proprio personale scolastico di affrontare la digitalizzazione della scuola e, in particolare, della didattica a distanza, intende concedere un rimborso di spese documentate, anticipate dal dipendente per l'acquisto di "dotazioni IT".

L'importo, si specifica,    andrebbe concesso  "al personale delle scuole dell'infanzia provinciali, al personale docente ed educativo delle scuole primarie e secondarie, al personale docente delle scuole professionali provinciali, della formazione professionale agricola, forestale e di economia domestica, delle scuole di musica, alle collaboratrici e ai collaboratori all'integrazione e alle educatrici e agli educatori sociali delle scuole in servizio per almeno tre mesi a decorrere dal 5 marzo 2020",

  •  sulla base di una domanda degli aventi diritto, 
  • con importo  massimo di 520 euro per ciascun dipendente.

L'ento precisa che  ha elaborato dei criteri oggettivi ed analitici che permettono di determinare per ciascuna tipologia di spesa (dotazione IT, carta, toner, connessione internet) la quota di costi risparmiati dal datore di lavoro e sostenuti dal lavoratore.

Sono state considerate le seguenti variabili:

 - prezzo d'acquisto delle dotazioni IT; 

- vita media utile delle dotazioni IT; 

- "costo orario" dell'IT in funzione del rapporto delle due variabili precedenti (prezzo/vita media); 

- costi risparmiati al datore di lavoro (carta, usura e manutenzione, connessione alla rete);

 - ore di utilizzo dell'IT, sia per l'attività formativa che per quella aggiuntiva ad essa connessa. 

determinate in base adati statistici e ricerche di mercato  in rapporto ai  dati concernenti le ore impiegate dal personale nella didattica a distanza. 

Ciò posto, l'Istante chiede se:

  •  -gli importi da rimborsare si configurino redditi di lavoro dipendente ai sensi dell'articolo 51, comma 1, del Testo unico delle imposte sui redditi approvato
  •  se  alle domande  di rimborso dei dipendenti sia o non applicabile l'imposta di bollo. 

Il parere dell'Agenzia 

L'agenza come di consueto ricorda la normativa ordinaria , e in particolare  l'articolo 51, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, (TUIR),  sul principio di omnicomprensivita del reddito di lavoro dipendente ovvero  «tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d'imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro. Si considerano percepiti nel periodo d'imposta anche le somme e i valori in genere, corrisposti dai datori di lavoro entro il giorno 12 del mese di gennaio del periodo d'imposta successivo a quello cui si riferiscono». 

Fa presente comunque  in tema di rimborsi spese sostenute dai dipendenti:

  •  con la circolare 23 dicembre 1997, n. 326 è stato affermato, in generale, che possono essere esclusi da imposizione quei rimborsi che riguardano spese (...)  anticipate dal dipendente per il datore di lavoro  (ad esempio, per l'acquisto di beni strumentali di modico valore, quali la carta per la fotocopiatrice o la stampante, le pile della calcolatrice, etc.). 
  •  la risoluzione 9 settembre 2003, n. 178/E,  ha ulteriormente chiarito che non concorrono alla formazione della base imponibile del dipendente: le somme che non costituiscono arricchimento per il lavoratore (ad esempio, gli indennizzi ricevuti a mero titolo di reintegrazione patrimoniale) e le erogazioni effettuate per un esclusivo interesse del datore di lavoro. 
  •  nella risoluzione 7 dicembre 2007, n. 357/E, è stato precisato che le somme rimborsate ai telelavoristi per i costi del collegamento telefonico non sono da assoggettare a tassazione e essendo sostenute dal dipendente in telelavoro  per poter espletare l'attività lavorativa. 

Per quanto riguarda  poi  la modalità di determinazione  della spesa rimborsata, nella risoluzione 20 giugno 2017, n. 74/E, è stato affermato che qualora il legislatore non abbia provveduto ad indicare un criterio  specifico  i costi sostenuti dal dipendente nell'esclusivo interesse del datore di lavoro, devono essere individuati sulla base di elementi oggettivi, documentalmente accertabili.

Quindi l'agenzia  sulla base dell'analicità del metodo di calcolo del rimborso illustrato dall'ente , afferma che tali rimborsi  non sono imponibili ai fini IRPEF.

 Con riferimento all'applicazione dell'imposta di bollo, malgrado l'articolo 3 della tariffa  preveda  che  le istanze rivolte alla pubblica amministrazione per ottenere  un procedimento amministrativo,  la nota 3 al citato articolo  dispone che "Non sono soggette alla imposta le istanze concernenti rapporti di impiego prodotte dai dipendenti degli uffici controindicati alla amministrazione competente"

Nel caso di specie, trattandosi di rimborsi relativi a spese che il dipendente sostiene non nel proprio personale interesse, si ritiene che l'istanza per ottenerne il rimborso rientri nell'ipotesi di esenzione dall'imposta di bollo contemplata dalla nota 3 all'articolo 3 della Tariffa.

Allegato

Risposta a interpello del 03.12.2021 n. 798

Tag: REDDITI PERSONE FISICHE 2022 REDDITI PERSONE FISICHE 2022 LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO SMART WORKING (LAVORO AGILE) 2022 SMART WORKING (LAVORO AGILE) 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SMART WORKING (LAVORO AGILE) 2022 · 01/07/2022 Lavoratori fragili, INPS chiarisce quali patologie sono tutelate

Assenze indennizzate smart working per i fragili e genitori, comunicazioni semplificate. Nuove scadenze nella conversione del dl 24/2022. INPS conferma l'elenco delle patologie

Lavoratori fragili, INPS chiarisce quali patologie sono tutelate

Assenze indennizzate smart working per i fragili e genitori, comunicazioni semplificate. Nuove scadenze nella conversione del dl 24/2022. INPS conferma l'elenco delle patologie

Congedi parentali rafforzati e sostegno ai caregivers: approvato il nuovo decreto

Novità per i genitori e la conciliazione vita-lavoro nello schema di decreto legislativo approvato dal Governo, che recepisce la direttiva europea. Congedi ampliati

Smart working semplificato: proroga al 31 agosto 2022

Lavoro agile senza accordo scritto e con comunicazioni semplificate ancora prorogato con la conversione in legge del Decreto fine emergenza n. 24 2022.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.