HOME

/

PMI

/

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

/

CREDITO D'IMPOSTA BENI STRUMENTALI 4.0: NUOVE ALIQUOTE PER IL 2022 NEL DECRETO AIUTI

Credito d'imposta beni strumentali 4.0: nuove aliquote per il 2022 nel decreto Aiuti

Nuove aliquote del credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi “Transizione 4.0”: un quadro di sintesi delle novità del Dl Aiuti e della Legge di Bilancio 2022

Il Decreto Aiuti n. 50/2022, recentemente pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 17.05.2022, ha previsto un ulteriore incremento della misura del credito d’imposta per i beni strumentali immateriali 4.0. In particolare, per gli investimenti effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022, ovvero entro il termine lungo del 30 giugno 2023, a condizione che entro il 31 dicembre 2022 il venditore abbia accettato il relativo ordine e siano stati pagati acconti per almeno il 20% del costo di acquisizione, l’aliquota sale dal 20% al 50%.

Ricordiamo che già la Legge di Bilancio 2022 aveva prorogato e rimodulato la disciplina del credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi “Industria 4.0”, stabilendo che:

  • per gli investimenti in beni materiali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello Industria 4.0 (Allegato A, legge 11 dicembre 2016, n. 232) se effettuati dal 2023 al 2025, il credito d'imposta è riconosciuto nella misura del:
    • 20% del costo, per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro; 
    • 10% del costo, per la quota di investimenti superiori a 2,5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro;
    • 5% del costo, per la quota di investimenti superiori a 10 milioni di euro e fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili, pari a 20 milioni di euro (per quanto concerna la soglia massima fissata a 20 milioni di euro costi ammissibili, il riferimento va fatto agli investimenti effettuati su base annuale e non durante l’intero arco temporale interessato dalla proroga, questo il chiarimento fornito dall'Agenzia delle Entrate con Circolare n. 14/2022);
  • per gli investimenti aventi ad oggetto beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali “Industria 4.0” (Allegato B, legge 11 dicembre 2016, n. 232) si proroga al 2025 la durata dell’agevolazione e, per gli anni successivi al 2023, se ne riduce progressivamente l’entità secondo il seguente schema:
    • 50% nel 2022 (in luogo del 20%, come sopra accennato, modifica stabilita dall'art. 21 del Decreto Aiuti che ha incrementato la misura del bonus, che per gli investimenti effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022, ovvero entro il termine lungo del 30 giugno 2023, a condizione che entro il 31 dicembre 2022 il venditore abbia accettato il relativo ordine e siano stati pagati acconti per almeno il 20% del costo di acquisizione).
    • 20% nel 2023 (il disegno di legge di Bilancio 2022 conferma la percentuale agevolativa del 20% anche per gli investimenti effettuati fino al 31 dicembre 2023)
    • 15% nel 2024
    • 10% nel 2025.

Resta dunque fermo il regime previsto per il 2022 per i predetti investimenti.

Ricordiamo che Il credito d'imposta spetta a tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, dal regime contabile e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali, che investono in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato.

Vediamo nella tabella che segue un riepilogo delle nuove misure del credito d'imposta, sulla base della disciplina proposta nel ddl di Bilancio 2022.

Credito d’imposta beni materiali 4.0

Credito d'imposta per beni materiali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese
(Allegato A annesso alla legge di bilancio 2017) 

Periodo 

Limite massimo di spese ammissibili 

Credito d'imposta 

dal 1° gennaio 2022 fino al 31 dicembre 2022*

*ovvero entro il 30 giugno 2023, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione

fino a 2,5 milioni di euro

40% del costo

oltre i 2,5 milioni di euro 
fino a 10 milioni di euro

20% del costo

oltre i 10 milioni di euro
(fino a 20 milioni massimo)

10% del costo

dal 1° gennaio 2023 fino al 31 dicembre 2025*

*ovvero entro il 30 giugno 2026 se entro la data del 31 dicembre 2025 il relativo ordine sia accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione

fino a 2,5 milioni di euro 

20% del costo

oltre i 2,5 milioni di euro 
fino a 10 milioni di euro 
10% del costo
oltre i 10 milioni di euro (fino a 20 milioni massimo)
5% del costo

Credito d’imposta beni immateriali 4.0

Credito d'imposta per beni materiali immateriali connessi a beni materiali “Industria 4.0”
(Allegato B annesso alla legge di bilancio 2017) 

Periodo 

Limite massimo di spese ammissibili 

Credito d'imposta 

dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2023 

1 milione di euro 

20%* del costo

* 50% solo per gli investimenti effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022, ovvero entro il termine lungo del 30 giugno 2023, a condizione che entro il 31 dicembre 2022 il venditore abbia accettato il relativo ordine e siano stati pagati acconti per almeno il 20% del costo di acquisizione ("Decreto Aiuti" decreto legge del 17 maggio 2022 n. 50")

dal 1° gennaio 2024 e fino al 31 dicembre 2024 

1 milione di euro 

15% del costo

dal 1° gennaio 2025 e fino al 31 dicembre 2025 

1 milione di euro 

10% del costo

Disposizioni investimenti beni strumentali materiali 4.0 effettuati nel 2021

Attenzione va prestata al fatto che per i nuovi investimenti in beni materiali 4.0 (ricompresi nell'allegato A annesso alla legge di Bilancio 2017) effettuati dal 16 novembre 2020 fino al 31 dicembre 2021 (con possibile estensione fino al 30 giugno 2022), l'aliquota del credito d'imposta risultava essere più vantaggiosa:
  • 50% per lo scaglione fino a 2,5 milioni, 
  • 30% per quello tra 2,5 e 10 milioni, 
  • sempre al 10% invece per l’ultimo scaglione tra 10 e 20 milioni).

Di conseguenza per poter applicare il credito d'imposta a queste condizioni, le imprese dovranno:

  • effettuare gli investimenti entro il 31 dicembre 2021
  • oppure, sempre entro il 31 dicembre 2021, ottenere l’accettazione dell’ordine dal venditore e pagare acconti per almeno il 20% del costo (in questo caso l’investimento potrà essere terminato entro il 30 giugno 2022).

Per approfondire leggi anche:

A supporto delle aziende e dei professionisti, ti consigliamo il file excel per il "calcolo del Credito di imposta nuovi investimenti" introdotto dalla legge di Bilancio 2021, che consente di simulare il vantaggio fiscale derivante dall’agevolazione e di fare un calcolo di convenienza rispetto al super e iper ammortamento superati, in relazione alla tipologia di investimento e al periodo di riferimento, sulla base della normativa attualmente vigente.

Tag: AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE DI BILANCIO 2022 LEGGE DI BILANCIO 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 04/07/2022 Nuove riduzione accise benzina e gasolio: valide dal 9 luglio al 2 agosto

In arrivo il decreto con nuove riduzioni accise per i carburanti. I dettagli

Nuove riduzione accise benzina e gasolio: valide dal 9 luglio al 2 agosto

In arrivo il decreto con nuove riduzioni accise per i carburanti. I dettagli

Autodichiarazione aiuti imprese turistiche e piscine: l'invio dall'11 luglio

Le Entrate dispongono modalità, termini e modello per l'invio della autodichiarazione per il rispetto dei requisiti per fruire degli aiuti alle imprese turistiche e piscine

Credito d'imposta ZES e bonus Mezzogiorno: nuovo modello dal 14 luglio

Ampliato il perimetro di applicazione del credito d’imposta per gli investimenti effettuati nelle Zone economiche speciali: diritto al bonus anche per l’acquisto di terreni

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.