HOME

/

FISCO

/

VERIFICHE FISCALI GUARDIA DI FINANZA

/

L’ATTESTAZIONE DEL “SILENZIO ASSENSO” DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

L’attestazione del “silenzio assenso” della pubblica amministrazione

Da giugno 2021 la PA è obbligata a rilasciare, su richiesta del privato, attestazione telematica di accoglimento delle istanze per “silenzio assenso”

L’articolo 20 comma 1 della Legge 271/90, la “Legge sul procedimento amministrativo”, disciplina il famoso meccanismo del “silenzio assenso”: nei procedimenti su istanza (con le eccezioni dei casi elencati al comma 4 dell’articolo 20 della Legge 271/90) per il rilascio di provvedimenti amministrativi, se l’ufficio competente non comunica all’interessato provvedimento di diniego nei termini previsti (di solito tra i 30 e i 90 giorni), la pratica è accolta.

La norma può prestare il fianco a diverse ipotesi sulla sua ratio normativa: qualcuno potrebbe ritenere che il disposto normativo serva a snellire gli adempimenti dell’ufficio, qualcun altro, invece, potrebbe pensare che il legislatore abbia voluto svincolare il cittadino dal rischio di restare ostaggio di una pubblica amministrazione inefficiente; al di là delle motivazioni sottostanti, il limite della norma trovava forma nel fatto che il cittadino, anche potendo dimostrare l’accoglimento dell’istanza per “silenzio assenso”, non poteva attestarlo.

L’articolo 62 del DL 77/2021, il più recente Decreto Semplificazioni, supera il limite della norma inserendo il comma 2-bis al citato articolo 20 della Legge 271/90, con il quale si stabilisce che, con decorrenza a partire da giorno 1 giugno 2021, nei casi i cui il silenzio dell’amministrazione equivale ad accoglimento, “l'amministrazione è tenuta, su richiesta del privato, a rilasciare, in via telematica, un'attestazione circa il decorso dei termini del procedimento e pertanto dell'intervenuto accoglimento della domanda”; inoltre, “decorsi inutilmente dieci giorni dalla richiestal'attestazione è sostituita da una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, ex articolo 47 DPR 445/2000.

L’integrazione normativa assolve al suo compito, sia nel caso in cui la pubblica amministrazione trasmetta effettivamente l’attestazione con modalità telematica, sia nel caso in cui il privato provveda ad auto-certificare la medesima situazione.

Da un punto di vista pratico la soluzione di un problema è comunque un problema superato, ma, da un punto di vista teorico, la norma lancia uno spunto di riflessione sulla ratio della norma intera.

Il nuovo comma 2-bis dell’articolo 20 della Legge 271/90 pone un obbligo in capo alla pubblica amministrazione: essa “è tenuta a rilasciare”, su richiesta del privato, una attestazione dell’avvenuto accoglimento dell’istanza tramite “silenzio assenso”; ma, trascorsi dieci giorni dalla richiesta, l’attestazione “è sostituita” da una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà. Quindi, la pubblica amministrazione ha l’obbligo di rilasciare l’attestazione, ma, trascorsi dieci giorni dalla richiesta, questa è sostituita dall’autocertificazione. Il fatto che il legislatore ponga un obbligo in capo alla pubblica amministrazione, ma contemporaneamente predisponga il rimedio alla sua eventuale indolenza, potrebbe essere interpretato da qualcuno come la misura della stima che lo stesso legislatore ha dell’efficienza della sua amministrazione.

Per approfondire ti potrebbe interessare l'e-book Sanzioni tributarie penali e amministrative

Segui gratuitamente il dossier Verifiche Fiscali Guardia di Finanza: Manuale operativo 

Tag: VERIFICHE FISCALI GUARDIA DI FINANZA VERIFICHE FISCALI GUARDIA DI FINANZA RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2022 RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2022 INTERPELLO 2022 INTERPELLO 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

VERIFICHE FISCALI GUARDIA DI FINANZA · 04/12/2022 Reato omessa presentazione della dichiarazione da parte del commercialista incaricato

Quando è reato l’omessa dichiarazione? Possibili argomenti di difesa in relazione all’elemento soggettivo del reato. Cosa accade se il commercialista dimentica la presentazione?

Reato omessa presentazione della dichiarazione da parte del commercialista incaricato

Quando è reato l’omessa dichiarazione? Possibili argomenti di difesa in relazione all’elemento soggettivo del reato. Cosa accade se il commercialista dimentica la presentazione?

Detraibilità iva in caso di operazioni fittizie solo se viene dimostrata la buona fede

L'iva su operazioni fittizie è detraibile solo se viene dimostrata la buona fede e viene eliminato ogni rischio di perdita del gettito fiscale: a dirlo la Cassazione penale

Somministrazione illecita di manodopera e frode fiscale

Somministrazione illecita di manodopera: comporta l’astratta configurazione del reato di frode fiscale. Indetraibile l'Iva su fatture per operazioni inesistenti

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.