HOME

/

PMI

/

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

/

CONTRATTO DI SVILUPPO: DA OGGI 20.9 RIPARTONO GLI INCENTIVI

4 minuti, Redazione , 20/09/2021

Contratto di sviluppo: da oggi 20.9 ripartono gli incentivi

Riaperti con decreto del 17.9.2021 i termini di richiesta delle agevolazioni MISE Contratto di sviluppo, rifinanziate dal Decreto agosto 2020. Vediamo di cosa si tratta

A partire dalle ore 12.00 del giorno 20 settembre 2021,  riaprono i  termini per la presentazione delle domande di agevolazione a valere sul Contratto di sviluppo per i quali, con il decreto del 4 agosto 2021 era stata disposta la chiusura. Le domande di agevolazioni dovranno essere presentate all’Agenzia nazionale   Invitalia. 

Lo annuncia il decreto del MInistero dello sviluppo economico del 17  settembre 2021 QUI IL TESTO. ( che riepiloga i provvedimenti precedenti ) ora in attesa di pubblicazione in Gazzetta ufficiale.  Sonno a disposizione 4 miiardi e mezzo di euro.

Vediamo di seguito di che cosa si tratta e le modalità di presentazione dlle domande .

Contratto di sviluppo, cos' è

Il contratto di sviluppo è stato istituito dall'art. 43 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112,  e  rappresenta il principale strumento agevolativo per il sostegno degli investimenti  strategici e innovativi , La normativa attualmente in vigore , più volte modificata,  è il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 9 dicembre 2014 e s.m.i.), che vale per il periodo di programmazione 2014-2020, consente la finanziabilità di:

  • programmi di sviluppo industriali, 
  • programmi riguardanti l’attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e ristrutturazione o creazione di strutture ricettive agrituristiche (L. 178 2020)
  • programmi di sviluppo per la tutela ambientale; 
  • programmi di sviluppo di attività turistiche (per un importo non superiore al 20% degli investimenti complessivi ;
  •  programmi destinati allo sviluppo delle attività commerciali
  •  programmi di ricerca, sviluppo e innovazione 
  • opere infrastrutturali nei limiti previsti dalla normativa di attuazione

 L’importo complessivo delle spese e dei costi ammissibili non deve essere inferiore :

  1. a 20 milioni di euro, o
  2.  a 7,5 milioni di euro  per le attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.

Per investimenti superiori , rispettivamente a 50 o 20 milioni di euro si puo acttivare  in sede ministeriae l'accordo di sviluppo che consentie di abbreviare i tempi e un maggiore coivolgimento di sutti i soggetti coinvolti 

Contratto di sviluppo, a chi si rivolge, come funziona

 La gestione dei Contratti di sviluppo è affidata all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. – Invitalia, sotto il controllo del Ministero dello sviluppo economico.

 I programmi di sviluppo possono essere realizzati da una o più imprese, italiane o estere, di qualsiasi dimensione , anche in rete

In questo caso  la struttura del contratto prevede:

  •  un soggetto proponente, ovvero l’impresa che promuove il programma  e ne  è responsabile, e 
  • imprese aderenti, che realizzano progetti di investimento nell’ambito del programma di sviluppo.

 Fermo restando l’importo  complessivo sopracitato  il programma del soggetto proponente deve presentare spese ammissibili non inferiori a :

  • 10 milioni di euro per quanto riguarda i programmi di sviluppo industriali e per la tutela ambientale; 
  •  milioni di euro per le  attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli; 
  • 5 milioni di euro per i programmi di sviluppo delle attività turistiche 
  • 3 milioni di euro per i programmi di sviluppo delle attività turistiche che riguardano le aree interne del Paese (Vedi l'elenbco dettagliato in calce all'articolo) o il recupero e la riqualificazione di strutture edilizie dismesse.

Gli investimenti proposti dai soggetti aderenti (ivi compresi i programmi di ricerca, sviluppo e innovazione) devono presentare spese non inferiori a 1,5 milioni di euro. 

agevolazioni 

Caratteristiche delle agevolazioni del contratto di sviluppo 

Le agevolazioni  possono avere le seguenti modalità, anche in combinazione tra loro:

  • finanziamento agevolato, nei limiti del 75% delle spese ammissibili 
  • contributo in conto interessi 
  • contributo in conto impianti 
  • contributo diretto alla spesa

L’entità delle agevolazioni, nel rispetto dei limiti delle vigenti norme in materia di aiuti di Stato, è determinata sulla base della tipologia di progetto, dalla localizzazione dell’iniziativa e dalla dimensione di impresa. Particolari criteri sono previsti,  per i programmi di sviluppo per la tutela ambientale e per i programmi riguardanti l’attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli

Come fare domanda

Le istanze di accesso devono essere presentate a Invitalia,  con le modalità e secondo i modelli indicati nella sezione dedicata del sito web dell’Agenzia. L’Agenzia procede allo svolgimento delle attività istruttorie di competenza nel rispetto dell’ordine cronologico di presentazione delle domande di agevolazioni, tenuto conto delle risorse finanziarie disponibili. 

Per richiedere le agevolazioni è necessario

  •  registrarsi alla piattaforma dedicata ai servizi online di Invitalia, indicando un indirizzo di posta elettronica ordinario. 
  • accedere all’area riservata per compilare direttamente online la domanda.

Per richiedere la procedura dell’Accordo di Sviluppo, prevista dal DM dell'8 novembre 2016, è necessario compilare il modulo, sottoscriverlo digitalmente e inviarlo all’indirizzo PEC [email protected] indicando nell’oggetto della mail il numero di protocollo generato dalla piattaforma al momento della presentazione della domanda. Chi ha già presentato domanda di finanziamento prima della pubblicazione del Decreto Ministeriale dell’8 novembre 2016, può comunque farne richiesta  con la stessa procedura.

Dotazione finanziaria  

Per il corrente periodo di programmazione 2014-2020,  sono disponibili  4 miliardi e mezzo di euro .

Il ministero mette a disposizione inoltre  per maggiori informazioni i seguenti documenti :

 Indicazioni operative sugli Accordi di Sviluppo (pdf)

 Indicazioni operative sugli Accordi di Programma (pdf)

Elenco aree interne del Paese (pdf)

Tag: AGRICOLTURA 2021 AGRICOLTURA 2021 LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 22/10/2021 Tour operator: nuovo credito di imposta del 50% dei costi per la digitalizzazione

Il DM Superbonus alberghi 80% ancora in bozza, prevede un credito di imposta per agenzie di viaggi e tour operator per i costi di digitalizzazione. I dettagli

Tour operator: nuovo credito di imposta del 50% dei costi per la digitalizzazione

Il DM Superbonus alberghi 80% ancora in bozza, prevede un credito di imposta per agenzie di viaggi e tour operator per i costi di digitalizzazione. I dettagli

Contributo imprese esercenti servizi turistici con Bus scoperti: domande dal 22 ottobre

Contributo per imprese esercenti servizi turistici mediante autobus scoperti: invio delle domande dal 22 ottobre e fino al 5 novembre 2021

Tax credit servizi digitali 2021: dal 20 ottobre via alle domande per l'editoria

Dal 20 ottobre al 20 novembre aperti i termini per l'invio delle domande in modalità telelematica per il bonus per i servizi digitali per l'editoria

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.