HOME

/

PMI

/

LA TASSAZIONE DELLE PMI

/

LEGITTIMO IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE VERSATE PER ERRORE CON RAVVEDIMENTO OPEROSO

Legittimo il rimborso delle imposte versate per errore con Ravvedimento operoso

Le somme versate per errore con ravvedimento possono essere richieste a rimborso, in quanto errore formale che non implica riconoscimento del debito d’imposta

Il ravvedimento è quello strumento, disciplinato dall’articolo 13 del Decreto Legislativo 472/1997, grazie al quale un contribuente può regolarizzare l’omesso versamento di un tributo o di un acconto d’imposta.

La regolarizzazione avviene attraverso il versamento dell’imposta dovuta, degli interessi e di una sanzione, questi ultimi quantificati in base al tempo trascorso tra la scadenza originaria del pagamento omesso e la data del ravvedimento, in base alle disposizioni del già citato articolo 13 del Decreto Legislativo 472/1997.

In sostanza il ravvedimento operoso permette al contribuente di sanare spontaneamente le proprie pendenze con il fisco ad un costo contenuto, costituisce uno strumento che ne premia la buona fede in caso di dimenticanza o di errore.

Ma cosa succede se l’errore, al contrario, è proprio il ravvedimento di una imposta che invece non era dovuta?

La questione non è pacifica come potrebbe sembrare, e lo dimostra il fatto che è arrivata fino in Cassazione.

Con l’ordinanza numero 28844 del 16 dicembre 2020 la Suprema Corte affronta proprio il caso di un contribuente che, credendo di aver sbagliato a non assoggettare a IVA delle fatture mancanti del requisito della territorialità, aveva sanato la sua posizione versandone la relativa imposta più sanzioni e interessi, salvo poi accorgersi che invece non aveva commesso un errore.

Il contribuente aveva trasmesso istanza di rimborso della somma versata per errore all’Agenzia delle Entrate, ma l’ufficio aveva opposto silenzio rifiuto, non perché ritenesse che le somme erano invece dovute (circostanza non contestata in giudizio), ma perché, e qui sta il punto importante, secondo l’Agenzia, una volta che il contribuente si è avvalso dello strumento, le somme versate in esecuzione dello stesso non sono ripetibili (secondo la prassi si definiscono ripetibili le imposte suscettibili di rimborso), “in quanto il ravvedimento operoso implica il riconoscimento della violazione, dei presupposti della sanzione e preclude la reversibilità di tale scelta”.

Secondo l’Agenzia delle Entrate, quindi, a prescindere che l’imposta versata tramite ravvedimento sia dovuta o meno, questa non può essere richiesta a rimborso perché il ravvedimento stesso costituisce riconoscimento della violazione.

Sul punto però sono di opinione diametralmente opposta la Commissione Tributaria Provinciale, che ha accolto il ricorso del contribuente, la Commissione Tributaria Regionale che ha rigettato l’appello dell’Agenzia delle Entrate, ed anche la Corte di Cassazione la quale dichiara che, poiché il contribuente è ammesso a correggere ogni tipo di errore, anche il ravvedimento operoso, al pari che per qualsiasi altra dichiarazione, è ritrattabile e modificabile, non essendo tenuto il contribuente a pagare più di quanto previsto dalla Legge a suo carico.

Di conseguenza, precisa la Corte, “in assenza dei presupposti per il versamento del tributo e delle sanzioni […], e stante la natura meramente formale della violazione commessa dal contribuente, non è ostativo al rimborso dei relativi importi il versamento degli stessi in sede di ravvedimento operoso, non essendo dovute sanzioni in assenza di debito di imposta per violazioni formali”.

In definitiva quindi, nel caso in cui il contribuente ravveda per errore una imposta in effetti non dovuta, questi potrà legittimamente chiederne e ottenerne il rimborso, in quanto rappresenta un errore formale che non può arrecare pregiudizio all’esercizio delle azioni di controllo e che non costituisce riconoscimento di un debito d’imposta inesistente in base alla Legge.

Ti potrebbe interessare il foglio di calcolo Ravvedimento operoso 2021- Foglio di calcolo excel per determinare gli importi dovuti in caso di ravvedimento operoso e stampa F24, aggiornato con il tasso di interesse 2021.
Guarda anche tutti i prodotti e utilità contenuti nella sezione Difendersi dal Fisco

Tag: RAVVEDIMENTO OPEROSO 2021 RAVVEDIMENTO OPEROSO 2021 CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021 CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021 RIMBORSO IVA 2021 RIMBORSO IVA 2021 LA TASSAZIONE DELLE PMI LA TASSAZIONE DELLE PMI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA TASSAZIONE DELLE PMI · 21/10/2021 Trasparenza fiscale: il ravvedimento del quadro OP del modello Redditi SC

La comunicazione dell’esercizio dell’opzione è necessaria per la sua validità; se dimenticata, la posizione può essere regolarizzata tramite “remissione in bonis”

Trasparenza fiscale: il ravvedimento del quadro OP del modello Redditi SC

La comunicazione dell’esercizio dell’opzione è necessaria per la sua validità; se dimenticata, la posizione può essere regolarizzata tramite “remissione in bonis”

Rimanenze: il formulario rifiuti è sufficiente a dimostrare la distruzione ai fini fiscali

La Corte di Cassazione stabilisce che il formulario predisposto dai soggetti autorizzati allo smaltimento dei rifiuti è sufficiente per dimostrare la distruzione delle giacenze

Le somme percepite per risarcimento del danno non sono soggette a imposte

Somma percepita a titolo risarcitorio: esclusa la rilevanza a fini fiscali. La reale volontà delle parti è appannaggio del giudizio di merito

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.