IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 05/11/2020

ETS: decorrenza della nomina organo di controllo

di Redazione Fisco e Tasse

Tempo di lettura: 1 minuto
ETS

Con Nota del 2 novembre il Ministero fornisce chiarimenti in merito alla nomina dell'organo di controllo degli ETS, in particolare la decorrenza dell'obbligo.

Ascolta la versione audio dell'articolo
Commenta Stampa

Con Nota del 2 novembre il Ministero del lavoro fornisce chiarimenti in merito all'organo di controllo degli ETS e in particolare alla decorrenza dei termini della sua nomina precisando che “…il computo dei due esercizi consecutivi debba partire dall’esercizio 2018 sicché la verifica dell’eventuale integrazione dei presupposti dimensionali andrà fatta considerando i dati di consuntivo del bilancio di esercizio relativo agli anni 2018 e 2019”.

Dalla nota si evince che l'organo di controllo e revisione nelle organizzazioni di volontariato e nelle associazioni di promozione sociale sia da nominare dopo la approvazione del bilancio relativo al 2019.

Ricordiamo che l'art 30 del codice del terzo settore (D.Lgs. 117/2017) prevede l’obbligo di un organo di controllo

  • per le fondazioni (anche organo monocratico) indipendentemente dalla attività svolta, 
  • per gli enti associativi, quando siano superati per due esercizi consecutivi due dei seguenti limiti:
    • totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 110.000,00 euro
    • ricavi, proventi, entrate comunque denominate: 220.000,00 euro
    • dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 5 unità.

L'articolo 31 stabilisce poi la nomina di un revisore legale dei conti o di una società di revisione, sia per le fondazioni che per le associazioni, nel caso in cui superino per due esercizi successivi due dei seguenti limiti:

  • totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 1.100.000 euro
  • ricavi, rendite, proventi, entrate comunque denominate: 2.200.000 euro
  • dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 12 unità.

La questione è quella d individuare il momento da cui contare i due esercizi consecutivi che fanno scattare gli obblighi di nomina e la nota in oggetto riferendosi anche a suo precedente provvedimento, ovvero la nota n 12604 del 2017, stabilisce che il computo debba partire dall'esercizio 2018 in quanto sono immediatamente applicabili a far data dalla entrata in vigore del codice del terzo settore, quelle norme che non presentano un nesso di diretta riconducibilità all'istituzione e all'operatività del RUNTS, ovvero alla adozione di successivi provvedimenti attuativi.

Queste considerazioni scaturiscono dal quesito di una associazione la quale chiedeva di conoscere il termine iniziale dal quale parte il "periodo di osservazione" dei due esercizi consecutivi per la verifica del superamento dei limiti che fa scattare l'obbligo. 

Visita la nostra sezione dedicata al Terzo Settore con Software, ebook e Formulari sempre aggiornati, tra questi ti segnaliamo in particolare:

Fonte: Fisco e Tasse



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IMU 2021: acconto e saldo (excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Credito imposta R&S: certificazione costi del revisore
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 42,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE