IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 28/08/2020

Acconto IRAP 2020: i chiarimenti della Agenzia

Tempo di lettura: 1 minuto
ritenute agenzia entrate

Come calcolare gli acconti IRAP 2020 tenendo conto dei benefici previsti dal Decreto Rilancio

Commenta Stampa

Con la Circolare n 25/E del 20 agosto 2020 avente ad oggetto il Decreto Rilancio recante “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19” l’Agenzia delle Entrate risponde anche a quesiti sul primo e secondo acconto IRAP 2020. 

È stato chiesto se:

-il primo acconto dell’IRAP relativo al periodo d’imposta 2020 che non è dovuto 

-e il secondo acconto che, invece, deve essere versato 

debbano essere determinati sull’imposta complessivamente dovuta per il periodo d’imposta 2019 ossia tenendo conto anche del saldo relativo a detto periodo, che non è dovuto, oppure escludendo tale importo.

L’agenzia ha risposto che essendo il versamento in acconto dell’IRAP da effettuarsi ai sensi dell’art 30 comma 3 del DLgs 446/97 secondo le regole stabilite per le imposte sui redditi, nella determinazione dell’acconto in base al metodo storico occorre prendere a riferimento l’importo indicato nel rigo IR21 ossia totale imposta del modello redditi 2020 (periodo di imposta 2019) a prescindere che il saldo dovuto per il 2019 indicato nel rigo IR26 ossia importo a debito, sia di fatto un importo figurativo che cioè non va versato in conseguenza dell’art 24 del Decreto Rilancio.

Ricordiamo che ai sensi dell’art 24 dello stesso decreto le imprese con un volume di ricavi non superiore a 250 milioni e i lavoratori autonomi con un corrispondente volume di compensi non sono tenuti al versamento:

  • del saldo dell’IRAP relativo al periodo d’imposta 2019. Per detto periodo d’imposta resta, invece, fermo il versamento dell’acconto, suddiviso nelle rate legislativamente previste;
  • della prima rata, pari al 40 per cento (ovvero al 50 per cento per particolari categorie di soggetti previsti dalla normativa vigente1), dell’acconto dell’IRAP dovuto per il periodo d’imposta 2020. L’importo corrispondente alla prima rata dell’acconto è comunque escluso dal calcolo dell’imposta da versare a saldo per il 2020.

Per approfondimenti su questa disposizione si leggano gli speciali:

Taglio IRAP Decreto Rilancio: come funziona

Decreto Rilancio l’agevolazione Irap e il trattamento contabile

Ti potrebbe interessare l'e-book:  Decreto Rilancio dopo la conversione (eBook 2020)

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Partita Doppia 3: Casi pratici
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2020-12-19
La significativita' di revisione (Excel)
In PROMOZIONE a 12,90 € + IVA invece di 16,90 € + IVA fino al 2020-12-15
Calcolo Credito imposta Ricerca e Sviluppo 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2020-12-15

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE