IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 18/08/2020

Agevolazione acquisto prima casa: come si usa il credito d’imposta

Tempo di lettura: 2 minuti
casa figli

Le opzioni per sfruttare il bonus prima casa: ecco i chiarimenti dell’Agenzia

Commenta Stampa

In merito all’ agevolazione prevista per l’acquisto della prima casa, sono previste diverse modalità di sfruttamento dei benefici fiscali.

Il credito di imposta maturato per il riacquisto di un immobile entro un anno (grazie al bonus “prima casa”), può essere sfruttato: riducendo le imposte di registro, ipotecarie e catastali, inserendolo in dichiarazione de redditi ovvero in compensazione.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito questi aspetti relativi alle modalità di utilizzo dell’agevolazione prima casa , mediante risposta all’ interpello n. 223 del 22 luglio 2020 (disponibile nel file allegato).

A tal proposito si ricorda che, tra  i benefici consentiti dal bonus prima casa vi è l'attribuzione, a favore dei contribuenti che acquistano un'altra casa di abitazione non di lusso (entro un anno dall'alienazione dell'immobile per il quale si è fruito dei benefici prima casa ), di un credito d'imposta fino a concorrenza dell'imposta di registro o dell'imposta sul valore aggiunto corrisposta in relazione al precedente acquisto agevolato. Ciò è quanto dispone l’art 7 della Legge n. 448 del 1998.

La norma prevede inoltre che l'ammontare del credito non possa comunque essere superiore all'imposta di registro o all'imposta sul valore aggiunto dovuta per l'acquisto agevolato della nuova casa di abitazione non di lusso.

Il credito di imposta così riconosciuto a favore dei contribuenti, può essere sfruttato dagli stessi con diverse modalità:

  • portandolo in diminuzione dalla imposta di registro dovuta per l'atto di acquisto agevolato che lo determina;
  • per l'intero importo in diminuzione dalle imposte di registro, ipotecarie e catastali, sulle successioni e donazioni dovute sugli atti e sulle denunce presentati dopo la data di acquisizione del credito;
  • in diminuzione dalle imposte sui redditi delle persone fisiche dovute in base alla dichiarazione da presentare successivamente alla data del nuovo acquisto;
  • in compensazione delle somme dovute.

La norma stabilisce inoltre espressamente che il credito di imposta non dà luogo a rimborsi.

Importante evidenziare che il contribuente deve indicare la propria volontà nell'atto di acquisto del nuovo immobile, specificando se intende o meno utilizzarlo in detrazione dall'imposta di registro dovuta per lo stipulando atto.

Nonostante le modalità di sfruttamento del bonus sopra elencate siano alternative tra loro, se si utilizza il credito in diminuzione dell'imposta di registro dovuta in relazione all'atto di acquisto che lo determina, solo parzialmente, l'importo residuo potrà essere goduto dal contribuente in diminuzione dalle imposte sui redditi delle persone fisiche, ovvero in compensazione delle somme dovute.

 

Fonte: Agenzia delle Entrate



TAG: La casa

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-30
Credito imposta affitto immobili - DL Rilancio e Agosto
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 21,90 € + IVA fino al 2021-12-31
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Sospensioni fiscali - Calcolo rate (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2020-10-01

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE