HOME

/

FISCO

/

REDDITI PERSONE FISICHE 2022

/

CONTRIBUTI VERSATI PER LA BADANTE DELLA SUOCERA: OK ALLA DEDUCIBILITÀ

1 minuto, Redazione , 26/07/2019

Contributi versati per la badante della suocera: ok alla deducibilità

Contributi contributivi versati alla colf da persona diversa dal datore di lavoro: ok alla deducibilità. A dirlo l'Agenzia delle Entrate

Se i contributi per la badante della suocera sono pagati da quest'ultima e non dal genero, che ne è il datore di lavoro, chi può detrarli nella dichiarazione dei redditi? E' questo in breve ciò che è stato chiesto all'Agenzia delle Entrate con l'interpello 278 in cui l'istante, per mero errore e ignoranza delle norme tributarie, ha pagato i contributi INPS per la badante della suocera da un conto corrente bancario intestato proprio alla suocera e da lui gestito pur essendo lui il datore di lavoro della badante.

Risposta positiva dell'Agenzia delle Entrate che ha chiarito che l’istante, in qualità di datore di lavoro sia l’unico soggetto legittimato a dedurre i contributi previdenziali versati alla collaboratrice domestica (la badante della suocera), a prescindere dalla circostanza per cui l’effettivo pagamento di tali contributi sia avvenuto utilizzando un conto corrente di terzi (il conto corrente intestato alla suocera).

In generale, l’articolo 10, comma 2 TUIR dispone la deducibilità dal reddito complessivo, dei contributi previdenziali ed assistenziali versati

  1. per gli addetti ai servizi domestici come,autisti, giardinieri, etc.
  2. per gli addetti all’assistenza personale o familiare come colf, baby-sitter, assistenti delle persone anziane, etc.

per la parte rimasta a carico del datore di lavoro. Attenzione quindi, non è deducibile l’intero importo ma solo la quota rimasta a carico del datore di lavoro dichiarante, al netto della quota contributiva a carico del collaboratore domestico/familiar

In particolare, sono deducibili le somme effettivamente versate, applicando il principio di cassa, fino ad un importo massimo di euro 1.549,37 annui.

Come precisato già dall?Agenzia delle Entrate nella circolare n. 7/E del 27 aprile 2018 ai fini della deducibilità, è necessario essere in possesso delle ricevute di pagamento complete della parte informativa sul rapporto di lavoro domestico (datore di lavoro, lavoratore, ore trimestrali, retribuzione oraria effettiva, importo complessivo, etc.), effettuati dal contribuente intestati all’INPS ed eseguiti con c/c postale e/o MAV (pagamento mediante avviso).


Per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi, ai fini della deducibilità, il datore di lavoro deve indicare i contributi versati nell’anno di imposta 2017 nel Rigo E23 (contributi per gli addetti ai servizi domestici e familiari) del Modello dichiarativo 730/2018, per la parte rimasta a suo carico.
 

Ti potrebbe interessare l'e-book Colf e badanti 2019 una guida al rapporto di lavoro domestico aggiornato con l’importo delle retribuzioni e dei contributi dovuti per il 2019. con Normativa e Modulistica

Allegato

Risposta interpello 278 del 19.06.2019

Tag: ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI DICHIARAZIONE 730/2022: NOVITÀ DICHIARAZIONE 730/2022: NOVITÀ REDDITI PERSONE FISICHE 2022 REDDITI PERSONE FISICHE 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ISA - INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITÀ · 17/05/2022 ISA 2022: definite le cause di esclusione Covid per il 2021

Con il recente aggiornamento dei modelli Redditi e ISA sono riscritte le cause di esclusione straordinarie legate all’emergenza epidemiologica

ISA 2022: definite le cause di esclusione Covid per il 2021

Con il recente aggiornamento dei modelli Redditi e ISA sono riscritte le cause di esclusione straordinarie legate all’emergenza epidemiologica

Canone locazione abitativa: come indicare la riduzione nel Modello Redditi PF 2022

Inseriti nel QUADRO RB appositi codici per la riduzione del canone di locazione abitativa, vediamo per quali casi

Redditi percepiti dagli eredi: tassazione separata e quadro RM del modello Redditi

I redditi prodotti dal defunto e percepiti dagli eredi sono sottoposti a tassazione separata ed esposti sul quadro RM del modello Redditi PF 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.