rottamazione definizione agevolata cartelle equitalia chiarimenti

Rassegna stampa Pubblicato il 18/10/2018

Rottamazione-ter, una possibilità anche per i decaduti dalle precedenti versioni

Versando entro il 7 dicembre le rate scadute di luglio, settembre e ottobre, si potrà accedere per il debito residuo alla dilazione di 5 anni

La nuova rottamazione-ter, prevista dalla bozza del Disegno di Legge di Bilancio 2019, prevede una sorta di rimessione in termini gratuita per i contribuenti.
E' previsto, infatti, che se entro il 7 dicembre 2018 verranno pagate le rate scadute della rottamazione-bis, si potrà accedere alla più lunga tempistica di pagamenti, prevista per l'appunto dalla rottamazione-ter.
Si ricorda che la rottamazione-bis (prevista dal D.l. 148/2017) prevedeva le seguenti scadenze di pagamento:

SCADENZE PAGAMENTO ROTTAMAZIONE-BIS

31/07/2018

Unica soluzione per i carichi affidati dal 01.01.2017 al 30.09.2017

1° rata pari al 20% per i carichi affidati dal 01.01.2017 al 30.09.2017

30/09/2018

2° rata pari al 20% per i carichi affidati dal 01.01.2017 al 30.09.2017

31/10/2018

3° rata pari al 20% per i carichi affidati dal 01.01.2017 al 30.09.2017

Unica soluzione per i carichi affidati  dal 01.01.2000 al 31.12.2016

1° rata pari al 40% per i carichi affidati dal 01.01.2000 al 31.12.2016

30/11/2018

4° rata pari al 20% per i carichi affidati dal 01.01.2017 al 30.09.2017

2° rata pari al 40% per i carichi affidati dal 01.01.2000 al 31.12.2016

28/02/2019

5° rata pari al 20% per i carichi affidati dal 01.01.2017 al 30.09.2017

 

3° rata pari al 20% per i carichi affidati  dal 01.01.2000 al 31.12.2016

Per il contribuente questo significa che la prossima rata della rottamazione-bis, prevista per il 31.10, potrà essere pagata entro il 7 dicembre ed egli potrà godere poi di un ulteriore allungamento dei termini di pagamento per le rate residue pari al 40% del totale, che in origine sarebbero scadute il 30.11.2018 e 28.02.2019.
La rottamazione-ter, infatti, prevede che una volta rispettata la scadenza del 7 dicembre, le somme residue potranno essere versate in 5 anni, con 2 rate annuali scadenti il 31/7 e il 30/11.
 

Il vantaggio legato alla nuova rottamazione-ter è ancora maggiore per:

  • i contribuenti che sono decaduti dalla prima rottamazione (D.l. 193/2016) e che potranno accedere automaticamente alla nuova rottamazione;
  • i contribuenti che, essendosi visti rigettare l'istanza di adesione alla prima rottamazione (per non aver pagato tutte le rate scadute a fine 2016), hanno presentato domanda di accesso alla rottamazione-bis, ma non vi hanno potuto accedere in quanto poi - entro lo scorso luglio- non hanno pagato in un'unica soluzione le rate scadute a fine 2016. Anch'essi potranno accedere automaticamente alla nuova rottamazione.

La rottamazione-ter è poi ovviamente aperta anche a coloro che non hanno mai usufruito di precedenti sanatorie. Il termine previsto per presentare l'istanza è il 30.04.2019, e l'agente della riscossione comunicherà le somme da pagare entro fine giugno 2019.

 

Ti segnaliamo il pacchetto Pace Fiscale (Pacchetto eBook + Excel): eBook in pdf di 105 pagine sulle nove sanatorie del decreto 119/2018 ed il saldo e stralcio dei debiti, aggiornato con provvedimento Agenzia del 23.01.2019 + Excel per il calcolo delle sanatorie previste dal DL. 119/2018 (pacchetto pace fiscale) e dello Stralcio cartelle per persone in difficoltà L. 145/18 per "fare pace con il fisco".

Per approfondimenti segui gratuitamente il Dossier Rottamazione cartelle esattoriali 2018 2019: come fare

Scopri tutte le utilità (ebook e fogli di calcolo) sulla Legge di Bilancio 2019 in vendita sul nostro Business Center nella sezione Legge di Bilancio 2019.

Per una panoramica completa della Legge di Bilancio 2019 acquista l'ebook Legge di Bilancio 2019 - Tutte le novità in vigore dal 1 gennaio

Fonte: Fisco e Tasse





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)