spese funebri

Rassegna stampa Pubblicato il 13/06/2018

Spese funebri: detraibilità nella dichiarazione dei redditi

Dichiarazione dei redditi 2018: ecco come detrarre le spese funebri sostenute in Italia o all'estero nel 2017

Le spese funebri possono essere detratte nella dichiarazione dei redditi 2018 (anno di imposta 2017). In particolare, come indicato nella Circolare guida 7/e/2018 dell'Agenzia delle Entrate, ai sensi dell'articolo 15, comma 1, lett. d), del TUIR (DPR 917/86) dall'imposta lorda si detrae un importo pari al 19% delle spese funebri sostenute in dipendenza della morte di persone a prescindere dal vincolo di parentela, comprese le spese connesse al trasporto e alla sepoltura. La detrazione compete nel limite massimo di spesa di euro 1.550 per ciascun decesso.

Nel caso in cui la spesa funebre è sostenuta da soggetti diversi dall’intestatario della fattura, questi possano fruire della detrazione solo se nel documento originale di spesa è riportata una dichiarazione di ripartizione della stessa sottoscritta anche dall’intestatario del documento.

Attenzione: le spese funebri devono rispondere a un criterio di attualità rispetto all’evento cui sono finalizzate e sono pertanto escluse quelle sostenute anticipatamente dal contribuente in previsione delle future onoranze funebri come, ad esempio, l’acquisto di un loculo prima della morte.

Per quanto riguarda le spese funerbi sostenute all'estero, la detrazione spetta a condizione che la documentazione in lingua originale comprovante tali spese sia corredata da una traduzione giurata in lingua italiana, tranne che non sia redatta in inglese, francese, tedesco o spagnolo nel qual caso la traduzione può essere eseguita e sottoscritta dal contribuente. La documentazione redatta in sloveno può essere corredata da una traduzione non giurata, se il contribuente è residente nella Regione Friuli Venezia Giulia e appartiene alla minoranza slovena.

Spese funebri nella dichiarazione dei redditi 2018
Detrazione 19% fino a 1.550 euro per ciascun decesso. Non è necessario un vincolo di parentela
Requisiti

- corrispondere a un criterio di attualità

- se sostenute all'estero, è necessaria la traduzione della documentazione in italiano

 

Documenti da conservare Fatture e/o ricevute fiscali riconducibili al funerale: la fattura dell’agenzia di pompe funebri, del fiorista (se la spesa è fatturata a parte), la ricevuta di versamento effettuata al comune per i diritti cimiteriali, le fatture relative agli annunci funebri

 

Segui gratuitamente il Dossier Dichiarazione 730/2018 per aggiornamenti, news e approfondimenti

Ti segnaliamo anche Detrazioni 730/2018 - Le 100 voci che fanno risparmiare utile guida su tutte le detrazioni fiscali possibili in dichiarazione, organizzate per macrosettori eBook di 207 pag. completo di casi svolti, faq e suggerimenti pratici.

Fonte: Fisco e Tasse





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)