accordi preventivi imprese con attività internazionale

Rassegna stampa Pubblicato il 13/06/2018

Definizione e-commerce e profili fiscali :in crisi il world-wide taxation

La definizione di commercio elettronico come scambi attraverso la rete è riduttiva rispetto alle nuove tecnologie e i sistemi tradizionali di tassazione sono superati

La Corte dei Conti all’inizio della delibera che approva la relazione sull’e-commerce (Deliberazione del 24 maggio 2018, n. 8/2018/G ) prima di affrontare le problematiche dell’economia digitale fa una sintesi dei profili fiscali dell’e-commerce,  mettendo in evidenza la riduttività della definizione stessa di commercio elettronico, quale tipologia di transazioni volte allo scambio di beni o servizi attraverso una rete elettronica, rispetto al complesso processo determinato dallo sviluppo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, che hanno modificato e migliorato i processi produttivi, innovando l’economia nei principali settori.

L’ampia definizione di e-commerce fa emergere:

  • la mobilità riguarda sia l’impresa che gli utenti: è possibile infatti esercitare l’attività di impresa da luoghi diversi da quelli in cui consumatori e fornitori sono situati e gli  utenti possono accedere a Internet attraverso dispositivi mobili indipendentemente dal luogo in cui si trovano;
  • la possibilità per le imprese di tracciare i comportamenti degli utenti attraverso la raccolta ed elaborazione dei dati raccolti durante la navigazione cambia anche la modalità dell’offerta dei prodotti e servizi, che ora va incontro sempre più alle richieste degli utenti,
  • la nascita di nuovi modelli imprenditoriali come la c.d. sharing economy, le nuove modalità di erogare i servizi, il ricorso a strumenti di pagamento alternativi al contante sono caratteristiche  dell’economia digitale che  rendono difficile l’individuazione del luogo in cui i redditi vengono prodotti.

Il world-wide taxation principle, per cui il contribuente è assoggettato a imposizione per tutti i suoi redditi, ovunque prodotti, nello Stato di residenza,  e il principle of source, in virtù del quale il soggetto non residente è assoggettato a imposizione in relazione al luogo in cui i redditi sono prodotti, sono principi che non sono più adatti a comprendere il fenomeno  dell’e-commerce, fenomeno mondiale che richiede che l’amministrazione finanziaria partecipi e collabori alle iniziative internazionali promosse sia dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) che dall’Unione europea.

Qualcosa è stato fatto ma non è sufficiente,  tra i principali progetti per la lotta all’evasione ed elusione internazionale, si ricorda il Beps - Base erosion and profit shifting -  finalizzato a contrastare le politiche di pianificazione fiscale aggressiva, per evitare lo spostamento di base imponibile dai Paesi ad alta fiscalità verso altri con pressione fiscale bassa o nulla stabilendo regole uniche e trasparenti condivise a livello internazionale.

 

Ti potrebbe interessare l'Iva nel commercio elettronico (eBook 2018) una breve panoramica sulla disciplina comunitaria e nazionale dell'Imposta sul valore aggiunto nell'e-commerce, pdf di 102 pagine.

Per rimanere sempre aggiornato segui il Dossier gratuito: E-commerce e imprese digitali e nel Business Center di Fisco e Tasse troverai i prodotti dedicati al commercio elettronico in continuo aggiornamento.

Fonte: Fisco e Tasse





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)