associazioni sportive calcio

Rassegna stampa Pubblicato il 16/05/2018

CO.CO.CO nelle società sportive: ancora silenzio dal CONI

Nessuna decisione sull'atteso elenco delle mansioni per i collaboratori sportivi delle Associazioni e società dilettantistiche?

L'inquadramento delle prestazioni sportive per associazioni e società dilettantistiche resta ancora nel limbo. 

Dopo le importanti riforme in materia di prestazioni di lavoro nelle associazioni e società sportive dilettantistiche introdotte dalla Legge di Stabilità,   dall'inizio del 2018 si attendono notizie circa la definizione delle mansioni rientranti nell'obbligo  di inquadramento come collaborazioni coordinate e continuative da parte del CONI.

La decisione era stata annunciata per il 12 marzo 2018 . In quella data nulla era  stato deciso e lo schema si è ripetuto nella successiva riunione del  9 aprile.Venerdi 4 maggio si è tenuta la 1074ª riunione della Giunta Nazionale del CONI  a Roma, presso il Foro Italico ma il comunicato rilasciato dal Coni riconferma ancora una volta il silenzio del Comitato olimpico incaricato .

Questo il testo pubblicato dal Coni:

"Si è tenuta questa mattina al Foro Italico la 1074ª riunione della Giunta Nazionale CONI che ha aperto i lavori approvando i verbali della precedente riunione del 9 aprile. In apertura il Presidente Malagò ha informato la Giunta sull’approvazione del Decreto Ministeriale per i criteri del contratto di servizio Coni-Coni Servizi. E’ stata portata all’attenzione della Giunta il comunicato congiunto Fise-Fitetrecante che si impegnano entro il 2020 a realizzare un’aggregazione tra le due Federazioni.

È stato fatto un aggiornamento sui Giochi del Mediterraneo di Tarragona e sui Giochi Olimpici della Gioventù di Buenos Aires dove ci sarà anche la Sessione del CIO. È stato accennato anche alle candidature di Cortina/Milano/Torino per i Giochi Olimpici Invernali 2026, per i quali prosegue la fase del Dialogo col CIO, sempre in attesa della formazione del nuovo Governo. Malagò ha poi affrontato le tematiche relative ai nuovi Principi Fondamentali degli Statuti e di Giustizia Sportiva.

E’ stata approvata la proposta di delibera per il Consiglio Nazionale sul numero di atleti extracomunitari per la stagione 2018-2019. Saranno 1.090 unità, 59 in meno della passata stagione. E’ stato portato in approvazione il bilancio 2017 che sarà portato in approvazione al Consiglio Nazionale. Il Presidente Malagò ha infine sottolineato l’importanza dell’accordo siglato ieri a Napoli tra il Commissario Straordinario per le Universiadi 2019 e la Coni Servizi. Dopo aver esaminato un lunga serie di altri temi di carattere organizzativo e amministrativo, e aver assunto le relative delibere, la Giunta ha concluso i lavori alle ore 11.45"

Come noto la legge di bilancio 2018  ha inserito l'obbligo per le prestazioni di lavoro prettamente sportive di  inquadramento come Collaborazioni coordinate e continuative, cosi come già avviene per il lavoro in ambito amministrativo gestionale ,  ma  la norma si applica alle realta sportive riconosciute dal Coni e per le quali si attende un elenco specifico  e dettagliato delle attività. 
C'e molta attesa in quanto per tali  mansioni le Associazioni e Società Sportive dovranno adempiere ad ulteriori obblighi rispetto al passato, ovvero:
1. Istituzione ed iscrizione nel Libro Unico del Lavoro (LUL) di tutti i collaboratori sportivi;
2. Comunicazione preventiva al Centro per l’Impiego del rapporto di collaborazione;
3. Rilascio del cedolino paga invece che della consueta ricevuta compensi da parte del collaboratore



 

Fonte: Fisco e Tasse





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)