Rassegna stampa Pubblicato il 26/04/2018

Inquadramento laureati: 5°livello per il ccnl metalmeccanici

contumacia-cassazione-169

Il neolaureato deve esser inquadrato al 5 livello del contratto metalmeccanici se svolge attività collegate alla sua laurea, anche senza responsabilità.

La Corte di Cassazione con sentenza n. 8952 2018 del 18.4.2018 ha  stabilito che i laureati assunti con contratto metalmeccanici CONFAPI devono essere inquadrati almeno al  5° livello, indipendentemente dalle specifiche mansioni espletate , purché inerenti le materie del  loro titolo di studio. 

Come noto infatti il contratto metalmeccanici sia per le piccole che per le grandi imprese (ccnl CONFAPI e CCNL FEDERMECCANICA) prevede che:  «i lavoratori in possesso di laurea, in fase di inserimento in azienda, verranno inquadrati nella quinta categoria, sempre che svolgano attività inerenti alla laurea conseguita».

Nella sentenza, la Cassazione fornisce un importante chiarimento interpretativo della norma. La controversia nel caso di specie riguardava infatti l'interpretazione dell'ultimo punto, relativo alle  "attività inerenti la laurea conseguita". 

La lavoratrice infatti  si era vista negare il diritto all'inquadramento nella giusta categoria contrattuale   dai giudici di merito,  che avevano  osservato come  le mansioni svolte «pur in astratto “inerenti” alla laurea conseguita, non lo erano in concreto per la semplicità delle analisi effettuate, senza responsabilità diretta».

La Suprema corte  ha  accolto il ricorso affermando che  la Corte territoriale ha errato  nel ritenere  che il giudizio d'inerenza  dipendesse dalla "verifica del grado di complessità e responsabilità dell'attività concretamente resa». I supremi giudici invece ritengono che  il termine  "inerenza" debba essere inteso in senso letterale e di conseguenza la norma collega il diritto all'inquadramento nella quinta categoria al verificarsi di due  soli presupposti: 

  • il possesso di un diploma di laurea e
  • l'inerenza delle attività al titolo di studio posseduto, "inerenza " intesa nel senso che  "la prestazione lavorativa deve avere collegamento con le materie di insegnamento proprie del titolo di studio universitario conseguito dal lavoratore».

Ti puo interessare l'abbonamento ai COMMENTI ALLA GIURISPRUDENZA FISCALE E DEL LAVORO: I nostri esperti legali commentano settimanalmente le pronunce piu interessanti con analisi normative , orientamenti giurisprudenziali e  testo integrale delle sentenze.

Fonte: Corte di Cassazione




Prodotti per CCNL: tabelle retributive 2019, Lavoro Dipendente, La rubrica del lavoro , Giurisprudenza

16,25 € + IVA
14,90 € + IVA
64,82 € + IVA
42,24 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)