IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 15/03/2018

Processo tributario: un atto su quattro è digitale. I dati del MEF

Tempo di lettura: 1 minuto
processo tributario telematico a tutta italia nel 2017

Rapporto sui primi sei mesi di processo telematico : trend positivo. Si punta alla sentenza telematica entro il 2019

Commenta Stampa

Con un comunicato del 27 febbraio 2018, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha presentato i dati del processo tributario, nei primi sei mesi di piena attività dei sistemi telematici, dopo la sperimentazione.
In particolare, in base al Rapporto sui depositi telematici degli atti e documenti nel contenzioso tributario dal primo agosto 2017 al 31 gennaio 2018, il 27% degli atti è stato presentato utilizzando le procedura online. Nell’analizzare tali dati occorre tenere presente che:

  • il processo tributario telematico è attivo su tutto il territorio nazionale dal 15 luglio 2017, a conclusione di una graduale estensione a livello regionale del processo iniziato il primo dicembre 2015. Analizzando i flussi si evidenzia che in tutte le Regioni l’utilizzo dei sistemi telematici nel processo tributario aumenta gradualmente. Nel semestre dal primo agosto 2017 al 31 gennaio 2018, i primi posti vanno a Friuli Venezia Giulia (con il 43,6% di atti presentati telematicamente), Emilia Romagna (39,4%) Lazio (36,54%). Agli ultimi posti figurano Sardegna (8,10%), Basilicata (10%), Sicilia (12,94%).
  • Il deposito telematico degli atti è una facoltà (non un obbligo) che si inserisce nel processo generale di digitalizzazione della giustizia e nella semplificazione del rapporto tra fisco e contribuente, con oltre 24.000 utenti registrati.

La creazione del “fascicolo processuale” consente ai giudici, ai cittadini, ai professionisti e agli enti impositori di consultare gli atti autonomamente, dalle sedi di lavoro o da casa, con evidenti vantaggi in termini di semplificazione, trasparenza, durata del processo, spese per spostamenti.
Il prossimo obiettivo, a cui la Direzione del Mef sta lavorando insieme al Consiglio di presidenza della giustizia tributaria, è la sentenza telematica che potrebbe diventare realtà nel primo trimestre del 2019.

Per completezza si ricorda che dal 12 dicembre 2017 è cambiato lo standard previsto per la dimensione dei file trasmessi. La trasmissione degli atti e dei documenti informatici, effettuata mediante invio telematico, deve ora rispettare i seguenti criteri:

  • dimensione massima del singolo file 10 MB. Qualora il documento sia superiore alla dimensione massima di 10 MB è necessario suddividerlo in più file;
  • numero massimo di file allegati a ciascun deposito 50
  • dimensione massima di 50 MB per ogni deposito telematico.

Potrebbero interessarti i seguenti e-book:

 

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IMU 2021: acconto e saldo (excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Credito imposta R&S: certificazione costi del revisore
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 42,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE