Rassegna stampa Pubblicato il 29/12/2017

Legge di Bilancio 2018: come determinare il valore dei Beni significativi

168x126 ristrutturazioni 12092011

Interpretazione autentica per la determinazione del valore dei beni significativi ai fini dell’applicazione dell’Iva agevolata del 10%

Il comma 19 della Legge di Bilancio 2018 contiene l’interpretazione autentica della norma per la determinazione del valore dei beni significativi, che deve tenere conto dell’autonomia funzionale delle parti rispetto al manufatto principale.
La norma chiarisce che come valore dei predetti beni deve essere assunto quello risultante dall’accordo contrattuale stipulato dalle parti contraenti, che deve tenere conto solo di tutti gli oneri che concorrono alla produzione dei beni stessi e, dunque, sia delle materie prime che della manodopera impiegata per la produzione degli stessi e che, comunque, non può essere inferiore al prezzo di acquisto dei beni stessi.
La norma riprende quanto già chiarito dalla Circolare n. 12/E/2016 dell’Agenzia delle Entrate che al punto 17.2 aveva risposto a un contribuente, nel senso ora chiarito con interpretazione autentica dalla Legge di bilancio.

La fattura emessa dal prestatore che realizza l’intervento di recupero agevolato deve indicare, oltre al servizio che costituisce l’oggetto della prestazione, anche i beni di valore significativo.

Ricordiamo che i beni di valore significativo sono:

• ascensori e montacarichi;
• infissi esterni ed interni;
• caldaie;
• video citofoni;
• apparecchiature di condizionamento e riciclo dell'aria;
• sanitari e rubinetterie da bagno;
• impianti di sicurezza.


L’appaltatore che fornisce beni di valore significativo, applica l’aliquota Iva del 10% fino a concorrenza del valore della prestazione, considerata al netto del valore dei beni stessi.
L’aliquota agevolata del 10% si applica solo sulla differenza tra il valore complessivo della prestazione e quello dei beni stessi.
Esempio:
Costo complessivo dell’intervento = euro 20.000
Costo dei beni significativi = euro 12.000
Costo della manodopera = euro 8.000
L’Iva agevolata al 10% si applica:
– sulla manodopera: euro 8.000 x 10% = euro 800
– sui beni significativi (differenza tra valore dell’intervento e valore dei beni): euro 20.000 – 12.000 = euro 8.000 x 10% = euro 800
sulla restante parte, pari ad euro 4.000, si applicherà l’Iva secondo l’aliquota ordinaria del 22%.

Per tutte le novità della Legge di Bilancio 2018 abbiamo preparato un Pacchetto contenente tre Ebook con le Novità Fiscali e del Lavoro 2018

Gli ebook sono acquistabili anche singolarmente.

Per seguire gli aggiornamenti non perdere il Dossier dedicato alla Legge di Bilancio 2018

Fonte: Fisco e Tasse




Prodotti per Imprese Edili, Legge di bilancio 2020, Aliquote applicabili, Agevolazioni prima casa 2019, Ristrutturazioni Edilizie 2019

 
4,90 € + IVA
 
4,90 € + IVA

Commenti

SCUSATE MA SE LA FORNITURA E' 20000-8000 AL 10% LA PARTE RESTANTE E' 12000 AL 22% NO 4000 MI SBAGLIO?

Commento di CIONI SANDRO (09:40 del 07/01/2018)

L'esempio è corretto. € 8.000 manodopera con iva agevolata al 10% € 12000 valore bene significativo di cui imponibile IVA al 10% € 8.000 (agevolazione aliquota sul bene significativo pari all' importo della manodopera) e € 4000 imponibile IVA al 22% (imponibile non agevolato corrispondente al valore del bene significativo eccedente il valore della manodopera). I totali imponibili 8.000+ 8.000+4.000 = 20.000 totale imponibile costo dell'intervento.

Risposta di Mina Nasole (14:50 del 11/01/2018) al commento di CIONI SANDRO

Buongiorno, chiedo gentilmente per l'acquisto e la posa di sole tapparelle-avvolgibili, quest'ultime sono da considerarsi beni significativo? Se non sono beni significativi, che aliquota iva viene applicata? Tutto 10%? O manodopera 10% e avvolgibili 22%. Ringrazio in anticipo Fabiola

Commento di FABIOLA (11:56 del 26/02/2018)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)