HOME

/

FISCO

/

ANTIRICICLAGGIO E USO CONTANTE 2019

/

OBBLIGHI DI VERIFICA PER I PRESTATORI DI GIOCO NEL DECRETO ANTIRICICLAGGIO 2017

3 minuti, Redazione , 04/10/2017

Obblighi di verifica per i prestatori di gioco nel decreto antiriciclaggio 2017

Decreto sull'antiriciclaggio 2017 n. 90, l'obbligo di identificare il cliente e verificare i dati raccolti, riguarda anche i prestatori di gioco fisico e online

Il decreto legislativo sull’antiriciclaggio 2017 propone obblighi di verifica anche a carico dei prestatori di gioco. Costoro sono tenuti ad adottare procedure e sistemi di controllo finalizzati a mitigare e gestire eventuali rischi relativi:

  • al riciclaggio e finanziamento del terrorismo;
  • alla figura del clienti;
  • all'area geografiche di localizzazione;
  • alle operazioni;
  • alle tipologie di gioco, cui sono esposti i distributori ed esercenti.

Tali procedure e i sistemi di controllo ad esse complementari hanno come finalità quella di assicurare:

  • l'individuazione, la verifica del possesso e il mantenimento dei requisiti idonei a garantire i principi di legalità e correttezza;
  • la verifica e il controllo dell’osservanza, da parte dei distributori e degli esercenti contrattualizzati, degli standard e dei presidi adottati dai concessionari per contrastare il riciclaggio e l'illecito finanziamento del terrorismo.

L'adozione e l'osservanza di suddette procedure, da parte sia dei prestatori che di esercenti e distributori, consente di monitorare la tipologia delle operazioni di gioco, le eventuali anomalie e i comportamenti che favoriscano il rischio di irregolarità o violazione delle norme di regolamentazione del settore, ivi comprese quelle sull’antiriciclaggio.

Quanto agli obblighi cui i prestatori di gioco online sono tenuti, si rileva che gli stessi:

  • devono identificare ogni singolo cliente ed effettuare le opportune verifiche richieste dal decreto sull’antiriciclaggio del 2017 n. 90, in occasione dell’apertura e modifica del conto di gioco;
  • devono adottare misure che consentano operazioni di ricarica dei conti esclusivamente attraverso mezzi di pagamento tracciabili;
  • devono conservare, per un periodo di 10 anni dal momento dell’acquisizione e nel rispetto delle disposizioni sulla privacy, le informazioni relative ai dati di accesso del cliente, agli orari, all’indirizzo IP di connessione e alle operazioni connesse al conto online.

Sarà compito dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli riscontrare l’autenticità dei dati contenuti nei documenti presentati dai richiedenti l'apertura dei conti di gioco.
Quanto agli obblighi cui i prestatori di giochi su rete fisica sono tenuti si rileva che, ferma restando la responsabilità del concessionario, i distributori e dagli esercenti (per il tramite dei quali il concessionario stesso offre i servizi di gioco) sono tenuti:

  • a compiere ogni attività connessa all’identificazione del cliente;
  • ad acquisire e conservare tali informazioni, a segnalare operazioni sospette e ad adottare tutte le misure finalizzate a contrastare il fenomeno del riciclaggio o finanziamento del terrorismo;
  • ad inviare al concessionario, entro 10 giorni dall’operazione, i dati acquisiti sul cliente e sulle operazioni;
  • ad assicurare la conservazione dei dati suddetti, per un periodo di 2 anni dall’acquisizione.

Quanto detto si applica anche nell’eventualità in cui i giochi siano offerti tramite apparecchi VLT, nei casi di cui all’art. 53 comma 7 D.Lgs. 231/2007, modificato dal decreto antiriciclaggio 2017.
Quanto agli obblighi cui i gestori di case da gioco sono tenuti, si rilevano le misure di identificazione e verifica dell’identità del cliente, da operarsi:

  • qualora il valore delle transazioni effettuate per l'acquisto o cambio di gettoni o di altri mezzi di gioco ovvero per l'incasso di vincite da parte del cliente, sia di importo pari o superiore a € 2.000;
  • indipendentemente dall’importo dell’operazione, qualora vi sia il sospetto di riciclaggio o finanziamento del terrorismo;

I gestori di case di gioco sono inoltre tenuti ad assicurare la conservazione, per un periodo di 10 anni, di dati e informazioni riguardanto i mezzi di pagamento utilizzati per l’acquisto o il cambio dei gettoni di gioco nonché relativi alla data, alla tipologia e al valore delle transazioni di gioco.

Per case da gioco soggette a controllo pubblico, indipendentemente dall'ammontare dei gettoni o degli altri mezzi di gioco acquistati, gli esercenti procedono all’identificazione e alla verifica dell’identità del cliente fin dal momento del suo ingresso nei locali.
Spetterà al Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di finanza e all'Agenzia delle dogane e dei monopoli adottare protocolli d’intesa, volti ad assicurare lo scambio di informazioni necessario a garantire coordinamento, efficacia e tempestività delle attività di controllo e verificare l'adeguatezza dei sistemi di prevenzione e contrasto del riciclaggio, adottati dai prestatori di servizi di gioco.


 

Tag: ANTIRICICLAGGIO E USO CONTANTE 2019 ANTIRICICLAGGIO E USO CONTANTE 2019

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ESTEROMETRO 2020 TRIMESTRALE · 06/04/2021 Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate nel 2020

Entro il 12 aprile per i soggetti mensili, e 20 aprile per i trimestrali, invio dati degli acquisti in contante effettuati dai turisti nel 2020 di importo superiore a 1.000 euro

Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate nel 2020

Entro il 12 aprile per i soggetti mensili, e 20 aprile per i trimestrali, invio dati degli acquisti in contante effettuati dai turisti nel 2020 di importo superiore a 1.000 euro

Antiriciclaggio: stabilite le procedure per il sistema di interconnessione UE

Pubblicato in GU europea il regolamento n 369/2021 per il sistema di interconnessione dei registri centrali a livello UE. Il sistema si chiama Boris, un acronimo inglese.

Nuovi requisiti per la nomina degli esponenti aziendali in un Regolamento del MEF

MEF – L’assenza di sanzioni antiriciclaggio è uno dei requisiti di idoneità ed onorabilità degli esponenti aziendali delle banche e degli intermediari finanziari

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.