IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 30/08/2017

INAIL obbligatoria per l'impresa familiare

Tempo di lettura: 1 minuto
impresa familiare cassazione

Il premio INAIL è dovuto anche per i collaboratori dell'impresa familiare. La Cassazione 20405 2017 riafferma le disposizioni del Codice Unico della Sicurezza

Commenta Stampa

La Corte di cassazione con sentenza n. 20406 del 25 agosto 2017 ha   riaffermato  le disposizioni del Codice Unico della Sicurezza (D.Lgs. 81 2008)  che prevede l'applicazione,  nei confronti dei componenti dell’impresa familiare , delle disposizioni  di sicurezza per l’utilizzo delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale.

In particolare , nel caso di specie vengono riconosciuti  alla titolare di una impresa familiare  il cui coniuge era deceduto per infortunio professionale,   sia il diritto alla costituzione della rendita come superstite sia la  rivalsa per i premi non versati (come datrice di lavoro)
La Cassazione  ricorda infatti che la titolarità dei poteri di organizzazione e gestione anche in materia di sicurezza  sul lavoro rimangono in capo all’imprenditore, e che i partecipanti all’impresa familiare rientrano comunque fra i soggetti assicurabili Inail .

Sul tema la Corte costituzionale, con sentenza 476/87, aveva dichiarato l’illegittimità della parte del decreto 1124 del 1965 che  non prevedeva la loro inclusione.  In caso di infortunio l’Inail può, dunque esercitare l’azione di rivalsa,verso il datore di lavoro, anche se  con il collaboratore familiare non c’è rapporto di subordinazione. 

In materia vi sono comunque orientamenti normativi contrastanti infatti  il Ministero del lavoro con la circolare 154/96 aveva  affermato che ai collaboratori familiari non si applica il Dlgs 626/94 in quanto non possono essere inquadrati come lavoratori con rapporto di lavoro subordinato e nemmeno vengono  richiamati fra gli equiparati .  Inoltre la stessa Corte costituzionale, con sentenza 212 del 1993 dichiarò che  la normativa antinfortunistica e di igiene non può trovare applicazione nell’impresa familiare,  giudicando «problematico l’incastro di obblighi e doveri sanzionati attraverso ipotesi di reato procedibili d’ufficio» in rapporti permeati di vincoli affettivi come quelli familiari.

Fonte: Il Sole 24 Ore


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Check list rilascio visto conformità superbonus 110%
In PROMOZIONE a 29,90 € + IVA invece di 39,90 € + IVA fino al 2020-11-15
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Valutazione d'azienda e Affrancamento: Pacchetto
In PROMOZIONE a 119,90 € + IVA invece di 159,96 € + IVA fino al 2030-12-31
Affrancamento terreni 2020 (excel)
Scaricalo a 39,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE