nuova cartella di pagamento a partire dal 1° gennaio 2016

Rassegna stampa Pubblicato il 17/07/2017

La cartella di pagamento si rinnova

Approvata la nuova cartella di pagamento da utilizzare obbligatoriamente per le cartelle di pagamento relative ai ruoli consegnati agli Agenti della riscossione a decorrere dal 1 luglio 2017

La cartella di pagamento si rinnova. Con Provvedimento del 14 luglio 2017 viene approvato il nuovo modello di cartella di pagamento in sostituzione del vecchio approvato appena un anno fa.

Il nuovo modello che sostituisce quello approvato approvato con provvedimento  del 19 febbraio 2016  è obbligatorio per le cartelle di pagamento relativo ai ruoli consegnati agli Agenti della riscossione a decorrere dal 1 luglio 2017.
Il nuovo modello di cartella di pagamento mira a rappresentare in modo più chiaro i contenuti  al fine di rendere maggiormente fruibili le informazioni per il contribuente.
Con specifico riguardo al frontespizio, oltre all’elencazione degli Enti creditori delle somme contenute nella cartella, vengono riportati una sintetica esposizione della causale da cui è scaturita l’iscrizione a ruolo (ad esempio, controllo Modello Unico, infrazioni codice della strada), con il relativo anno di imposta qualora si tratti di crediti di natura erariale, nonché un prospetto nel quale viene spiegata la spettanza delle somme rispettivamente all’Ente creditore e all’Agente della riscossione.

Inoltre, nel caso di cartelle contenenti importi iscritti a ruolo da parte di più Enti creditori, la tipologia di Ente creditore può essere individuata anche mediante l’uso di un colore differente (ad esempio, arancione per le iscrizioni a ruolo delle Agenzie fiscali; verde per le iscrizioni a ruolo di Comuni, Regioni), che trova peraltro corrispondenza nel banner colorato nella sezione della cartella dedicata alle informazioni di competenza dell’Ente creditore.

  • La prima sezione della cartella è interamente riservata all’Agente della riscossione che fornisce tutte le informazioni utili attinenti in particolare alle modalità di pagamento delle somme, alla richiesta di sospensione della cartella, alle modalità di presentazione del ricorso nei confronti dell’Agente nonché ai punti di contatto dove è possibile rivolgersi per chiedere ulteriori chiarimenti circa i pagamenti
  • la seconda sezione è destinata a contenere la descrizione dei dati contabili e della causale del ruolo emesso dall’Ente creditore con le relative Avvertenze.
     

Ti potrebbe interessare la sezione del nostro Business Center Difendersi dal Fisco con tanti ebook e utilità indipensabili per la tua professione

Per aggiornamenti segui il nostro Dossier gratuito Contenzioso Tributario 2017

Fonte: Fisco e Tasse



Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)