DOSSIER
Decreto Sviluppo 2012 - DOSSIER

Contenzioso tributario e Processo Telematico 2020

Dalla riforma del contenzioso al processo tributario telematico : tutte le novità in vigore nel 2020

La disciplina del contenzioso tributario è stata oggetto di diverse riforme con le conseguenti difficolta per il contribuente di avere le idee chiare in merito. In questo Dossier abbiamo raccolto la normativa aggiornata, la giurisprudenza e tanti approfondimenti per aiutarti. 

Devi redigere un ricorso? Abbiamo tante guide e utilità dedicate al contenzioso nella sezione: Difendersi dal Fisco

In generale, se il contribuente ritiene illegittimo o infondato un atto emesso nei suoi confronti (come un avviso di liquidazione o di accertamento o una cartella di pagamento), può rivolgersi alla Commissione tributaria provinciale per chiederne l’annullamento totale o parziale. Le Commissioni tributarie hanno infatti giurisdizione su tutte le controversie relative a tributi di ogni genere e specie, e su tutte le controversie di natura catastale (come quelle concernenti il “classamento” dei terreni e l’attribuzione della rendita catastale) nonché sulle controversie inerenti all’imposta o al canone comunale sulla pubblicità e al diritto sulle pubbliche affissioni.

Per tutte le liti tributarie esistono due gradi di giudizio di merito:

  • in primo grado, dinanzi alla Commissione tributaria provinciale territorialmente competente,
  • in appello, dinanzi alla Commissione tributaria regionale, si può proporre impugnazione per le sentenze emesse dalle Commissioni tributarie provinciali.
  • Contro le sentenze della Commissione tributaria regionale è possibile ricorrere alla Corte di cassazione.

Decidere di instaurare un contenzioso è una opportunità che va valutata attentamente in quanto comporta:

  • nella maggior parte dei casi, costi aggiuntivi rappresentati dall’obbligo di farsi assistere da un difensore (tranne per le controversie di importo minore di 3.000 euro)
  • dal rischio, per chi perde, di essere condannato al pagamento delle spese.

Ricordiamo inoltre che,  per le controversie di valore non superiore a € 20.000 il ricorso produce anche gli effetti del reclamo e può contenere anche una dettagliata proposta di mediazione, cioè di rideterminazione degli importi dovuti.




Speciale del 17/01/2020

Accertamento nullo se emesso dopo la scadenza ma firmato prima

È illegittimo l’accertamento emesso nel rispetto dei termini per il contraddittorio se sottoscritto antecedentemente. Cassazione 27357 2019
Speciale del 15/01/2020

La motivazione apparente rende nulla la sentenza

Anche nel processo tributario la sanzione di nullità colpisce le sentenze prive di motivazione o con motivazione contraddittoria o incomprensibile
Rassegna stampa del 14/01/2020

Versamenti del professionista sul c/c equiparati a ricavi: a dirlo la Cassazione

Versamenti del lavoratore autonomo sul proprio conto corrente o su quello dei familiari: necessario provare che sono estranei all'attività professionale.
Rassegna stampa del 10/01/2020

Studi di settore: il contribuente non può modificare la scelta di adeguarsi

Cassazione: il contribuente non può ritrattare la scelta di adeguarsi agli studi di settore, salvo che non provi l’errore essenziale e riconoscibile nella dichiarazione dei redditi.
Rassegna stampa del 09/01/2020

Reato di occultamento delle scritture contabili soggetto a sequestro

Sì al sequestro preventivo e alla confisca del profitto del reato di occultamento dei documenti contabili quando il tributo evaso risulta quantificabile.
Speciale del 08/01/2020

Disattendere la tesi del CTU necessita di adeguate motivazioni

La posizione della Cassazione sull'applicazione delle conclusioni della consulenza tecnica d'ufficio nel contenzioso tributar. Cassazione 6210/2018
Speciale del 02/01/2020

Prescrizione cartella di pagamento nel fallimento: chi giudica?

Cartella di pagamento: giurisdizione Tribunale e non del giudice tributario sulla prescrizione in sede di fallimento. Qualche riflessione critica
Speciale del 27/12/2019

Contenzioso: utilizzabilità dei documenti

L’utilizzazione successiva del documento non prodotto viene inibita solo dalla richiesta specifica: la consolidata posizione della Cassazione
Speciale del 19/12/2019

Il preavviso di fermo amministrativo è impugnabile

Fermo amministrativo: il preavviso è un atto impugnabile autonomamente davanti al giudice. Sentenza Cassazione 9516 2018
Speciale del 16/12/2019

Accertamento e revoca del diniego in autotutela

Costante il recente orientamento della Cassazione in tema di revoca di un atto di accertamento definitivo da parte dell'Amministrazione finanziaria