IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 13/02/2017

Comunicazione amministratori condominio 2017: come fare con condomini morosi

Tempo di lettura: 2 minuti
168x126 formazione amministratore condominio

I condomini morosi possono detrarre le spese nella dichiarazione dei redditi 2017 (730/2017 e RedditiPF 2017) se le saldano entro il 24 luglio 2017

Commenta Stampa

Com’è noto gli amministratori di condominio devono comunicare telematicamente all’Agenzia delle Entrate entro il 28 febbraio 2017 le spese sostenute dai condomini per il recupero del patrimonio edilizio e del risparmio energetico.La comunicazione deve essere fatta tenendo conto dei pagamenti attribuiti ai condòmini in base al principio "detrae chi paga" in quanto l’amministratore certificherà ai singoli condòmini, anno per anno, solo quanto da loro effettivamente versato nell’anno. Questo orientamento apre così il problema di come indicare i contribuenti morosi, quelli cioè che non hanno pagamento interamente chi ha effettuato i lavori.

Una prima ipotesi vede l'amministratore attingere a un fondo di riserva o alla liquidità disponibile del condominio ed effettuare nel 2016 bonifici per l'intero importo recuperando in seguito quanto dovuto dal moroso. In questo caso,

  • nel campo 5, “Spese effettuate con bonifico” della schermata “Interventi” indicherà l’importo complessivo in quanto "va indicato l’ammontare delle spese pagate dal condominio con bonifico per un determinato intervento entro il 31/12/2016. Per ciascun intervento, la somma delle “Spese effettuate con bonifico” e delle “Spese effettuate con modalità differenti” (es. oneri di urbanizzazione) deve corrispondere alla somma di tutte le quote attribuite ai condòmini per lo stesso intervento".
  • Quando poi si arriva alle schermate “unità immobiliari/soggetti” per ciascuna unità, nel campo 20 “Importo della spesa attribuita al soggetto” vanno indicate le quote di spesa attribuite al condòmino rispetto al totale pagato dal condominio entro il 31 dicembre 2016. Quindi, lo stesso importo per tutti i condomini.
  • Nella stessa schermata, nel campo 21 “Flag Pagamento” va indicato se tali spese siano state o meno pagate dal singolo condomino entro il 31 dicembre 2016. E in questo caso va indicato il codice «1» perché l’importo effettivamente versato dal «soggetto» moroso risulta inferiore all’importo attribuito .

Attenzione: il contribuente moroso avrà comunque il diritto di detrarre quanto ancora deve se lo verserà entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa.  Quindi, con bonifici effettuati dal condominio nel 2016, entro il 24 luglio 2017 per il 730/2017 o entro il 2 ottobre 2017 per Redditi (ex Unico) 2017. E nel caso del primo scenario sarà proprio il codice 1 al campo 21 “Flag pagamento” a evitare complicazioni con la precompilata perché, come chiarito dalle Entrate a Telefisco, «la spesa sarà indicata esclusivamente nel foglio informativo e il contribuente, in presenza delle condizioni di detraibilità previste dalla normativa vigente, potrà modificare la dichiarazione aggiungendo tale onere qualora pagato entro la data di presentazione della dichiarazione».

Questa però non è l'unica possibilità, infatti il secondo scenario vede l'amministratore che bonifica all’impresa solo quanto ha incassato, cioè 90mila euro. In questo caso,

  • nel campo 5, “Spese effettuate con bonifico” della schermata “Interventi” indicherà l’importo di 90mila euro. Poi, nelle schermate unità immobiliari/soggetti, come spiegano le Entrate con un preciso “specchietto" nel campo 20 “Importo della spesa attribuita al soggetto” l’amministratore indicherà il reale importo versato dai contribuenti.

Sul condominio minimo vedi l'ebook "Il condominio senza amministratore"

Scopri la convenienza dei software che abbiamo preparato per la gestione dei condomini

Potrebbe interessarti il Pacchetto Condominio con 4 e-book e le risposte a più  di 200 quesiti.

Per approfondire segui gli aggiornamenti sul Dossier gratuito dedicato agli obblighi fiscali del condominio 2017

 

Fonte: Il Sole 24 Ore


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 roberta roberta - 22/02/2017
Nel caso lo stesso condomino abbia più di un'unità immobiliare nello stesso edificio, si deve indicare la somma delle quote di pertinenza di ciascuna unità associate allo stesso codice fiscale o lasciarle distinte pur con lo stesso codice fiscale?
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Fernando Fernando - 18/02/2017
Eventuali spese che riguardano la proprietà esclusiva (balconi) eseguita dal condominio previa versamento dei fondi come fare
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Quadro RG e Irap 2021 ditte individuali in semplificata
In PROMOZIONE a 17,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Elementi contabili ISA 2021 (Excel)
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Impairment test OIC 9 - perdite durevoli (Excel)
In PROMOZIONE a 49,90 € + IVA invece di 57,30 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE