HOME

/

PMI

/

ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI

/

INTERESSI PASSIVI NEI BILANCI 2016

1 minuto, Redazione , 27/01/2017

Interessi passivi nei bilanci 2016

Gli interessi passivi devono essere contabilizzati nel 2016 anche se saranno prelevati dal conto corrente il 1° marzo 2017. Attenzione al rischio anatocismo.

Gli interessi passivi del conto corrente relativi all'ultimo trimestre 2016 sono costi di competenza dell'esercizio 2016 anche se saranno esposti nell'estratto conto il 1° marzo 2017.
Infatti, a partire dal 1° ottobre 2016

  • gli interessi passivi non possono «produrre interessi ulteriori, salvo quelli di mora», sono «conteggiati al 31 dicembre e divengono esigibili il 1° marzo dell'anno successivo a quello in cui sono maturati», Pertanto, gli interessi passivi maturati nell'ultimo trimestre 2016 dovranno essere pagati alla banca il 1° marzo 2017.
  • gli interessi attivi, conteggiati al 31 dicembre, divengono esigibili  immediatamente. 

In particolare, il punto 2) del comma b) dell’art. 120 TUB (L. 385/93) così come modificato dalla L. 49/2016 determina le modalità di pagamento degli interessi debitori da parte del cliente della banca. In particolare prevede che il cliente possa scegliere tra autorizzare direttamente l’addebito degli interessi nel momento in cui diventano esigibili, oppure non autorizzare l’addebito.

  • il debitore può autorizzare, anche in maniera preventiva, l'addebito in conto degli interessi nel momento in cui divengono esigibili cioè al 1° marzo di ogni anno (o al momento della chiusura del conto). In tale data pertanto il cliente subirà un prelievo pari all’importo degli interessi a debito, ma come specificato dalla norma la somma addebitata è considerata sorte capitale e quindi se con l’addebito il saldo del conto diventa passivo, l’addebito produce anatocismo. L'autorizzazione è revocabile dal correntista in ogni momento, entro il termine però dell’avvenuto addebito degli interessi passivi.
  • il correntista può non autorizzare preventivamente l’addebito degli interessi passivi al 1° marzo dell’anno successivo. In questa ipotesi ci sono due possibilità per il debitore:
    • non autorizzare l'addebito ed effettuare un versamento di importo maggiore o uguale a quello degli interessi. In questo modo evita il rischio anatocismo grazie all’estinzione del debito.
    • Non pagare il debito e lasciarlo scadere. In tale situazione il debito scaduto e non pagato in base al comma 2 dell’art. 1219 del codice civile va automaticamente in mora con conseguente anatocismo. Infatti, data l’introduzione del permesso dell’anatocismo sugli interessi di mora previsto nel primo periodo della lettera b) dell’art. 120 TUB oggetto di analisi, la banca può calcolare sugli interessi di mora ulteriori interessi.

Per saperne di più leggi l'approfondimento Il rischio dell’anatocismo dopo il decreto banche 2016

Rimani sempre aggiornato con le novità, gli approfondimenti contenuti nel Dossier Anatocismo e Usura

Potrebbe interessarti il Pacchetto Contenzioso Banche, Anatocismo e Usura contenente:5 e-book e 3 Software

 

Tag: ANATOCISMO E USURA 2019 ANATOCISMO E USURA 2019 IL BILANCIO D'ESERCIZIO 2020 IL BILANCIO D'ESERCIZIO 2020 ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI · 05/07/2021 Patrimonio Rilancio: attivo lo strumento per sostenere le imprese

Patrimonio rilancio è attivo lo strumento a sostegno della patrimonializzazione delle imprese con fatturato superiore a 50 milioni di euro.

Patrimonio Rilancio: attivo lo strumento per sostenere le imprese

Patrimonio rilancio è attivo lo strumento a sostegno della patrimonializzazione delle imprese con fatturato superiore a 50 milioni di euro.

PMI agricole: agevolazioni nel decreto pubblicato in GU n 135 dell' 8 giugno

Mutui a tasso zero per impreditoria giovanile in agricoltura previsti dal Decreto 20 aprile pubblicato in GU n 135 dell'8 giugno. Vediamo i dettagli

F24: codice tributo credito d'imposta investitori per rafforzamento patrimoniale

Istituito il codice tributo per utilizzo in F24 del credito d'imposta del 20% del conferimento in imprese (art. 26 comma 4 DL 34/2020)

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.